Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori » Soggetto conservatore

Istituto papirologico Girolamo Vitelli

Borgo degli Albizi 12-14
50122 Firenze (Firenze)

Telefono: 055 2478969
Fax: 055 2480722

Siti web:
Istituto papirologico Vitelli

Tipologia: ente di istruzione e ricerca

L'Istituto trae le sue origini dalla "Società Italiana per la ricerca dei Papiri greci e latini in Egitto", ente morale finanziato con i contributi dei soci, fondato a Firenze il 10 giugno 1908: tra i promotori figurava Girolamo Vitelli, a quel tempo il più illustre grecista italiano, che allora era titolare dell'insegnamento di Letteratura greca nell'Istituto di Studi Superiori di Firenze, poi diventato Università degli Studi nel 1924.
Per un ventennio la "Società italiana" tenne proficuamente fede al programma di campagne di scavo e di acquisti di materiale papiraceo in Egitto destinato allo studio e alla pubblicazione: il risultato maggiore è degnamente rappresentato dai primi otto volumi dei Papiri della Società Italiana (PSI) editi tra il 1912 e il 1927; nel 1927 la Società decise di sciogliersi e nel 1928, presso l'Università degli Studi, fu costituito l'Istituto Papirologico, il cui primo direttore fu Girolamo Vitelli.
L'Istituto ereditò i compiti e i materiali di studio della "Società italiana": fra il 1929 e il 1935 uscirono i volumi IX, X e XI dei PSI; le iniziative e le attività di scavo furono incrementate, per cui l'Istituto divenne uno dei centri più importanti per la papirologia a livello internazionale.
Nel 1939 l'Istituto assunse l'attuale denominazione per onorare la memoria di Vitelli, morto a 86 anni, il 2 settembre 1935.
Nonostante il parziale rallentamento durante la Seconda Guerra Mondiale, le attività proseguirono con la pubblicazione di ulteriori volumi dei PSI (vol. XII fasc. 1, 1943; fasc. 2, 1951; vol. XIII fasc. 1, 1949; fasc. 2, 1953; vol. XIV, 1957) e di molti altri testi editi al di fuori della serie ufficiale.
Gli scavi, invece, furono sospesi per un lungo periodo e furono nuovamente intrapresi soltanto nel 1964, grazie a Vittorio Bartoletti. L'attività è proseguita quasi incessantemente fino a oggi, ed è tuttora operativo lo scavo presso Antinoe.
Dopo Girolamo Vitelli, l'Istituto fu diretto da Medea Norsa (1935-1949), Nicola Terzaghi (1949- 1963), Vittorio Bartoletti (1963-1967), e Manfredo Manfredi (1968-1991).
Nel 1991 l'Istituto fu riconosciuto Ente Nazionale di Ricerca non Strumentale, e ne fu designato Presidente prima Manfredo Manfredi (1991-1998), e poi, dopo alcuni mesi di vice-presidenza tenuta da Angelo Casanova, Guido Bastianini.
Dal 1° gennaio 2005, infine, per decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, l'Istituto Papirologico è rientrato nell'alveo dell'Università degli Studi di Firenze, divenendone struttura scientifica con lo status di Centro studi. Dall'8 febbraio 2006 ne è direttore Guido Bastianini, titolare della cattedra di Papirologia.


Complessi archivistici:
Vitelli Girolamo (fondo)


Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Capannelli Emilio, 1996, prima redazione
Morotti Laura, 2010, rielaborazione


icona top