Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Gallo Giuseppe e Bartolomeo

fondo

Estremi cronologici: 1882 - 1967

Storia archivistica: L'archivio di Giuseppe e Bartolomeo Gallo è stato acquistato presso gli eredi Gallo dalla Fondazione 1563 per l'Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo tra 2005 e 2006. Alla prima acquisizione, relativa all'archivio privato di Giuseppe Gallo (1860-1927), costituito da disegni, fascicoli relativi ai cantieri, quattro volumi di copialettere e materiale fotografico e a stampa, ne è seguita nel 2006 una
seconda, incentrata sui disegni del figlio Bartolomeo (1897-1970), unitamente ad un cospicuo numero di stampe fotografiche degli anni Sessanta del Novecento.

Descrizione: Il Fondo Giuseppe e Bartolomeo Gallo è un corpus che testimonia, attraverso rilievi, lo stato di fatto di molti edifici religiosi piemontesi e le numerose trasformazioni di edifici barocchi oggi difficilmente riconoscibili, trasformazioni che vanno da semplici lavori di manutenzione a interventi più complessi di ampliamento o di totale ricostruzione; esso pertanto rappresenta un fondamentale strumento per il
restauro e la conservazione del patrimonio di architettura religiosa piemontese. Il materiale di cui si compone il Fondo è quantificabile in più di cinquemila documenti, la maggior parte di essi disegni di progetto e studi preparatori, cui si aggiungono fascicoli con documentazione di cantiere, fotografie, stampe e copialettere. La raccolta di disegni e documenti di Giuseppe e Bartolomeo Gallo costituisce, per certi versi, un unicum tra gli archivi del XX secolo in Piemonte finora studiati. Ciò è dovuto al
carattere dello studio Gallo orientato quasi esclusivamente all'edilizia religiosa, oltre alla sua caratterizzazione di archivio familiare, dovuta alla continuazione dei cantieri di Giuseppe da parte del figlio Bartolomeo fino alla metà del XX secolo.

Ordinamento: Ordinamento per tipologia documentaria. Banca dati realizzata col software CollectiveAccess

Siti web:
Fondazione 1563 per l'arte e la cultura

La documentazione è stata prodotta da:
Gallo Bartolomeo
Gallo Giuseppe

La documentazione è conservata da:
Fondazione 1563 per l'arte e la cultura della Compagnia di San Paolo


Bibliografia:
Mauro Volpiano (a cura di), Il fondo Giuseppe e Bartolomeo Gallo. Fonti e documenti per l'architettura dell'Ottocento in Piemonte, volumi I, Le carte e i disegni dall'atelier all'architetto, e II, Repertorio bibliografico per lo studio dell'architettura e del suo contesto,Torino, 2009, n.4

Redazione e revisione:
Bonzanino Paola, 2016/01/19, prima redazione
Caffaratto Daniela, 2016/05/09, supervisione della scheda


icona top