Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Viale-Prelà Salvatore, Benedetto e Michele

fondo

Estremi cronologici: 1818 - 1861

Consistenza: Unità 11: scatole 11

Storia archivistica: Il fondo, che raccoglie una parte delle carte della famiglia corsa dei Viale-Prelà, è stato depositato dal discendente Paul-Michel Villa all’Archivio storico del Gabinetto G.P Vieusseux nell’estate del 2008. Le carte sono riconducibili a tre sezioni intestate ai fratelli Salvatore, Benedetto e Michele. Molte delle carte letterarie di Salvatore sono state cedute una decina di anni fa alla Biblioteca municipale di Bastia mentre un altro consistente nucleo, comprensivo del carteggio di Michele con Metternich, è ancora presso gli eredi. Lo stato di conservazione complessivo presenta alcune criticità dovute alla presenza sia di carte imbrunite e fragili per ossidazione e acidità che di infezioni da microrganismi. Presso il laboratorio di restauro del Gabinetto G. P. Vieusseux è in corso un progetto, approvato dalla Soprintendenza archivistica per la Toscana, volto a rallentare il processo di degrado in corso e a consolidare le carte e gli inchiostri.

Descrizione: - Corrispondenza:
Sezione Benedetto Viale-Prelà: corrispondenza in ordine alfabetico per mittente (1842-1866). Si tratta prevalentemente di corrispondenza tenuta con colleghi medici, docenti universitari e studiosi di varie branche della scienza (zoologi, anatomisti, chimici, botanici, entomologi) in cui vengono citati trattati e articoli scientifici di varia natura e in alcuni casi si forniscono descrizioni dettagliate delle ricerche effettuate. Un altro nucleo della corrispondenza riguarda gli ambienti ecclesiastici di cui faceva parte il fratello Michele, arcivescovo di Bologna.
Sezione Michele Viale-Prelà: copialettere relativi agli incarichi di nunziatura di Michele prima in Svizzera (Lucerna) e poi in Baviera (Monaco) per gli anni 1830, 1838, 1843, 1844, 1845 a cui vanno aggiunte alcune lettere in lingua italiana e francese ricevute da esponenti del mondo ecclesiastico.
Corrispondenza in ordine alfabetico per mittente in lingua italiana, latina, francese e tedesca relativa agli anni in cui Michele fu nunzio in Austria (1847-1855) e arcivescovo di Bologna (1855-1860).
Fra i mittenti si riscontra una presenza quasi esclusiva di personalità afferenti ad ambienti ecclesiastici ed in particolare alle alte sfere gerarchiche della Chiesa cattolica (per es. cardinali Baluffi, De Luca, Santucci) anche appartenenti alle Diocesi della Romania e dell’Ungheria (Kunzt, Alexi, Scitowski, Simor, Sterca). Sono presenti anche alcune lettere di supplica di privati cittadini.
- Atti e documenti:
Sezione Michele Viale-Prelà: documenti notarili e contabili redatti alla morte di Michele relativi alla risoluzione di alcuni affari economici che questi aveva in essere con la Pia eredità Opizzoni e la Mensa arcivescovile di Bologna.
- Manoscritti:
Sezione Salvatore Viale-Prelà: quaderni cartacei e fascicoli di carte sciolte (1818-1856) contenenti prime redazioni dell’opera poetica, abbozzi di poemetti e versi di occasione, minute di testi in prosa in parte editi in Salvatore Viale, "Scritti in verso e in prosa", Firenze, Le Monnier, 1861. Un altro nucleo è costituito dalle carte relative agli studi sui costumi corsi e sull’uso delle armi in Corsica nel corso dei secoli.
Sezione Benedetto Viale-Prelà: i nuclei più rappresentativi sono quelli che contengono la documentazione relativa agli studi compiuti da Benedetto sul colera e sulla sua diffusione con specifico riferimento al caso di Ancona del 1836 e allo studio delle acque albule di Tivoli (1855-1856). Vi sono raccolti inoltre scritti scientifici su vari argomenti (presenza dell’ammoniaca nelle piante e del ferro nelle urine e nel sudore, febbri periodiche e altre patologie) e un nucleo relativo agli studi sulle patologie psichiatriche e sulle strutture necessarie per il trattamento degli alienati che Benedetto svolse nel periodo in cui fu direttore del Manicomio di Santa Maria della Pietà (1860-1870).
Sezione Michele Viale-Prelà: minute di omelie ed orazioni in italiano e latino relative soprattutto alle celebrazioni liturgiche del Natale e della Pasqua tenute in S. Pietro in Bologna (1856-1859). Scritti autografi contenenti riflessioni sul Sacramento del matrimonio e sul Concordato del 1855 fra la Santa Sede e l’Impero Austro-Ungarico firmato da Michele, allora pro-nunzio in Austria, per conto di papa Pio IX.
- Archivi aggregati:
alla sezione Salvatore Viale-Prelà è aggregato un nucleo epistolare contenente lettere di varie personalità a monsignor Carlo Emanuele Muzzarelli (1797-1856) e ad altri che presenta le caratteristiche di una raccolta di autografi.


Ordinamento: Le carte sono state ordinate e descritte analiticamente in un inventario cartaceo compilato da Caterina Del Vivo, Viviana Frosali, Benedetta Gallerini, Daniele Lovito e Giovanni Martini.

Strumenti di ricerca:
Caterina Del Vivo, Viviana Frosali, Benedetta Gallerini, Daniele Lovito, Giovanni Martini, Inventario del Fondo Salvatore, Benedetto e Michele Viale-Prelà

Siti web:
Archivio contemporaneo "Alessandro Bonsanti". Gabinetto Vieusseux (elenco dei fondi)

La documentazione è stata prodotta da:
Viale Prelà Benedetto
Viale Prelà Michele
Viale Prelà Salvatore

La documentazione è conservata da:
Gabinetto scientifico letterario G. P. Vieusseux. Archivio storico


Bibliografia:
Paul-Michel Villa, "Bibliographie critique des oeuvres de Salvatore Viale", Etudes corses, n° 35, 1990, p. 123-143

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Frosali Viviana, 2011/12, prima redazione
Morotti Laura, 2011/12, rielaborazione

Modalità di consultazione:
Accessibile previo appuntamento


icona top