Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei complessi » Complesso archivistico

"Aquaroni" ( o del Patrimonio romano dei Bichi)

serie

Estremi cronologici: 1473 - 1803

Consistenza: Unità 118

Storia archivistica: La sezione prende il titolo dal suo antico riordinatore, Francesco Aquaroni, che nel 1804 inventariò la parte dell'archivio riguardante soprattutto il patrimonio e gli affari romani della famiglia Bichi.

Descrizione: La sezione è articolata nelle seguenti serie:
Camera Apostolica (nn. 129-140, 1653-1665)
Tumulto dei Corsi (n. 141, 1662)
Memorie (nn. 142-146, 1473-1735)
Cause (nn. 147-212, 1648-1756)
Compravendite, transazioni, doti ecc. (nn. 213-218, 1511-1786)
Testamenti (nn. 219-220, 1517-1712)
Inventari (nn. 221-223, 1612-1803)
Procure, mandati, ricevute (nn. 224-227, 1600-1766)
Atti pontifici (n. 228, 1510-1746)
Suppliche (n. 229)
Amministrazione dei beni (nn. 230-244, 1647-1785)
Piante e mappe (n. 245)
Notizie storiche sulla famiglia (n. 246, 1694).

Informazioni sulla numerazione: La sezione è contraddistinta dal n. V; le unità documentarie che la compongono sono numerate da 129 a 246.

Strumenti di ricerca:
Tommaso Bichi Ruspoli Forteguerri, Bichi Ruspoli, famiglia. Inventario dell'archivio

Strumenti di ricerca interni al fondo: Rubricella contenente tutte le scritture di casa Bichi, compilata dal sacerdote Aquaroni nel 1804 (n. 366)

La documentazione è stata prodotta da:
Bichi Ruspoli Forteguerri Pannilini

La documentazione è conservata da:
Archivio di Stato di Siena


Bibliografia:
T. BICHI RUSPOLI FORTEGUERRI, L'archivio privato Bichi Ruspoli, in "Bullettino Senese di Storia Patria", vol. ...., 1980, pp. 194-225, 207-216

Redazione e revisione:
Insabato Elisabetta, 2007, revisione
Trovato Silvia, 2006/07/24, prima redazione

Modalità di consultazione:
Nell'orario di apertura dell'Archivio di stato di Siena.


icona top