Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Antonioli Maurizio

fondo

Altre denominazioni:
Carte Maurizio Antonioli

Estremi cronologici: sec. XIX ultimo quarto - sec. XX ultimo quarto

Storia archivistica: Il fondo è stato donato nel 2005 da Antonioli direttamente alla Biblioteca Franco Serantini. Fondo aperto, sono previste ulteriori donazioni di materiale.

Descrizione: Il fondo è composto da una miscellanea di documenti relativi al lavoro di ricerca storica effettuato da Antonioli nel corso di vari decenni e da una parte della corrispondenza scientifica, accompagnato da una collezione di documenti storici che coprono un arco temporale che va dalla prima metà dell’800 agli anni Venti del Novecento, e da una miscellanea di opuscoli d’epoca. Inoltre, è presente l’archivio personale di Oberdan Gigli (corrispondenza, volantini, manoscritti, ecc.) che Antonioli ha ricevuto in dono dalla figlia del Gigli stesso.
- Corrispondenza: carteggio personale con i seguenti corrispondenti: Giulio Guderzo (2 pp., 1979-1980), Leda Rafanelli (7 pp. 1970), Umberto Marzocchi (1 p., 1974), Arthur Lehning (4 pp., 1976-1980), Ennio Mattias (5 pp., 1973-1974), Carl Levy (12 pp., 1978), Giovanni ... (?) (10 pp., 1972-1973), Lio Teurroni (2 pp., 1973-1974), Piero Gigli (2 pp., 1972), Nello Garavini (1 pp., 1973), Barbara Montesi (1 pp., 2008)
- Manoscritti: alcuni quaderni manoscritti contenenti trascrizioni di interviste ad anarchici e uno relativo al periodo degli studi superiori di Antonioli.
- Materiali preparatori: vari materiali preparatori relativi a vari lavori di Antonioli tra cui un lavoro su gli anarchici milanesi con numerose schede personali in copia provenienti dal Casellario Politico Centrale e da altri archivi centrali di stati esteri, che per espressa volontà del donatore sono state aggregate al fondo di ricerca della Biblioteca F. Serantini denominato “Schede biografiche di anarchici e sindacalisti”.
Questi sono i nominativi dei fascicoli delle persone:
- A: Abate Erasmo, Abbiati Gaetano, Accini Casimiro, Acutis Anselmo, Acutis Edoardo, Adami Umberto, Agostinelli Cesare, Aguzzi Aldo, Airoldi Ambrogio, Alasia Luigi, Albasini Achille, Ambrosoli Angelo, Ancora Achille, Antonioli Andrea, Antonioli Aristide, Antonioli Carlo, Antonioli Dante, Antonioli Ferdinando, Antonioli Gaudenzio, Antonioli Giacomo, Antonioli Giuseppe, Antonioli Pietro, Asara Romeo, Assandri Battista
- B: Baggi Giovanni, Baldazzi Giovanni, Balista Arturo, Bandoin Bandolino Enrico, Baracchi Matteo, Baraldi Ciro, Baraldi Coriolano, Barberio Teresio, Barbiani Giuseppe, Barbieri Francesco, Barosso Luigi, Battaglino Pietro, Belloni Ersilio, Bernardino Roberto, Berneri Camillo, Berruti Carlo, Bianchi Giordano, Bianchi Italo, Bifolchi Giulio, Biraghi Emilio, Biscaro Ferdinando, Biscaro Giuseppe, Boccardi Ugo, Bonometti Luigi, Bonomini Ernesto, Borghesani Domenico, Borghesani Ettore, Boscolo Felice, Bossi Cesare, Braccialarghe Miro, Brambilla Luigi, Bruzzi Pietro Paolo
- C: Cafassi Francesco, Calosso Silvio, Calura Amleto, Calvi Ottorino, Canapa Giovanni, Cantoni Ernesto, Cappelli Pietro, Capri Adolfo, Capriotti Canzio, Carrara Enrico, Caspani Antonio, Cassinelli Giuseppe, Castelnuovo Umberto, Castrucci Augusto, Cattorini Paolo, Cavani Renzo, Cerchiai Giovanni, Ceretti Dante, Checchi Achille, Chignola Carlo, Cipolla Eligio, Colombo Carlo, Colombo Carlo, Colombo Filippo, Colombo Francesco, Comini Guglielmo, Comolli Lodovico, Concordia Tommaso, Conelli Giovanni, Consalvi Alfredo, Corbella Attilio, Corio Silvio, Cormio Raffaele, Costa Andrea, Creatini Dante, Crivelli Carlo
- D: Daelli Enrico, Damonti Angelo, Diotallevi Angelo
- E: Errante Eliseo, Evangelisti Luigi
- F: Fabbri Luigi, Fabrizioli Vittorio, Faccà Arcangelo, Falaschi Faustino, Fantozzi Foresto, Fantuzzi Flaminio, Fedeli Ugo, Ferrari Arturo, Fieramonte Dario, Filippi Bruno, Fiocchi Giuseppe, Fiorini Stefano, Fortunati Ugo, Fradegrada Attilio, Fraschini Mauro, Freghi Luigi, Frigerio Carlo, Frizzi Comunardo, Furlani Ferruccio
- G: Gabrielli Alfiero, Galli Alessandro, Galli Ambrogio, Gallo Pasquale, Galmozzi Giovanni Battista, Gargiola Napoleone, Gaslini Ettore, Gavilli Giovanni, Gelosa Carlo, Gerli Pietro, Gerosi Aristide, Gervasini Rinaldo, Gervasio Gaetano, Ghittoni Lodovico, Giacomelli Nella, Giannotti Amedeo, Giardini Augusto, Gigli Oberddan, Gioda Giuseppe Mario, Giovanardi Eugenio, Giovannetti Alibrando, Girelli Domenico, Girolo Eugenio, Girotti Mario, Giulieri Lorenzo, Gouttier Achille, Gozzoli Virgilio, Grancini Luigi, Grassini Emilio, Greppi Ambrogio, Gribaldo Carlo, Gualbello Alberto, Gualbello Paolo, Guberti Guglielmo, Guerri Alfiero
- I: Invernizzi Giuseppe
- L: Labaiani Alfredo, Leoni Mattia, Livolsi Giuseppe, Locatelli Giuseppe, Loda Angelo, Lodi Carlo, Longhi Ricciotti Napoleone, Longoni Attilio, Losi Luigi, Luraghi Armando
- M: Monanni Giuseppe, Macchi Eugenio, Maderna Giuseppe, Malagola Torquato, Malinghetti Carlo, Malusardi Edoardo, Mamoli Giuseppe, Mandelli Amos, Manfredi Giuseppe, Mantelli Agostino, Mantelli Francesco, Mantovani Mario, Mari Duilio, Mariani Giuseppe, Masciotti Luigi, Masetti Aglae, Masini Angelo, Mazzocchi Felice, Mazzocchi Guido, Mazzucchelli Ugo Carlo, Molaschi Carlo, Molinari Enrico, Molinari Ettore, Molinari Luigi, Montana Giovanni
- N: Niada Cesare, Norsa Augusto, Nosotti Arnaldo
- O: Orosio Giuseppe
- P: Pezzini Vittorio, Pacchioni Assirto, Padoan Giovanni, Paini Adelino, Panizza Attilio, Paolinelli Attilio, Pappini Romualdo, Parazzini Giuseppe Enrico, Pasotti Giuseppe, Pellegrini Plinio, Perego Luigi, Perissimo Alfredo, Perrone Vincenzo, Petrali Raffaele, Prunetti Arturo
- R: Roncoroni Saverio, Rafanelli Leda, Rafuzzi Lazzaro, Raveggi Pietro, Recalcati Enrico, Recchi Gaetano, Recchione Michele, Recchioni Emidio, Recchioni Vero, Redaelli Luigi, Repossi Luigi, Restelli Carlo, Rho Romolo, Ricchiere Enrico, Ricciuli Francesco, Rizza Roberto, Robbiati Tarcisio, Rocca Massimo, Rosselli Carlo, Rygier Maria
- S: Saporiti Giuseppe, Sarcelli Francesco, Sartorio Osvaldo, Sasso Antonio, Scaltri Attilio, Scalvini Carlo Giuseppe, Scarani Cleto, Scolari Carlo, Signorini Camillo, Sinigalliesi Mario, Smorti Adelmo, Sogno Flavio, Soia Enrico, Spadoni Ettore, Spinaci Emilio, Stami Cesare, Stefanelli Natale, Stranco Giovanni, Stura Pietro
- T: Tanzi Pietro, Tommasini Umberto, Tonetti Attilio, Trionfi Alceste, Trotti Carlo
- V: Vaccari Oreste, Vai Arturo, Vai Carlo, Valchera Giovanni, Vanguardia Umberto, Varagnoli Eolo, Vella Dante, Vella Diego, Vella Randolfo, Vezzana Vasco, Vezzani Felice, Viganò Davide, Vignati Giovanni
- Z: Zaina Giuseppe, Zavattero Domenico, Zirotti Arnolfo, Zuddas Giuseppe
Infine vi sono le schede curate da Antonioli per il Dizionario biografico degli anarchici italiani.
- Testi di conferenze, lezioni, discorsi: materiali relativi alle conferenze a cui Antonioli ha partecipato: presentazioni, programmi (alcuni con note manoscritte a lato dello stesso Antonioli)
- Ritagli di giornali: ritagli di giornale che hanno come oggetto l’universo anarchico analizzato da diversi punti di vista. Infatti sono presenti sia giornali nazionali che testate anarchiche. Merita ricordare tra le tante: «La Domenica del Corriere», «la Tribuna Illustrata», «l’Associazione», «il Piccolo», «la Biblioteca Max Nettlau», «la Donna e la Questione Sociale», «Il Pensiero», «Les Temps Nouveaux», «il Marzocco», «Germinal». L’arco temporale va dalla fine del XIX secolo agli anni 90 del XX. Vi è anche un’accurata rassegna stampa su Mario Gioda dal 1903 al 1919
- Raccolte di materiale bibliografico,di giornali, riviste: nella miscellanea di documenti storici vi sono 84 fogli volanti compresi nell’arco temporale 1838 al 1945, la maggior parte si concentra attorno agli anni della I Guerra Mondiale. Vi sono inoltre numerosi volantini relativi alle lotte studentesche a Milano tra gli anni ‘80 e ‘90, documenti sul sindacalismo internazionale: CNT (Confederación Nacional del Trabajo), AIT (Associazione internazionale dei lavoratori), IWW (Industrial Workers of the World), fotocopie di pubblicazioni anche in lingua straniera (tedesco, inglese, francese), tutte a tematica anarchica, il I maggio, appunti biografici su Errico Malatesta, la battaglia per le 8 ore di lavoro, la campagna di stampa a favore di Sacco e Vanzetti, la diffusione dell’anarchismo a Milano: l’arco cronologico va dalla fine del secolo scorso al secondo dopoguerra.
- Fotografie: oltre 200 fotografie di vignette tratte da varie riviste anarchiche, tutte riguardanti la festa del primo maggio e come l’iconografia anarchica rivisitava l’argomento tra il 1890 e il 1924.


- Archivi aggregati: Archivio Oberdan Gigli, donato dalla figlia ad Antonioli
Oberdank Gigli, detto Oberdan, nasce a Gallarate (VA) il 4 dicembre 1883 da Giuseppe e Giulietta Pasta. diplomato in ragioneria a Genova, dove vive con la famiglia all’inizio del secolo, viene considerato dalla polizia “di buona educazione e cultura abbastanza vasta ma superficiale”. individualista, appena diciannovenne risulta avere “non poca influenza” sugli anarchici del genovesato. Nel maggio del 1902 inizia a collaborare a «Il grido della folla», dal gennaio al marzo 1903 redige «La Tribuna del popolo», settimanale anarchico di Sampierdarena, ma ha già contatti con gli animatori de «Il grido della folla». Nell’aprile del 1903 è chiamato a Milano per assumere la redazione di quel giornale che così acquista un tono più meditato. Alla fine dl maggio 1904 s trasferisce da Milano a Finale Emilia dove lavora come ragioniere presso la Congregazione di carità. Nel settembre successivo partecipa a Roma al Congresso del Libero Pensiero dove conosce L. Fabbri. Collabora intensamente anche a «La protesta umana» distinguendosi per una concezione fortemente aristocratica dell’anarchismo, alla rivista «Vir», fondata a Firenze nel 1907 da Giuseppe Monanni, «Sciarpa nera», fondato dallo stesso Monanni e da Leda Rafanelli. Nel 1909 assume la segreteria della CdL di Finale Emilia ed entr in polemica, per le sue posizioni relativamente moderate, con Filippo Corridoni, allora segretario della CdL di San Felice sul Panaro. A partire dal 1909 il ventaglio delle collaborazioni giornalistiche si ampia: Ere Nouvelle, Il Pensiero, La voce del popolo, La bandiera del popolo, L’agitatore di Bologna e La libertà di Milano. Allo scoppio della guerra europea è uno dei primi anarchici insieme a Maria Rygier ad assumere una posizione interventista. Nell’aprile del 1916 viene accettato come allievo ufficiale di complemento e incorporato nel 2° RGT Artiglieria Campale Pesante e nel luglio parte per la zona di guerra. Diventato tenente nel 1918 è decorato con a medaglia di bronzo e con la croce di guerra. Nel dopoguerra collabora con “Critica sociale” e nel 1923 ritorna a Milano come ragioniere capo presso la Società anonima Corporazione italiana di credito. In seguito lavorò per la Società di bakelite di proprietà della famiglia Molinari. Nel 1928 interviene scrivendo ad Ada Negri e forse anche a Mussolini (esiste una minuta di lettera) per sollecitare la scarcerazione di Nella Giacomelli, Henry e Libero Molinari, arrestati perché sospetti di avere rapporti con Camillo Berneri. L’anno successivo viene radiato dallo schedario dei sovversivi, simpatizza oramai con il fascismo, in cui vede una sorta di solidarietà sociale superiore all’atomismo capitalista. Collabora con «Il popolo d’Italia» e «La stirpe». Secondo informazioni pervenute dalla famiglia a partire dalla Seconda Guerra Mondiale si sarebbe spostato su posizioni antifasciste. Muore a Milano nel marzo del 1949.
L’archivio è composto da 25 articoli di vario genere scritti da G. tra il 1914 e il 1944: da pezzi a favore dell’ingresso dell’Italia nella Grande guerra a recensioni cinematografiche apparse su diffuse riviste del regime fascista. Vi è una parte di materiale biografico di G. tra cui i suoi diplomi, il materiale relativo alla sua permanenza sotto le armi e la lettera di conferimento della medaglia al valor militare. Infine vi è anche la corrispondenza privata, concentrata tra i primi anni del ‘900 e l’avvento del fascismo. Questi sono i suoi corrispondenti: Amidelli G., Baraldi C., Baraldi C., Bellodi A., Calda L., Canepa S., Coletti G., Corbella A., Corridoni F., Di Pietro G., Fabbri L., Ferrini F., Giacomelli N., Malusardi E., Manfredi, Mazzocchi G., Mazzocchi G., Meschieri M., Mondolfo U., Nenni P, Neri Z., Nerucci R., Norsa A., Orano P., Ottolenghi R., Palmarini A., Paolinelli A., Pastorelli S., Rubbiani F., Russoni E., Rygier M., Samaia N., Shicchi P., Treves C., Turano A., Turati F., Yvetot G., Zavittero D., Zoccolo E.
Inoltre sono presenti minute di lettere scritte da G. a sua figlia Luce, a Benito Mussolini e Ada Negri
- Biblioteca: alle carte si affianca una consistente donazione di volumi che, per espressa volontà del donatore, non ha costituito fondo a sé, a parte 4 miscellanee di opuscoli d’epoca che sono aggregati alle carte d’archivio. Le schede bibliografiche dei libri e degli opuscoli sono inserite nel catalogo informatico della biblioteca con l’indicazione della provenienza e nel caso dei pamphlet della collocazione dell’archivio.


Strumenti di ricerca:
Catalogo della biblioteca Franco Serantini

La documentazione è stata prodotta da:
Antonioli Maurizio

La documentazione è conservata da:
Biblioteca Franco Serantini. Archivio e centro di documentazione sulla storia sociale e contemporanea


Bibliografia:
Maurizio Antonioli, "Vieni o maggio", Franco Angeli, Milano, 1988
"Primo maggio, repertorio dei numeri unici dal 1890 al 1924", a cura di Maurizio Antonioli e Giovanna Ginex, Editrice bibliografica, Milano 1988
AAVV, 100 Jahre Zukunft. Zur geschichte des 1 mai, Buchergilde Gutemberg, Frankfurt, 1990
Dizionario Biografico degli Anarchici Italiani, BFS Edizioni, Pisa, 2003-2004
L. Balsamini, "Fondo Maurizio Antonioli", in "Una biblioteca tra storia e memoria. La 'Franco Serantini' (1979-2005)", Pisa, BFS edizioni, 2006, p. 101

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Cervioni Marco, 2011, prima redazione
Morotti Laura, 2011, rielaborazione

Modalità di consultazione:
Il fondo non è consultabile e sarà consultabile quando verrà riordinato.


icona top