Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Persone » Soggetto produttore - Persona

Locati Giuseppe Sebastiano

Milano 1861 - Milano 1939

Architetto

Intestazioni:
Locati, Giuseppe Sebastiano, architetto, (Milano 1861 - Milano 1939), SIUSA

Giuseppe Sebastiano Locati, milanese, si forma all'Accademia di Belle Arti di Milano dove, conseguita la licenza nel 1881, vince il Concorso Oggioni per il biennio di perfezionamento a Roma, concluso il quale si trasferisce a Parigi. La consuetudine con il viaggio di studio consente all'architetto di formare direttamente e aggiornare le proprie conoscenze artistiche e di alimentare un gusto eclettico dove "interpreta liberamente epoche e stili". Dopo l'incarico dal 1887 al 1890 presso la Scuola di Architettura dell'Accademia di Belle Arti di Milano, ottiene dal 1899 la nomina a professore presso l'Università di Pavia dove svolgerà attività didattica fino al 1935, con una breve parentesi romana seguita alla chiamata nel 1921 alla Regia Scuola di Architettura. La sua attività professionale, limitata in ambito pavese a proposte di trasformazione di alcuni edifici pubblici, si svolge prevalentemente a Milano dove Locati realizza interessanti edifici eclettici per committenti privati tra i quali si ricordano la Casa Rigamonti (1889-90), la Casa dei fratelli Reininghaus (1895-96) - brillante integrazione di abitazioni, attività commerciali e una sala per spettacoli - la Casa dello scultore Odoardo Tabacchi (1902). Dal 1891 al 1893 si trasferisce a Lisbona su invito di Alfredo D'Andrade che gli affida il progetto delle residenze del fratello e della sorella. Per l'Esposizione Universale di Milano (1906) redige il Piano Generale della sezione al parco e il progetto dei padiglioni più rappresentativi tra i quali l'Acquario Civico ricostruito dopo le distruzioni belliche. Assidua e continua quanto a impegno a cui conseguono buone qualificazioni è la partecipazione a concorsi internazionali.

Notizie tratte da: "Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti", a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.

Complessi archivistici prodotti:
Locati Giuseppe Sebastiano (fondo)


Bibliografia:
Luigi Brusotti et al. (a cura di), Architetto Giuseppe Sebastiano Locati. Progetti, costruzioni, rilievi, Rossetti, Pavia, 1936
Luisa Erba, Il Neogotico nell'insegnamento per gli ingegneri nell'Università di Pavia a cavallo tra Ottocento e Novecento: Giuseppe Sebastiano Locati, in Il Neogotico in Europa nel XIX-XX secolo, atti del convegno, Milano, 1989, pp. 206-214
Simona Sala, Serena Sansone, L'Acquario di Milano e l'architetto Giuseppe Sebastiano Locati, tesi di laurea, relatore Aurora Scotti, Facoltà di Architettura, Politecnico di Milano, A.A. 1997-98
Susanna Zatti, G. S. Locati, Materiali di Storia Urbana. Il progetto edilizio (1840-1940), E.M.I., Pavia, 1988, p. 350

Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/03/02, prima redazione


icona top