Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

de Vico Raffaele

fondo

Estremi cronologici: 1906 - 1969

Note alla datazione: con documenti fino agli anni Ottanta, riferibili agli studi compiuti da Massimo de Vico Fallani sulle opere del nonno.

Consistenza: fascc. 107 (contenenti fotografie, materiale di studio e carteggi vari), 90 cartelle (con 320 disegni), 2 album, 1 taccuino, 5 scatole (con 35 lastre fotografiche).

Storia archivistica: L'archivio, dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio il 9 settembre 1998, è stato oggetto nel 2015 di un intervento di riordinamento e inventariazione, coordinato dalla Soprintendenza archivistica e dall'arch. Maria Letizia Accorsi e realizzato dall'architetto bulgaro Marina Jekova Mateva, assegnataria di una borsa di studio ERASMUS, erogata nell'ambito di un accordo tra la Facoltà di architettura UACEG-Sofia e la Scuola di specializzazione in restauro dei beni architettonici e paesaggio - Sapienza Università di Roma,
Per i disegni è stato realizzato anche un intervento di restauro finanziato dalla Soprintendenza.
Per volontà degli eredi è stato donato nel 2017 all'Archivio storico Capitolino.

Descrizione: Il complesso documentario comprende, fotografie (circa 729 più stampe a contatto, negativi e positivi), disegni (320), 3 album, lastre fotografiche (35), due fascicoli di carte personali e il materiale di studio prodotto da Massimo de Vico Fallani. La documentazione, in parte lacunosa (a causa di gravi dispersioni del materiale grafico), illustra l'attività professionale dell'architetto Raffaele de Vico Fallani.

Ordinamento: E' stato realizzato un progetto articolato in diversi interventi: riordinamento, digitalizzazione e restauro.
Oltre alla schedatura di tutto il materiale e definizione della struttura e inventariazione, si è proceduto alla digitalizzazione dei documenti e al restauro degli elaborati grafici in precario stato di conservazione.
I disegni restaurati sono stati condizionati singolarmente in apposite cartelle realizzate con cartoncini da conservazione acid-free.; gli altri documenti sono stati sistemati in buste e scatole.

Strumenti di ricerca:
Marina Jekova Mateva, De Vico Raffaele (1881-1969). Inventario dell'archivio, coord. M.L. Accorsi E. Reale

La documentazione è stata prodotta da:
de Vico Raffaele

La documentazione è conservata da:
Comune di Roma. Archivio storico capitolino


Bibliografia:
GAWLIK Ulrike, Raffaele de Vico. I giardini e la architetture romane dal 1908 al 1962, contributi di Massimo de Vico Fallani e Simone Quilici. Firenze OlschKi 2017 (collana Giardini e Paesaggio, 49)
Guida agli archivi di architettura a Roma e nel Lazio, a cura di M. Guccione D. Pesce E. Reale, Roma Gangemi 2007, 102

Redazione e revisione:
Denittis Anna Cristina, 2016/04/17, integrazione successiva
Mirante Raffaella, 2006/02/14, prima redazione
Reale Elisabetta, 2016/10/26, supervisione della scheda


icona top