Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Dallapiccola Luigi

fondo

Estremi cronologici: sec. XX primo quarto - sec. XX terzo quarto

Consistenza: m.l. 85

Storia archivistica: Il fondo è stato depositato nel 1978 dagli eredi Dallapiccola. Successivamente, nel 1992, Laura Coen Luzzatto e Anna Libera Dallapiccola hanno deciso di trasformare il deposito in donazione. Nel 1995, in seguito alla scomparsa della vedova, la figlia del Maestro ha donato all'archivio lo studio di Dallapiccola, il suo pianoforte, mobili e suppellettili insieme alla biblioteca privata dei genitori.
L'ordinamento e la schedatura degli scritti, delle musiche e della bibliografia critica sono stati completati ed è uscito (nel 1996) l'inventario a stampa a cura di Mila De Santis (in appendice all'inventario anche un elenco dei mittenti della corrispondenza). Le descrizioni dell'inventario (comprendenti gli scritti e le musiche di Dallapiccola e la letteratura critica su di lui) ricercabili anche nella banca dati interrogabile on line. La biblioteca catalogata nell'opac del Gabinetto Vieusseux.

Descrizione: - Corrispondenza: oltre 6.000 lettere inviate tra il 1930 e il 1975 al Maestro, a cui si sommano ca. 4500 lettere in minuta o copia fotostatica, di Dallapiccola stesso. Molti i nomi di particolare interesse, tra questi Afredo Casella, Vito Frazzi, Gianandrea Gavazzeni, Mario Labroca, Riccardo Malipiero, Massimo Mila, Luigi Nono, Goffredo Petrassi, i Ricordi, Arnold Schonberg, Igor Stravinskij.
- Manoscritti: ca. 270 autografi o dattiloscritti del Maestro, comprensivi di lavori preparatori, conferenze, ecc.; ca. 240 autografi musicali, in parte inediti.
- Diari, agende e taccuini: 53 taccuini e 2 quaderni di appunti, attualmente sigillati e non consultabili, per vincolo testamentario, prima del 2040.
- Ritagli di giornali: alcune centinaia di ritagli dedicati all'opera di Luigi Dallapiccola.
- Raccolte di materiale bibliografico, di giornali, riviste: ca. 160 voci bibliografiche, esclusi i ritagli, di una certa consistenza sull'opera di Dallapiccola; circa 238 scritti a stampa del Maestro.
- Materiale grafico e iconografico: alcune fotografie di Dallapiccola e alcuni ritratti a matita e ad olio del Maestro di autori vari (G. Peyron, S. Loffredo, A. Sassu).
- Documenti su supporti avanzati: oltre 150 registrazioni di esecuzioni del repertorio di Dallapiccola.
- Biblioteca: ca. 4.000 volumi.

Strumenti di ricerca:
Inventari dell'archivio contemporaneo Alessandro Bonsanti. Gabinetto Vieusseux
Mila De Santis, Fondo Luigi Dallapiccola
Fondo Luigi Dallapiccola. Fotografie
Catalogo della biblioteca del Gabinetto Vieusseux
Catalogo delle opere d'arte dell'archivio contemporaneo Alessandro Bonsanti. Gabinetto Vieusseux

Siti web:
Archivio contemporaneo "Alessandro Bonsanti". Gabinetto Vieusseux (elenco dei fondi)

Documentazione collegata:
Fondo Dallapiccola, Musica a stampa di autori vari, partiture di alcune composizioni. Conservata presso: Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze
Collezione di opere d'arteConservata presso: Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti, Firenze

La documentazione è stata prodotta da:
Dallapiccola Luigi

La documentazione è conservata da:
Gabinetto scientifico letterario G. P. Vieusseux. Archivio contemporaneo Alessandro Bonsanti


Bibliografia:
"Mostra dell'Archivio Contemporaneo, Firenze, Palazzo Strozzi, 20 maggio-30 giugno 1978, Gabinetto GP Vieusseux", presentazione di Luigi Crocetti, Firenze, Mori, 1978, p. 51-62.
"Vieusseux e il Vieusseux, storia e cronaca di un istituto di cultura e del suo fondatore, catalogo delle mostre, 20 ottobre-10 dicembre 1979", Palazzo di Parte Guelfa, Palazzo Strozzi, Palazzo Corsini Suarez, Firenze, Mori, 1979, p. 101-103.
"Musica italiana del primo Novecento la generazione dell'80, 9 maggio-14 giugno 1980, Palazzo Strozzi, Firenze", mostra a cura di Fiamma Nicolodi, Firenze, Coppini, 1980.
"Musica italiana del primo Novecento la generazione dell'80, atti del convegno, Firenze, 9-10-11, maggio 1980", a cura di Fiamma Nicolodi, Firenze, Olschki, 1981.
"Fondo Luigi Dallapiccola", a cura di Mila De Santis, Premessa di Gloria Mamghetti, Firenze, Polistampa, 1996.
"Guida agli Archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area fiorentina", a cura di E. Capannelli e E. Insabato, Firenze, Olschki, 1996, 207-209
Mila De Santis, "Sulla strada della dodecafonia : appunti dalle carte del Fondo Dallapiccola", in "Dallapiccola, letture e prospettive, atti del convegno internazionale di studi, Empoli-Firenze, 16-19 febbraio 1995", promosso e organizzato dal Centro studi musicali Ferruccio Busoni di Empoli, a cura di Mila De Santis, prefazione di Talia Pecker Berio, Milano, Ricordi, Lucca, Lmi, 1997., [131]-153.
Mario Ruffini, "L'opera di Luigi Dallapiccola, catalogo ragionato", Milano, Edizioni Suvini Zerboni, 2002.
Cristina Cavallaro, "Biblioteche in biblioteca. Collezioni private nel Vieusseux", in «Culture del testo e del documento», a. 3 (sett.-dic. 2002), n° 9, p. 19-68, poi capitolo III, "Fondi speciali nel Gabinetto G.P. Vieusseux", di ID, "Fra biblioteca e archivio. Catalogazione, conservazione e valorizzazione di fondi privati", Milano, Sylvestre Bonnard, 2007, 85-89. ("Biblioteche d'autore" del Gabinetto Vieusseux)
"Ricercare, parole, musica e immagini dalla vita e dall'opera di Luigi Dallapiccola", Firenze, Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti, 4 novembre-21 dicembre 2005, a cura di Mila De Santis, Firenze, Pagliai Polistampa, 2005.
"Luigi Dallapiccola nel suo secolo", atti del convegno internazionale, Firenze, 10-12 dicembre 2004, a cura di Fiamma Nicolodi, Firenze, Olschki, 2007.

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Manghetti Gloria, 1996, prima redazione
Morotti Laura, 2008, revisione

Modalità di consultazione:
Per la consultazione necessario ottenere l'autorizzazione della famiglia Dallapiccola, in particolare per quanto riguarda il materiale epistolare. I diari del Maestro sono vincolati fino al 2040.
In archivio si accede previo appuntamento, si richiede lettera di presentazione.


icona top