Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

De Marinis Giuliano

fondo

Estremi cronologici: 1961 - 2004

Consistenza: Unità 55: bb. 27, fascc. 28

Storia archivistica: Il fondo è stato acquisito dalla Soprintendenza archeologica della Toscana nel corso del 2015 grazie alla volontà dell'allora Soprintendente dott. Andrea Pessina. Il materiale documentario in esso conservato rappresenta l'attività professionale di De Marinis in Toscana come funzionario della Soprintendenza archeologica, direttore del Centro di Restauro e docente presso la Scuola di Specializzazione in Archeologia dell'ateneo fiorentino, fino al trasferimento nelle Marche come Soprintendente, coprendo quindi un arco cronologico di circa vent'anni, dal 1975 al 1995

Descrizione: Si tratta di 27 buste allestite nel 2015 in sede di riordinamento del fondo, oltre ad altre 28 tra scatole e fascicoli sfusi, creati dallo stesso De Marinis e così conservati senza alcun intervento. Il fondo è composto da una grande quantità di documentazione estremamente eterogenea e non sempre ordinata: materiale fotografico vario (negativi, diapositive e altro), corrispondenza, relazioni scientifiche relative a vari scavi, perizie di spesa, documenti amministrativi di varia natura, taccuini di scavo, appunti, disegni, planimetrie, articoli di giornale, estratti di periodici, pubblicazioni e tesi di laurea, confluite queste ultime nella Biblioteca dello studioso, anch'essa conservata presso la Soprintendenza Archeologica della Toscana. Fanno parte del fondo De Marinis anche 4 scatole di fotografie conservate presso l'archivio fotografico dell'attuale Polo museale della Toscana. Una caratteristica del fondo, che rappresenta anche un aspetto problematico ancora da affrontare, è la grande quantità di documenti conservati in copia, per i quali sarà necessario un esame puntuale, caso per caso, allo scopo di conservare o scartare parte del materiale.

Ordinamento: La sedimentazione dei documenti ha seguito naturalmente l'attività professionale di De Marinis in Toscana per cui sono stati facilmente individuati alcuni nuclei tematici in base ai quali sono state suddivise e ordinate le carte, laddove non erano già state organizzate in fascicoli dallo stesso De Marinis

Informazioni sulla numerazione: Non è presente alcuna numerazione sulle carte né sui fascicoli.

Strumenti di ricerca:
Andrea Morrocchi, Massimo Tarantini, Fondo G. De Marinis. Indice dei fascicoli

La documentazione è stata prodotta da:
De Marinis Giuliano

La documentazione è conservata da:
Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato


Bibliografia:
Barbara Arbeid, Andrea Morrocchi, Gabriella Poggesi, Massimo Tarantini, "Firenze. Archivio storico e archivio fotografico. Acquisizione e prima descrizione del fondo Giuliano de Marinis", in «Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana. Notizie», n. 11/2015, pp. 82-84

Redazione e revisione:
Baggio Silvia, 2017/10, supervisione della scheda
Gentile Carlotta, 2017/09, prima redazione
Morotti Laura, 2017/10, revisione

Modalità di consultazione:
Il fondo è liberamente accessibile previo appuntamento telefonico con la
Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato


icona top