Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori » Soggetto conservatore

Centro di studi politici e sociali e Archivio storico Il Sessantotto

via G. Orsini, 44
50126 Firenze (Firenze)

Telefono: 055 685593
Fax: 055 685593

Siti web:
Archivio storico Il Sessantotto

Tipologia: ente di cultura, ricreativo, sportivo, turistico

Il Centro si è costituito nel 1984 con l'obiettivo di creare a Firenze un punto di riferimento per gli studi sulla nuova sinistra.
L'archivio si è venuto formando a partire dal deposito di fondi di raccolte documentarie di militanti e simpatizzanti di movimenti e partiti della nuova sinistra, tra i quali Lotta Continua, Autonomia operaia, movimenti anarchici, Psiup, Democrazia proletaria. Il Centro ha continuato a raccogliere documentazione sino ai primi anni Novanta, sia da singoli militanti di sinistra sia da organizzazioni politiche in fase di scioglimento, quasi esclusivamente dell'area fiorentina o, comunque, toscana.
L'archivio è stato dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza archivistica della Toscana con provvedimento n. 798 del 6 febbraio 2004.
La consultazione è possibile su appuntamento.

Complessi archivistici:
Bencini Luigi (fondo)
Biblioteca anarchica Luigi Fabbri (collezione / raccolta)
Cannarozzo Calogero (fondo)
Damiani Luca (fondo)
Fornaciari Paolo Edoardo (fondo)
Giornali politici organi di partito (collezione / raccolta)
Montagni Andrea (fondo)
Opuscoli (collezione / raccolta)
Riviste (collezione / raccolta)
Serafini Aldo (fondo)
Spagna Piero (fondo)
Volantini e ciclostilati (collezione / raccolta)


Bibliografia:
FONDAZIONE LELIO E LISLI BASSO - ISSOCO, Guida alle fonti per la storia dei movimenti in Italia (1966-1978), a cura di M. GRISPIGNI e L. MUSCI, Roma, Direzione generale per gli archivi, 2003

Redazione e revisione:
Quarta Antonietta, 2006, prima redazione
Saggioro Cristina, 2011/04/11, prima redazione


icona top