Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Bellini Egisto

fondo

Estremi cronologici: 1908 - 1952

Consistenza: Unità 870: 870 Disegni ca.

Storia archivistica: Il corpus di disegni di Egisto Bellini è custodito nell'archivio della Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio, della quale l'autore è stato dipendente per quarant'anni.

Descrizione: - Disegni: sono conservati circa 870 disegni, realizzati a inchiostro o matita su carta lucida, di progetti per restauri di edifici vari, per la maggior parte firmati dall'autore, con indicazione della scala grafica e alcuni recanti il timbro della Soprintendenza. In particolare se ne conservano 214 relativi a Siena, per i restauri di: Porta Romana (1), Porta Tufi (3), Fonte di Fontebecci (1, 10 marzo 1950), Fonte di Pescaia (2, 1924-1941), ospedale di Santa Maria della Scala (1), complesso della cattedrale, battistero e museo dell'Opera (6), chiesa di Sant'Andrea (6, 1924-1941), chiesa di San Bernardino all'Osservanza (30, 1942-1952), cappella di San Bernardino a Porta Tufi (1), chiesa del Carmine (4), chiesa di San Pietro alla Magione (5, 1924-1952), santuario e casa di Santa Caterina (5, 1924-1941), chiesa di San Clemente ai Servi (12, 1918 e 1924-1941), chiesa di San Cristoforo (10, 1924-1941), basilica di San Domenico (3), chiesa di San Donato (5), chiesa di Sant' Eugenia (3, 1924-1941), chiesa di San Leonardo (1, 1924-1941), chiesa di San Mamiliano (4, 1924-1941), chiesa di San Martino (8, 1908-1924), chiesa di Santa Petronilla (4), chiesa di San Pietro a Ovile (3, 1917 e 1924-1941), chiesa di San Pietro a Paterno (4), chiesa di San Quirico (1), chiesa di Santa Maria delle Grazie (4), chiesa di Santa Maria degli Angeli o "del Santuccio" (1, 1919), chiesa di Santa Regina (11, 1912), oratorio di San Bernardino ai Tufi (3), chiesa di San Tommaso Apostolo a Valdipugna (7), chiesa di San Vigilio (1, 1924-1941), pieve di San Giovanni Battista a Fogliano (2), chiesa di San Pietro in vinculis e di San Biagio a Vico d'Arbia (2), pieve di San Giovanni al Bozzone (2, 1924-1941), chiesa di San Bartolomeo alle Volte Alte (5, 1924-1941), chiesa di San Lorenzo a Terrenzano (2), cappella della Madonnina Rossa (4), castello delle Quattro Torri (9, 1924-1941), palazzo dell'Arciconfraternita della Misericordia (3, 1924-1941), palazzo Buonsignori (3), palazzo Marsili Libelli (2, 1924-1941), palazzo Piccolomini (1), palazzo Salimbeni (4), palazzo San Galgano (5), Palazzo arcivescovile (2, 1924-1941), Casa della Consuma (1), palazzo in Via San Marco (1), palazzo in Via Salicotto (1, 1924-1941), palazzo in Banchi di Sopra (1), palazzo in Via Trieste (1), palazzo in Via di Città (2), Stazione ferroviaria (1, 1924-1941), Villa Chigi alle Volte Alte (1, 1924-1952). Per quanto riguarda la provincia di Siena si conservano: 9 disegni relativi al comune di Abbadia San Salvatore, uno per il monumento ai caduti della Grande Guerra e otto per i restauri della chiesa dell'ex monastero dei Cistercensi (1924-1941); 28 disegni relativi al comune di Asciano, uno per i restauri della chiesa della Compagnia di Chiusure, due dell'asilo sulle mura del 'castello' (1942-1952), quattro per la casa Scali a Palazzo (1942-1952), uno per il campanile della chiesa dell'Assunta alla canonica a Grossennana (1924-1941), venti disegni per i restauri dell'Abbazia di Monteoliveto Maggiore (1924-1941; 1942-1952); 4 disegni relativi al comune di Buonconvento, relativamente a casa Gragnoli (1924-1941), casa Ceccherini (1924-1941), Palazzo comunale (1924-1941), chiesa parrocchiale; 11 disegni relativi al comune di Casole d'Elsa, cinque per i restauri del Palazzo comunale (1924-1941), due per quelli della casa parrocchiale, quattro per quelli della Pieve di San Giovanni Battista a Pievescola (1942-1952); 41 disegni relativi al comune di Castellina in Chianti, venticinque per i restauri della fortezza (1913, 1915, 1924-1941), due per quelli della chiesa parrocchiale di Cipriano, dieci per quelli della chiesa di San Miniato a Fonterutoli (1942-1952), uno per quello della chiesa di Lilliano (1924-1941), uno delle tombe di Monte Calvario (30 novembre 1913), due relativi all'Ufficio postale sito all'interno del Palazzo comunale; 23 disegni relativi al comune di Castelnuovo Berardenga, tre per i restauri della chiesa dei Santi Niccolò e Giacomo a Quercegrossa, dodici per quelli della chiesa dei Santi Pietro e Paolo della canonica a Cerreto, tre per quelli della chiesa di San Giovanni a Pianella (1924-1941), cinque per quelli della chiesa di Sant'Ansano a Dofana; 14 disegni relativi al comune di Castiglione d'Orcia, tredici per la ristrutturazione della chiesa di San Biagio a Campiglia d'Orcia (1924-1941), uno degli altari della chiesa dei Santi Stefano e Degna; 4 disegni relativi ai restauri della chiesa di Santa Maria in Belvedere a Cetona; 42 disegni relativi al comune di Chiusdino, trentaquattro rilievi architettonici dell'Abbazia di San Galgano (1924-1941), cinque disegni per i restauri della chiesa parrocchiale di Montalcinello (1942-1952), due per quelli dell'altare maggiore per la chiesa parrocchiale di Pentolina, uno per quelli della chiesa di Santa Maria Assunta a Ciciano; 16 disegni relativi al comune di Chiusi, uno dei restauri del palazzo in Piazza XX settembre (1924-1941), quattordici per quelli del palazzo del Museo civico, un rilievo architettonico delle catacombe di Santa Caterina; 12 disegni relativi al comune di Colle Val d'Elsa, uno per i restauri del Palazzo vescovile, uno per quelli della chiesa di Santa Maria Assunta, quattro per quelli della chiesa dell'ex convento di San Francesco (1942-1952), tre per quelli della chiesa parrocchiale di Strove (1924-1941), tre per quelli della chiesa parrocchiale della Canonica (1924-1941); 8 disegni relativi al comune di Gaiole in Chianti, uno per i restauri della chiesa parrocchiale, due per quelli della chiesa di San Vincenti, cinque per quelli della chiesa di San Giusto in Salcio (1924-1941); 34 disegni relativi al comune di Montalcino, tre per i restauri di Porta Cerbaia (1924-1952), ventitré per quelli del Palazzo comunale (1908-1919), due per quelli della cattedrale, tre per la realizzazione della loggia pubblica, di un edificio privato e di infissi per negozi, due per i restauri della parrocchia a Castelnuovo dell'Abate (1924-1941), una planimetria dell'abbazia di Sant'Antimo (1924-1941); 29 disegni relativi al comune di Montepulciano, uno per i restauri del Palazzo Pretorio, uno per quelli della chiesa di San Agostino (1924-1941), uno per la realizzazione del Monumento ad Acquaviva (1942-1952), sei per i restauri della chiesa di San Agnese (1924-1941), venti per quelli del Duomo (1924-1941); 5 disegni relativi al comune di Monteriggioni, due per i restauri della Parrocchia di San Dalmazio (1942-1952), uno per quelli della chiesa di San Martino a Strove, due rilievi architettonici delle Mura del Castello (1924-1941); 7 disegni relativi al comune di Monteroni, tre per i restauri del Palazzo di Radi (1924-1941), quattro per quelli della Pieve di S. Giovanni Battista a Corsano; 28 disegni relativi al comune di Monticiano, sette per i restauri della chiesa SS. Giusto e Clemente (1942-1952), uno per quelli della chiesa di San Agostino (1942-1952), venti per quelli della Pieve di S. Lorenzo a Merse (1908-1919); 1 disegni relativo al comune di Murlo, per i restauri della chiesa di Bagnaia; 45 disegni relativi al comune di Pienza, una planimetria catastale della città, due per i restauri del Palazzo Pretorio, trentasette per quelli della Cattedrale, quattro per la realizzazione di un edificio scolastico (1924-1941), uno per un intervento per la chiesa dei S.S. Vito e Modesto a Corsignano (1924-1941); 6 disegni relativi al comune di Poggibonsi, due per i restauri del Palazzo Pretorio (1924-1941), due per quelli della chiesa di San Lucchese, due per quelli della chiesa di San Pietro a Cedda; 6 disegni relativi al comune di Radda in Chianti, uno per i restauri della chiesa di San Maria in Prato, tre per quelli della chiesa di Monterinaldi, uno per quelli del Palazzo pretorio (1924-1941), quattordici per quelli della chiesa di Lucarelli; 8 disegni relativi al comune di Radicondoli, uno per i restauri del Palazzo pretorio a Belforte (1942-1952), sei per quelli della chiesa di Santa Maria in Belforte, uno per quelli della chiesa di Montingegnoli; 3 disegni relativi al comune di Rapolano Terme, uno per i restauri della chiesa del Corpus Domini, due per quelli della Cappella Magi a Montecamerini; 9 disegni relativi al comune di San Casciano dei Bagni, per i restauri della chiesa di San Leonardo (1942-1952); 47 disegni relativi al comune di San Gimignano, due per i restauri della Porta delle fonti, nove per quelli della Loggia del Popolo (1924-1941), quindici per quelli relativi a residenze private (1908-1952), uno per quelli della chiesa di Santa Lucia (1908-1919), quattordici per quelli del Convento di Sant'Agostino, tre per quelli della collegiata di Santa Maria Assunta, due per quelli della chiesa di Ulignano, uno per quelli della chiesa di San Lorenzo in Ponte; 27 disegni relativi al comune di San Quirico d'Orcia, tre per interventi di ampliamento sulle Mura del Castello, tredici per i restauri della Collegiata dei Santi Quirico e Giuditta, uno per il fonte battesimale della chiesa di Santa Maria Assunta, uno per ampliamenti al palazzo a Bagno Vignoni, nove per i restauri della chiesa di San Biagio Vescovo a Bagni Vignoni (1942-1952); 10 disegni relativi al comune di Sinalunga, sei per i restauri della chiesa dei San Pietro ad Mensulas (1924-1941), quattro per quelli della chiesa di San Marcellino a Rigomagno (1924-1941); 32 disegni relativi al comune di Sovicille, un prospetto del castello del Poggiarello, un prospetto della facciata di San Bartolomeo a Tonni, uno per la realizzazione di un tabernacolo nella chiesa di San Bartolomeo a San Rocco a Pilli, due per i restauri della chiesa di Ampugnano (1942-1952), sei per quelli della chiesa di Santa Mustiola a Torri, cinque per quelli della pieve di San Giovanni Battista a Rosia (1908-1919, 1924-1941), dieci per quelli della chiesa dei Santi Giusto e Clemente a Balli, sei per quelli della pieve di San Giovanni Battista a Ponte allo Spino (1908-1924, 1942-1952); 4 disegni relativi al comune di Trequanda, per i restauri della chiesa Parrocchiale. Si conservano inoltre 10 disegni relativi alla città di Grosseto: uno per la realizzazione del campanile della chiesa di San Francesco, quattro per i restauri della cattedrale di San Lorenzo (27 novembre 1911, 1924-1941), cinque relativi alla chiesa di San Lorenzo a Montepescali; per quanto riguarda la provincia di Grosseto si conservano: 23 disegni relativi al comune di Arcidosso, due per i restauri della chiesa della Madonna dell'Incoronata (1942-1952), uno relativo alla chiesa della Propositura, otto per i restauri della chiesa di San Niccolò (1924-1941), dodici per quelli della Pieve di Santa Maria di Lamulas a Montelaterone (1924-1941); 8 disegni relativi al comune di Campagnatico, per i restauri della pieve di San Giovanni Battista; 5 disegni relativi al comune di Capalbio, per i restauri della chiesa di San Niccolò; 1 disegno relativo al comune di Casteldelpiano, per la ristrutturazione di Casa Pucci; 1 disegno relativo al comune di Castiglione della Pescaia, rilievo architettonico del Romitorio di San Guglielmo; 5 disegni relativi al comune di Civitella Marittima, per i restauri della chiesa di San Michele a Paganico; 3 disegni relativi al comune di Gavorrano, per i restauri della chiesa di San Giuliano; 2 disegni relativi al comune di Magliano in Toscana, per i restauri della chiesa di San Martino; 1 disegni relativo al comune di Manciano, per i restauri di una porta medievale a Saturnia (1942-1952); 29 disegni relativi al comune di Massa Marittima, otto per i restauri della Cattedrale di San Cerbone (1924-1941), uno per quelli della chiesa di Sant'Agostino (12 maggio 1918), venti per interventi architettonici su palazzo Malfatti (12 agosto 1910); 7 disegni relativi al comune di Pitigliano, uno per interventi architettonici su Palazzo Orsini, due per i restauri dell'edificio del Consorzio agrario, quattro per quelli della chiesa di San Rocco (1924-1941); 12 disegni relativi al comune di Santa Fiora, uno per interventi architettonici al palazzo Sforza (1942-1952), dieci per i restauri della chiesa delle Sante Flora e Lucilla (1924-1941), uno per quelli della chiesa della Propositura; 7 disegni relativi al comune di Scarlino, cinque per i restauri della chiesa di San Donato, due per quelli della chiesa di San Martino; 12 disegni relativi al comune di Seggiano, per i restauri della chiesa di San Bartolomeo; 1 disegno relativo al comune di Semproniano, per la realizzazione del Monumento ai caduti nella Cappella di San Rocco della pieve di San Vincenzo.

Ordinamento: La raccolta di disegni è ordinata e catalogata: ad ogni disegno corrisponde il numero di catalogazione dell'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (http://www.iccd.beniculturali.it/index.php?it/162/materiali-dellarchivio), quello dell'Archivio disegni della Soprintendenza (http://www.sbap-siena.beniculturali.it/index.php?op=search) e quello dell'Archivio fotografico del medesimo ente.

Strumenti di ricerca:
Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio - SBAP
Istituto centrale per il catalogo e la documentazione - ICCD

La documentazione è stata prodotta da:
Bellini Egisto

La documentazione è conservata da:
Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio per le province di Siena e Grosseto


Bibliografia:
"Egisto Bellini (1877-1955). Disegni di architettura e di ornato", a cura di F. Rotundo-R. Pagliaro, Pisa, ETS, 2008

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Fabbrini Marta, 2014/03, prima redazione
Morotti Laura, 2014/03, rielaborazione

Modalità di consultazione:
Il fondo è aperto alla consultazione, previa autorizzazione del Soprintendente tramite compilazione di modulo prestampato, che viene effettuata nei locali della biblioteca della Soprintendenza. Vi si accede su appuntamento, dal martedì al venerdì.


icona top