Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Sezione prima - Antico Regime

sub-fondo / sezione

Estremi cronologici: 1427 - 1851

Consistenza: Unità 516: regg. 237, voll. 128, fascc. 55, atti singoli 96

Storia archivistica: La sezione comprende quella documentazione che, compresa tra il 1427 ed il 1851, per organizzazione e tipologia di ordinamento è stata inventariata con tecniche descrittive differenziate dal resto dell'Archivio. E' infatti costituita dalle serie originarie prodotte durante le dominazioni spagnola e sabauda, rispondendo nel contempo ad un criterio cronologico - istituzionale in quanto coincidente con la fine delle istituzioni catalano - aragonesi che si protrassero durante la dominazione piemontese in virtù del Trattato di Londra (1718), ed abolite soltanto nel 1848 con la fusione della Sardegna agli Stati di terraferma. Ancora, al mutamento istituzionale generale, corrispose il Regio Editto del 7 ottobre 1848 che, rendendo elettivi gli organi rappresentativi, sancì la nascita del Comune moderno. Una cesura normativa di tale portata non poteva non tramutarsi in cesura archivistica, dal momento che si è rilevato all'interno della documentazione un effettivo spartiacque segnato dalla standardizzazione delle procedure e dalla conseguente scomparsa di vecchie serie, con la nascita di nuovi tipi di documentazione legati ad ulteriori funzioni espletate dall'Ente. Ulteriore conferma in questo senso forniscono le antiche segnature dei registri, la cui numerazione originaria riprende dal numero uno a partire dal 1849. Il riordinamento per materia subito dall'archivio sul finire del XIX sec. aveva gravemente compromesso l'assetto originario della documentazione attinente a questa sezione. La maggior parte degli atti erano contenuti in 5 grandi buste contrassegnate dalla dicitura "Corrispondenza antica", prive di qualsiasi ordine interno; numerosi registri si presentavano smembrati, sezionati in più tomi. Le carte, provenienti da diverse unità archivistiche originarie, erano commiste in attesa di trovare posto nei fascicoli per materia. Tuttavia, l'ordinamento peroniano non fu mai terminato. Le scelte di ordinamento sono state rivolte a ripristinare l'originaria organizzazione dell'archivio per serie omogenee nel tentativo di rendere conto dell'evoluzione delle strutture amministrative nel corso dei secoli e dei suoi riflessi sulla produzione documentaria. Lo stato di estrema commistione degli atti ha comportato la necessità di una pre - schedatura molto minuziosa delle singole carte che sono state poi riavvicinate sulla base di ricorrenze contenutistiche e cronologiche fino alla ricostruzione di interi registri. A tal fine si sono rivelati preziosissimi i repertori e gli inventari coevi alla documentazione; da essi apprendiamo che parte della documentazione era già andata perduta sin dal XVIII sec. e che gran parte di questa doveva essere in precario stato di conservazione se, ad esempio, era stata avvertita la necessità di regestare per intero i Libri di Regimen cinquecenteschi. I frequenti spostamenti subiti dagli uffici per mancanza di una casa comunale stabile hanno favorito la dispersione delle carte. La precarietà e spesso la fatiscenza dei locali destinati all'amministrazione comunale hanno arrecato gravissimi danni al materiale documentario determinando l'insorgere di infezioni microbiche e l'infragilimento dei supporti cartacei

Descrizione: La sezione comprende inoltre le seguenti serie: Privilegi, voll. 2, atti singoli 3 (1427 - 1776); Leggi e regolamenti, voll. 2, atti singoli 5 (1698 - 1826); Risoluzioni del Consiglio Generale, regg. 2, atto singolo 1 (1836 - 1848); Risoluzioni del Consiglio Particolare, regg. 9, atto singolo 1 (1836 - 1849); Copialettere e corrispondenza pervenuta, voll. 5 (1764 - 1812); Legati pii, vol. 1 (1559 - 1801); Cause e liti, fasc. 1, atti singoli 19 (1626 - 1822); Pubblici strumenti, vol. 1, atti singoli 8 (1576 - 1847); Libri dell'Amostassen, atto singolo 1 (1789); Catasto, regg. 2 (1809 - 1822); Feudo di Montresta, regg. 3 (1776 - 1841); Usi civici - Registri, regg. 3, atti singoli 4 (1750 - 1842); Usi civici nel territorio di Montresta, regg. 3 (1792 - 1851); Arrendamenti, voll. 4, atti singoli 20 (XVII sec. - 1847); Miscellanea, reg. 1, vol. 1, atti singoli 8 (1617 - XIX sec.); Inventari e repertori, regg. 2, vol. 1 (1770 - 1783)

Ordinamento: La documentazione è ordinata per serie omogenee

La documentazione è stata prodotta da:
Comune di Bosa

La documentazione è conservata da:
Comune di Bosa


Redazione e revisione:
Castellino Anna, 2012, revisione
Mura Simonetta, 2008 ottobre 2, revisione


icona top