Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Nobili Niccolò

fondo

Altre denominazioni:
Fondo Nobili- seconda parte, Presso l'Archivio di Stato di Firenze, per distinguerlo da un preesistente archivio Nobili, relativo ad un diverso ramo della famiglia

Estremi cronologici: sec. XIX prima metà - sec. XX inizio

Consistenza: Unità 39: Bb. 39

Storia archivistica: Il fondo, già conservato nella Villa Le Carraie all'Impruneta, fu depositato dagli eredi nel 1966 presso l'Archivio di Stato di Firenze, ove, per distinguerlo da un preesistente archivio Nobili, relativo ad un diverso ramo della famiglia, è noto con la denominazione "Fondo Nobili- seconda parte". Rispetto alla consistenza originaria, accertata nel corso di una visita ispettiva compiuta da funzionari dell'amministrazione archivistica nel 1941, mancavano all'epoca del deposito in Archivio di Stato (e tuttora mancano) la maggior parte dei carteggi Ricasoli (prima consistenti in 527 documenti, ora ridotti a 79, numerati da 260 a 339), un fascicolo di documenti sulla riorganizzazione del centro storico di Firenze, un altro fascicolo sulla preparazione della legge sugli archivi notarili, una busta di manoscritti vari.
L'archivio come si presenta attualmente fu organizzato e riordinato da Mario Nobili, nipote di Niccolò, cultore di Storia del risorgimento e curatore, insieme a Sergio Camerani, dell'edizione dei Carteggi di Bettino Ricasoli. Le carte sono state dotate nel 1993 di uno strumento di corredo sommario redatto da Vanna Arrighi, (inventario dattiloscritto) che riproduce fedelmente la situazione in cui si trovavano al momento del versamento. Esse sono condizionate in 39 buste, suddivise al loro interno in fascicoli, secondo un ordinamento che presumibilmente si deve a Mario Nobili, autore anche dell'intitolazione e delle annotazioni sulle coperte dei fascicoli. La decisione di lasciare in essere l'ordinamento originale ha fatto sì che la descrizione delle serie abbia un valore soltanto approssimativo, in quanto non di rado sono presenti commistioni di materiale eterogeneo.
Presso la Biblioteca Marucelliana di Firenze si conservano un carteggio di Niccolò Nobili e volumi a stampa della sua biblioteca (dono, 1908).

Descrizione: - Corrispondenza distinta in: corrispondenza di Niccolò Nobili, come amministratore della Casa editrice successori Le Monnier e come proprietario e poi anche direttore del giornale «La Nazione», 1879-1900, 10 buste di lettere ordinate alfabeticamente per mittente (tra i corrispondenti Agostino Bertani, Isidoro Del Lungo, Ferdinando Martini, Adolfo Bartoli, Giuseppe Poggi, Giuseppe Palagi, Pasquale Villari, ecc.); carteggio familiare e personale di Niccolò Nobili, diplomi, onorificenze ed altri documenti, 1849-1900, 4 buste (tra i corrispondenti: Gaspero Barbera, Celestino Bianchi, Ruggero Bongi, Francesco Crispi, Guglielmo Cambray-Digny, Isidoro del Lungo, Carlo Fenzi, Leopoldo Galeotti, Giovanni Giolitti, Marco Minghetti, Ubaldino Peruzzi, Marco Tabarrini, ecc.);copia-lettere, 1872-1904, buste 2.
- Atti e documenti: carte di amministrazione della Casa editrice successori Le Monnier, 1881-1890, busta;appunti scolastici di Niccolò Nobili, 1837-1838, busta 1; carte di vari enti pubblici, consigli di amministrazione e commissioni, 1854-1899, buste 6;affari legali, 1865-1900, buste 4.
- Manoscritti: manoscritti, bozze di stampa, ritagli di giornale, biglietti, cartoline, s.d., buste 6
- Archivi aggregati:busta di carte di Celestino Bianchi, rinvenute dal Niccolò Nobili negli uffici de «La Nazione», relative al periodo 1875-1885 (tra cui lettere di Ubaldino Peruzzi, Pietro Bastogi, Giovanni Duprè ecc., nonché minute di articoli scritti dal Bianchi per «La Nazione»); 1 inserto di lettere di diversi a Bettino Ricasoli, ottobre 1859-ottobre 1860 (parte di un nucleo di lettere più consistenti, relative agli anni 1835-1880, ora andate disperse); 2 buste di carte familiari e patrimoniali delle famiglie Poggi e Puliti, pervenute in seguito al matrimonio del Nobili con Livia Poggi; un inserto di carte dell'astronomo Guglielmo Tempel, direttore dell'Osservatorio di Arcetri; raccolta di lettere di personaggi illustri dei secoli XIX-XX, raccolte da Mario Nobili, tra cui il cardinale Giacomo Antonelli, Giuseppe Zanardelli, Nino Bixio,Terenzio Mamiani (in genere una sola lettera per ogni personaggio), 1 busta.


Ordinamento: Le carte sono condizionate in 39 buste, suddivise al loro interno in fascicoli, secondo un ordinamento che presumibilmente si deve a Mario Nobili, autore anche dell'intitolazione e delle annotazioni sulle coperte dei fascicoli. La decisione di lasciare in essere l'ordinamento originale ha fatto sì che la descrizione delle serie abbia un valore soltanto approssimativo, in quanto non di rado sono presenti commistioni di materiale eterogeneo.

Strumenti di ricerca:
Vanna Arrighi, Inventario del fondo Niccolò Nobili

La documentazione è stata prodotta da:
Nobili Niccolò Onofrio

La documentazione è conservata da:
Archivio di Stato di Firenze


Bibliografia:
Carteggi di Bettino Ricasoli, a cura autori vari, Bologna, Zanichelli e, a partire dal vol. 3, Roma, Istituto Storico Italiano per l'Età moderna e contemporanea, 1939-2001, voll. 29, voll.I-,
"Notizie degli archivi toscani", in «Archivio storico italiano», 114 (1956), nn. 410-411 (2-3), p. 446
Consiglio Interbibliotecario Toscano (CITO), "Guida ai fondi speciali delle biblioteche toscane", a cura di S. Di Majo, premessa di F. Adorno, Firenze, DBA, 1996, p.56 (per la segnalazione di carte Nobili in Biblioteca Marucelliana)
"Guida agli Archivi delle personalità della cultura in Toscana tra '800 e '900. L'area fiorentina", a cura di E. Capannelli e E. Insabato, Firenze, Olschki, 1996, pp. 426-429

Redazione e revisione:
Arrighi Vanna, 1996, prima redazione
Capannelli Emilio, revisione
Morotti Laura, 2011/12, rielaborazione

Modalità di consultazione:
Orario di apertura dell'Archivio di Stato (lunedì-giovedì, 9-19,venerdì-sabato 9-13,30)


icona top