Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Università israelitica di Mondovì

fondo

Other names:
Comunità israelitica di Cuneo, 1917 - 1930
Comunità israelitica di Torino. Sezione di Cuneo, 1930 - 1989
Comunità ebraica di Torino. Sezione di Cuneo, dal 1989

First and last date: 1809 - 1923

Consistence: Number of items 1831

Archival history: Il fondo Mondovì è un archivio storico-amministrativo-contabile che raccoglie alcuni dei documenti dell’Amministrazione dell’Università israelitica e dell’Opera Pia israelitica di Beneficenza.
Il fondo Mondovì
Nel 1980 il Centro Giovanile Ebraico di Torino, rivolse un’attenzione particolare alla Sinagoga di Mondovì e decise di fare qualche cosa per avviarne il possibile recupero e restauro. Promosse quindi un raduno di giovani provenienti da tutte le parti di Italia in Val Corsaglia e in quell’occasione decine di volontari procedettero ad un’opera di ripulitura dei banchi, dei lampadari, dell’Aron ha-qodesh e della Tevà e recuperarono oggetti di culto arredi, libri ed anche, documenti, che si trovavano nei banchi e nel locale della scuola, che serviva anche da segreteria ed archivio.
I documenti rinvenuti (1874 unità documentarie) sono solo una piccola parte dell’archivio originario. Nonostante che la comunità di Mondovì abbia cessato di esistere nel 1917 e sia passata a far parte di quella di Cuneo, la documentazione d’archivio è stata prelevata da Mondovì e portata presso la comunità di Torino che, secondo la Legge 24 giugno 1929 sull’esercizio dei culti ammessi e il R.D. 30 ottobre 1930, ha assunto l’amministrazione della comunità monregalese. Il materiale, depositato nelle torri della sinagoga, è andato distrutto in seguito al bombardamento su Porta Nuova del 22 novembre 1942, che ha provocato anche gravi danni al tempio.
La documentazione rimasta, oggetto del presente inventario, copre un periodo che va dal primo quarto dell’Ottocento al principio del Novecento ed è nell’insieme in buono stato di conservazione. E’ stata versata nell’archivio della comunità di Torino e successivamente acquisita dall'Archivio delle Tradizioni e del Costume Ebraici B. e A. Terracini di Torino dove ora è conservata. Si tratta della documentazione amministrativa e contabile dell’Università israelitica monregalese che, con la sua Sinagoga, ha costituito per oltre tre secoli il centro di riunione, preghiera e studio non solo degli ebrei di Mondovì, ma anche dei centri limitrofi di cui si conserva memoria di una presenza ebraica: Carrù (Levi, Iachia); Clavesana, Bene Vagienna (Levi); Dogliani (Levi), Vicoforte, S. Michele, Ceva (Levi, Momigliano), Murazzano (Momigliano), Monastero Vasco etcetera.
Purtroppo la documentazione sugli ebrei monregalesi è scarsa ed è molto difficile ricostruire le vicende di questa piccola comunità ebraica.
Presso l’Archivio Comunale di Mondovì sono conservati i libri di nascite, matrimoni e morti degli anni 1836-1865 che si trovano in fotocopia, all’Archivio Terracini, a completamento del fondo


Description: Università israelitica di Mondovì, 1809-1923, 1.831 unità archivistiche.

La prima cosa che si nota dall’insieme della documentazione è che si trattava di una comunità piccola che aveva comunque un’amministrazione estremamente rigorosa, molto ben strutturata e una burocrazia abbastanza complessa.
Si sono conservati verbali delle riunioni del consiglio di amministrazione, bilanci, ruoli di riparto della tassa (interessanti per chi conduce ricerche genealogiche, perché vi sono elencati i capifamiglia), carte contabili, circolari e corrispondenza diversa per lo più relativa al computo dell’imposizione delle tasse, alla contabilità in generale e alle richieste ai fornitori.
La documentazione reca traccia dell’esistenza presso l’Università israelitica di altre associazioni o congregazioni: la Compagnia della misericordia, il Talmud Torah e una Compagnia delle donne o associazione femminile che viene citata con nomi diversi e di cui si sono conservati pochissime carte tra cui l’atto di costituzione dell’associazione.
Alcune carte sono interessanti perché riflettono con immediatezza e vivacità la vita quotidiana della comunità: per esempio gli avvisi con cui si comunicano gli orari in cui lo shoket è a disposizione per uccidere i polli, oppure la comunicazione del giorno in cui sono fissati gli esami di ebraico ed ebraismo per i ragazzini e quello in cui si distribuiscono i premi agli allievi più meritevoli o ancora i rimproveri del presidente del Pio Istituto a coloro che ricevono un compenso per fare minyan alle funzioni quotidiane e che però non ottemperano al loro dovere. Si trovano poi proteste e ricorsi per l’ammontare della tassa e ci sono lettere in cui si adducono i motivi più svariati (l’aver dovuto costituire la dote per la figlia che va sposa, la bancarotta del genero, lo smembramento di una società…) per i quali si chiedono sconti e riduzioni. Sono tutte carte estremamente interessanti per ricostruire le vicende famigliari ed economiche degli ebrei monregalesi. Non mancano le ricette e le prescrizioni del medico del Pio istituto e i biglietti per fissare o annullare appuntamenti, cartoline postali e note e appunti d vario genere.
Testimonianza del patriottismo del periodo risorgimentale degli ebrei di Mondovì è un documento del 22 giugno 1866: l’appello del rabbino Debenedetti a riunirsi al tempio per pregare per la salvezza del re Vittorio Emanuele II impegnato in guerra.
Tra le carte del Pio Istituto israelitico sono rilevanti lo statuto organico e disciplinare e tutte le redazioni con gli emendamenti del consiglio che hanno preceduto la versione definitiva.


Organization: Nell'inventario, il fondo è stato suddiviso in due grandi sezioni che sembravano abbastanza distinte: le carte dell’Amministrazione dell’Università israelitica, e le carte del Pio Istituto Israelitico di Beneficenza. Entrambe le sezioni si articolano in sette serie, ulteriormente suddivise in sottoserie

Connected documents:
Complesso di fondi Comunità ebraica di Cuneo, Nel complesso di fondi Comunità ebraica di Cuneo è presente il fondo della Comunità israelitica di Mondovì, 1838-1925, 15 fascicoli nn. 287-301 che comprende 2 subfondi, 4 serie, 15 unità archivistiche, così strutturati:

Subfondo 1
Comunità israelitica di Mondovì, 1838-1925, 6 fascicoli nn. 287-292
- Serie. Contabilità, 1914-1925, 5 fascicoli nn. 287-291 (comprende: ricevute e bilanci 1919-1920)
- Serie. Corrispondenza, 1838-1853, 1 fascicolo n. 292 (trattasi di un copialettere datato 1838 aprile 03 - 1853 marzo 17)

Subfondo 2
Congregazione e Pio Istituto israelitico di Mondovì, 1866-1925, 9 fascicoli nn. 293-301
- Serie. Atti costitutivi e sedute del Consiglio, 1866-1911, 2 fascicoli nn. 293-294
- Serie. Contabilità,1872-1925, 7 fascicoli nn. 295-301 (comprende: conti finanziari, fatture, ricevute). Conservata presso: I fondo sono conservati, dietro versamento, presso l'Archivio delle Tradizioni e del Costume Ebraici Benvenuto e Alessandro Terracini di Torino

The documents were created by:
Università israelitica di Cuneo

The documents are kept by:
Archivio delle tradizioni e del costume ebraici Benvenuto e Alessandro Terracini di Torino


Editing and review:
Artom Antonella, 2011/07/20, prima redazione


icona top