Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Calderini Guglielmo

fondo

Estremi cronologici: 1857 - 1918

Consistenza: Unità 40: fascc. 40 in bb. 3

Storia archivistica: Conservata presso l'Accedemia di belle arti Pietro Vanncucci di Perugia, la documentazione prodotta da Calderini fu incrementata nel 1916, quando furono acquistati dall'Ufficio speciale del Genio civile per la costruzione degli uffici governativi i progetti riguardanti il Palazzo di Giustizia di Roma, e nel 1917, quando vennero donate all'Accademia le carte presenti nello studio romano dell'architetto.
Nel 2002 il fondo è stato oggetto del censimento degli archivi degli architetti, coordinato dalla funzionaria della Soprintendenza archivistica per l'Umbria Giovanna Giubbini e realizzato con contributi ministeriali. I dati, rilevati da archivisti della cooperativa ERA, sono stati inseriti in un database in Access che prevedeva la descrizione del fondo, quella dei singoli disegni ed una scheda biografica dell'autore.
Tra il 2007 e il 2008, con i finanziamenti della Direzione generale per gli archivi, si è provveduto all'ordinamento ed inventariazione dei complessi documentari conservati presso l'Accademia, compresa la documentazione di Calderini. L'intervento è stato realizzato dall'archivista libero professionista Vittorio Angeletti, con il coordinamento scientifico di una funzionaria della Soprintendenza archivistica per l'Umbria, Francesca Ciacci.
Lo strumento di ricerca è stato pubblicato in un volume edito nel 2009, nella collana della Soprintendenza "Scaffali senza polvere". Gli inventari in esso compresi, redatti con il software Sesamo 4.1., sono anche pubblicati on line nell'ambito del progetto regionale umbro .DOC e sono visualizzabili nel SIUSA a partire dalla presente scheda.
Si segnala che le eventuali discrepanze tra i dati delle schede del SIUSA e quelli inventariali sono dovute alle diverse modalità di descrizione adottate.
Altra documentazione prodotta da Calderini si trova presso l'Archivio di Stato di Perugia.
Il fondo è stato dichiarato di notevole interesse storico, insieme all'archivio dell'Accademia, il 14 marzo 1992.

Descrizione: Il fondo contiene la documentazione presente nelle tre serie descritte nell'inventario.
Presso l'Accademia, al momento del censimento del 2002, furono rilevati anche 297 disegni e 22 fotografie.
Si segnala che alcuni documenti hanno datazione successiva al 1916, anno di morte di Guglielmo Calderini.

Ordinamento: Individuazione di tre serie.

Informazioni sulla numerazione: La numerazione di buste e fascicoli riparte da 1 per ciascuna serie.

Strumenti di ricerca:
Vittorio Angeletti, Francesca Ciacci, Calderini Guglielmo. Inventario dell'archivio conservato presso l'Accademia di belle arti Pietro Vannucci di Perugia

Documentazione collegata:
Calderini Guglielmo, Si tratta di un album di fotografie riguardanti il palazzo di Giustizia di Roma e di una cartella di disegni facenti parti della donazione fatta da Ottorino Gurrieri nel 1993 all'Archivio di Stato di Perugia. Conservata presso: Archivio di Stato di Perugia

La documentazione è stata prodotta da:
Calderini Guglielmo

La documentazione è conservata da:
Fondazione Accademia di belle arti Pietro Vannucci di Perugia


Bibliografia:
ĞAAA Italiağ Bollettino dell'Associazione Nazionale Archivi Architettura Contemporanea, 2014, n. 13 (primo e secondo semestre), 35-36, 47
SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER L'UMBRIA, FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA, L'archivio dell'Accademia di belle arti Pietro Vannucci di Perugia. Inventario, a cura di V. ANGELETTI, coordinamento scientifico di F.CIACCI, Città di Castello, Alfagrafica, 2009 (Scaffali senza polvere, 18), 367 - 372

Redazione e revisione:
Robustelli Giovanna, 2009/05/30, prima redazione
Santolamazza Rossella, 2009/07/22, revisione

Modalità di consultazione:
Su richiesta, rivolgendosi ai responsabili della Fondazione.


icona top