Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Angiolini Robert Enif

fondo

Estremi cronologici: 1917 - 1974

Consistenza: Unità 10: fascc. 10 in b. 1

Storia archivistica: II fondo è conservato presso la sede della Fondazione Casa Lyda Borelli per artisti e operatori dello spettacolo a seguito del decesso dell'attrice ivi avvenuto nel 1974.
La stessa Angiolini aveva provveduto a ordinare parzialmente la propria documentazione, tenendo distinta la corrispondenza dalle bozze di scritti e dagli appunti. All'interno del carteggio aveva individuato un fascicolo intestato all'artista e amico Piero Nardi con le lettere da lui ricevute, mentre, per quanto riguarda le bozze, la Angiolini aveva paginato le carte, individuato il titolo dello scritto e, quando presente, la testata dove questo era stato pubblicato.
Altra documentazione (carteggio, materiale relativo all'attività artistica, fotografie che la ritraggono nella vita privata e sulle scene teatrali) era stata affidata dalla Angiolini allo studioso Luigi Maria Personè, suo biografo e amico, che verosimilmente la trattenne presso di sé anche dopo il decesso dell'attrice. Attualmente infatti tale documentazione si trova all'interno del fondo personale Luigi Maria Personè, non ordinato, conservato presso l'Archivio storico diocesano di Prato.
Tra il 2008 e il 2011 è stato effettuato un complessivo intervento di riordino e inventariazione analitica informatizzata all'interno del progetto "Una città per gli archivi", promosso e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e dalla Fondazione del Monte di Bologna e di Ravenna. Proprio nel corso di questo intervento sono stati rinvenuti, sparsi nei locali di servizio di Casa Lyda Borelli, gli appunti e le bozze di stampa che compongono il fondo e che la Angiolini aveva personalmente provveduto ad ordinare.
Il fondo è compreso nella dichiarazione di interesse storico particolarmente importante relativa al patrimonio documentario della Fondazione Casa Lyda Borelli per artisti e operatori dello spettacolo emessa con provvedimento della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Emilia Romagna n. 27 del 6 agosto 2012.
Nel 2012 il fondo è stato oggetto di rilevamento nell'ambito del progetto "Censimento degli archivi femminili della provincia di Bologna".


Descrizione: Il fondo comprende un'esigua documentazione relativa soprattutto all'attività intellettuale di Enif Robert Angiolini. In particolare sono presenti: carteggio (lettere, cartoline e biglietti ricevuti e minute di lettere inviate) con personalità del mondo dello spettacolo e con Désirée von Wertheimstein, amica di Eleonora Duse; bozze di scritti; appunti e annotazioni manoscritte; ritagli di giornale relativi a episodi della vita della Angiolini e della Duse.

Ordinamento: La documentazione è stata organizzata nelle due serie del carteggio e dell'attività professionale.

Informazioni sulla numerazione: I fascicoli sono stati numerati con un unico numero di corda progressivo, formato da una stringa alfanumerica, da Angiolini1 a Angiolini10.

Strumenti di ricerca:
Lorenza Iannacci, Angiolini Robert Enif. Inventario

Siti web:
Soprintendenza archivistica per l'Emilia-Romagna. Censimento degli archivi femminili

La documentazione è stata prodotta da:
Angiolini Enif

La documentazione è conservata da:
Fondazione Casa Lyda Borelli per artisti e operatori dello spettacolo


Bibliografia:
B. BALLARDIN - A. SINA , Enif Angiolini Robert. Futurista = amica di Marinetti. Attrice = fedelissima della Duse, Milano, Selene edizioni , 2010
Fedelissima della Duse, scritti di Enif Angiolini Robert, a cura di L. M. PERSONČ, Prato, Società pratese di storia patria, 1988

Redazione e revisione:
Iannacci Lorenza, 2012/08/27, prima redazione
MenghiSartorio Barbara, 2015/08/14, supervisione della scheda
Xerri Maria Lucia, 2013/08/23, revisione

Modalità di consultazione:
La consultazione è soggetta alla normativa prevista dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (d. lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni).


icona top