Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Busiri Vici Andrea

fondo

Estremi cronologici: 1840 - 1911

Consistenza: Elaborati grafici 730, fotografie 178, stampe 26, fascicoli 2

Storia archivistica: L'Archivio, dichiarato di notevole interesse storico in data 30 luglio 1975, dopo un parziale intervento eseguito dagli eredi negli anni Novanta, è stato riordinato nel 2001 nell'ambito di un progetto di censimento e recupero degli archivi privati di architetti attivi a Roma e nel Lazio tra l'Unità d'Italia e il secondo dopoguerra, promosso dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio. Il fondo, di proprietà degli eredi, è conservato a Roma.

Descrizione: L'archivio è costituito da disegni, fotografie, stampe e documentazione diversa riguardanti l'attività professionale.

Ordinamento: Per la schedatura del materiale e la redazione dell'inventario è stato utilizzato, con alcune modifiche introdotte dalla Direzione Generale Archivi, il software in uso presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia, appositamente realizzato per la descrizione degli archivi di architettura, che consente non solo di operare collegamenti tra la documentazione di diversa tipologia relativa allo stesso progetto, ma anche la possibilità di collegare le descrizioni dei disegni alle immagini acquisite. La documentazione è stata organizzata in 3 serie, ordinate cronologicamente, in base alla tipologia documentaria.

Strumenti di ricerca:
Soprintendenza Archivistica Lazio, Busiri Vici Andrea. Inventario dell'archivio (con banca dati in rete)

Siti web:
Soprintendenza Archivistica Lazio - Architetti

La documentazione è stata prodotta da:
Busiri Vici Andrea

La documentazione è conservata da:
privato


Redazione e revisione:
Mirante Raffaella, 2005/10/24, prima redazione

Modalità di consultazione:
Per la consultazione rivolgersi alla Soprintendenza archivistica per il Lazio.


icona top