Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

img
icona Archivi di personalitàCensimento dei fondi toscani tra '800 e '900

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Gli archivi di impresa

La Direzione generale per gli archivi e gli istituti archivistici svolgono azioni di tutela nei confronti degli archivi di impresa fin dai primi anni Sessanta: risale infatti al giugno 1964 la prima dichiarazione di notevole interesse storico riguardante un archivio d'impresa, emessa dalla Soprintendenza archivistica per le Marche nei confronti dell'archivio delle Cartiere Miliani di Fabriano.

Negli anni successivi sono state effettuate le prime visite ispettive ad alcuni importanti archivi d'impresa, quali ad esempio quelli della FIAT e della Pirelli, e nel 1972 l'Amministrazione archivistica ha organizzato sul tema un incontro tra studiosi di storia economica e archivisti, i cui atti sono stati pubblicati l'anno successivo nella «Rassegna degli archivi di Stato», XXXIII (1973), pp. 9-76. Nel 1984 la rivista ufficiale degli archivi ha dedicato all'argomento un numero monografico, il numero XLIV, consultabile in linea, in cui sono pubblicate, tra l'altro, le relazioni presentate nel convegno organizzato nel 1982 a Genova dall'Ansaldo, la prima impresa italiana che abbia costituito il proprio archivio storico.

Da allora si sono succedute, sia pure in forma episodica, molte iniziative dirette alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio documentario d'impresa presente sul territorio tramite censimenti, mostre, convegni e numerose pubblicazioni. A partire dalla fine degli anni Settanta alcune Soprintendenze (Toscana, Lazio, Lombardia, parzialmente Veneto) hanno svolto campagne di censimento e realizzato interventi di ordinamento che hanno portato alla pubblicazione di guide e inventari, oppure organizzato mostre e convegni sul tema; singole imprese hanno istituito il proprio archivio storico e sono sorti centri, fondazioni e altre istituzioni, per lo più private, con la finalità di studiare il settore, suscitare dibattiti, erogare formazione, avviare attività di tutela e valorizzazione sul territorio. Ad oggi le pubblicazioni sull'argomento assommano a oltre venticinque titoli.

Le schede descrittive di archivi di impresa vigilati realizzate a cura delle Soprintendenze archivistiche sono consultabili nel SIUSA e riunite in questo percorso tematico; dal giugno 2010 sono accessibili anche tramite il Portale degli archivi di impresa, uno dei portali tematici del Sistema archivistico nazionale (SAN), che ha l'obiettivo di raccogliere in forma sistematica il cospicuo materiale esistente, fornire un accesso unitario alle descrizioni archivistiche presenti nel web e promuovere ulteriori iniziative. La più significativa tra queste è stato il Censimento degli archivi d'impresa in Piemonte (Caip), realizzato dalla Regione Piemonte e dalla DGA, con la collaborazione dell'Istituto Gramsci di Torino, che ha portato alla redazione di schede descrittive di oltre 300 imprese e dei complessi archivistici da queste prodotti e alla costituzione di un grande archivio di 4.000 immagini digitali.





icona top