Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Barbolani di Montauto Gaetani, famiglia

complesso di fondi / superfondo

Estremi cronologici: sec. XI - sec. XVIII

Note alla datazione: la data più antica si riferisce a documenti in copia di epoche successive

Consistenza: Unità 800

Storia archivistica: Nel 1987 il marchese Fabrizio Barbolani da Montauto denunciò presso la sua abitazione l'esistenza di tre fondi archivistici: Barbolani da Montauto, Malaspina di Filattiera e Terrarossa, e Gaetani di Pisa.
L'archivio fu dichiarato di notevole interesse con tre provvedimenti distinti: n. 561 del 14 marzo 1988 (archivio Barbolani da Montauto), n. 559 del 14 marzo 1988 (archivio Gaetani da Pisa), n. 560 del 14 marzo 1988 (archivio Malaspina). Il Fondo Malaspina, della consistenza di 360 pezzi cartacei e 11 pergamene, per 11 metri lineari (secc. XV-XIX), è stato venduto nel 1997 alla Amministrazione Archivistica per l'Archivio di Stato di Firenze.

Descrizione: Il Fondo Barbolani si riferisce al ramo della famiglia di Torquato di Giovanni che si era staccato da uno dei tre rami principali nel primo Cinquecento, i futuri marchesi di Montevitozzo. composto da carte appartenenti al ramo di famiglia del proprietario e altre recuperate sul mercato antiquario. Per questo motivo vi si conservano, oltre ai documenti di amministrazione del patrimonio proprio del ramo dei marchesi di Montevitozzo, anche alcuni spezzoni di archivi del ramo di Pietro di Bartolomeo, detto il ramo di Galbino (quest'ultimo fu per un certo periodo fu proprietario del castello di Montauto, già proprietà del ramo principale dei Barbolani estintosi nei Velluti Zati alla metà dell'Ottocento), e di quello del conte Ottavio. Vi è poi un fondo Gaetani di Pisa, pervenuto nei Barbolani per il matrimonio tra Ferdinando ed Elisabetta Gaetani nel 1760.
In linea di massima, il contenuto (sec. XVI-1915), 800 pezzi ca.,si articola nelle seguenti serie:
- Privilegi;
- Carteggi;
- Affari legali;
- Carte di amministrazione;
- Documenti relativi a matrimoni e parentele;
- Carte miscellanee.

Ordinamento: Nel 1993 fu effettuata una schedatura dei pezzi; tuttavia non è stato mai compilato un elenco o inventario.

La documentazione è stata prodotta da:
Barbolani da Montauto

La documentazione è conservata da:
privato

Per informazioni rivolgersi alla soprintendenza competente per il territorio


Redazione e revisione:
Bettio Elisabetta, 2005/09/12, prima redazione


icona top