Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Carte del sen. Ignazio Aymerich

fondo

Estremi cronologici: 1841 - 1878

Consistenza: Unità 4: bb. 4

Storia archivistica: Si deve all'attività pubblica esercitata dal marchese Ignazio la produzione delle carte frutto degli studi e delle analisi relativi alle problematiche ottocentesche della Sardegna di interesse generale che coinvolsero l'Aymerich tra il 1860 ed il 1878: la costruzione delle rete ferroviaria, lo sviluppo delle strade, il "Comitato popolare", le miniere, le inchieste sulle condizioni economiche dell'isola, il catasto e le circoscrizioni amministrative. In questi ambiti il marchese di Laconi si espresse e si adoperò partecipando attivamente sia costituendo un comitato promotore per il completamento della linea ferroviaria come pure pubblicando uno studio sulle condizioni della Sardegna nel momento in cui fu promossa l'inchiesta economico - parlamentare (1868 - 1869). Le buste costituenti il fondo sono divise in fascicoli e sottofascicoli. Il numero di corda è in successione per ogni singola busta

Descrizione: L'arco temporale del carteggio pur estendendosi per meno di 20 anni rappresenta un'interessante testimonianza della borghesia agraria sarda in netta opposizione a quella capitalistica sostenitrice di una forzata industrializzazione dell'isola. Il marchese riuscì in parte ad integrarsi nella nuova classe dirigente locale spinto dall'esigenza di difendere gli interessi della vecchia classe aristocratica dei proprietari terrieri ex-feudatari. Una parte considerevole del carteggio riguarda le ferrovie sarde, il cui tracciato, progettato perchè congiungesse Cagliari a Porto Torres con diramazione fino ad Iglesias al sud e fino ad Olbia a nord, suscitò molto scontento perchè la sua esecuzione, che proponeva il passaggio costiero, presupponeva una rete ferroviaria estesa anche attraverso lande desertiche e malariche. Ignazio Aymerich ed il luogotenente del Regno, Carlo De Candia, proposero un percorso alternativo per il quale la ferrovia avrebbe potuto seguire un percorso interno nell'isola. Le carte riflettono pienamente la posizione dell'Aymerich come pure tutto ciò che riguardò il lavoro preparatorio dello studio commissionatogli dalla direzione del Comizio Agrario di Cagliari sulle condizioni economiche isolane. Fu anche incaricato di dar l'avvio ai lavori della commissione d'inchiesta parlamentare sulla Sardegna. Vasta pure la documentazione relativa alla corrispondenza con i direttori dei periodici, la Gazzetta popolare ed il Corriere di Sardegna. Dal carteggio emerge l'importanza assunta dal comitato creato dall'Aymerich con l'appoggio di politici quali Francesco Cocco-Ortu e Pietro Ghiani-Mameli per condizionare l'operato della commissione parlamentare d'inchiesta affinchè i provvedimenti di legge diffendessero la proprietà terriera. Quintino Sella, membro più autorevole della commissione, proponeva, infatti, per il rilancio economico dell'isola l'incentivazione dell'industria mineraria a scapito delle attività agricole in crisi. Dalla documentazione si evince come i comuni furono coinvolti dovendo rispondere ad un questionario le cui domande sarebbero servite a tracciare un quadro economico dettagliato delle comunità locali. Le risposte fornite alla commissione non furono mai usate se non per la parte relativa alle miniere. Perciò l'Aymerich si espresse pretendendo per l'isola l'estensione della legislazione mineraria vigente nelle altre parti d'Italia, sostenendo che la proprietà delle miniere fosse del proprietario del suolo soprastante e che l'attività mineraria fosse solo un accessorio della proprietà fondiaria. La lettura del carteggio consente di esaminare altri aspetti scottanti della vita politico-economica isolana: quello degli ademprivi, della riorganizzazione amministrativa delle circoscrizioni, del catasto e le riforme fiscali basate su un censimento dei predii eseguito con i proprietari chiamati ad indicare i limiti delle loro terre. Le prime due buste (1860 - 1875) contengono le carte relative alle ferrovie; la terza (1841 - 1870) quelle relative a miniere, ponti e strade; la quarta (1842 - 1871) è costituita da scritti riguardanti le condizioni della Sardegna, la commissione parlamentare d'inchiesta, le imposte, il catasto ed altri argomenti

Strumenti di ricerca:
E. GESSA, Elenco delle carte del Sen. Ignazio Aymerich sec. XIX, Cagliari, 1997

Siti web:
Archivio storico del Comune di Cagliari
Associazione araldica genealogica nobiliare della Sardegna

La documentazione è stata prodotta da:
Aymerich Ignazio

La documentazione è conservata da:
Comune di Cagliari


Redazione e revisione:
Castellino Anna, 2012, revisione
Mura Simonetta, 2009/10/01, prima redazione


icona top