Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori » Soggetto conservatore

Accademia dei Rozzi

via di Città, 36
53100 Siena (Siena)

Telefono: 0577280122
E-mail: Arcirozzo@accademiarozzi.it

Siti web:
Accademia dei Rozzi

Tipologia: ente di cultura, ricreativo, sportivo, turistico

La 'Congrega dei Rozzi' - questo il suo nome in origine - si costituì ufficialmente nell'ottobre del 1531, anche se di fatto era attiva già da tempo. I 'rozzi' si distinguevano da altri gruppi nell'orientarsi non a testi eruditi, ma ad usanze e sceneggiature rustiche o, per meglio dire, 'rozze', che interpretavano soprattutto nel periodo di carnevale. Lo stile piacque a molti e trovò consenso anche presso personaggi di grande autorità quali papa Leone X o l'imperatore Carlo V che vollero assistere ai loro spettacoli.
Nel tempo, tuttavia, l'impostazione goliardica dovette cedere progressivamente ad uno stile più pacato, tanto che la 'Congrega' si trasformò in 'Accademia' con la conseguente radicale riforma dei suoi statuti. Alla nuova impostazione doveva seguire anche una rinnovata logistica e i soci cominciarono a cercare dei locali più adatti alle le loro attività. Nel 1690, grazie all'intercessione di Francesco de' Medici, agli accademici venne concesso l'uso di una ampia sala situata al primo piano dell'Opera metropolitana. Detto 'saloncino' ben presto si rivelò insufficiente e l'Accademia procedette all'acquisto di nuovi locali da trasformare in teatro. Trovati gli ambienti adatti in piazza di San Pellegrino (oggi piazza dell'Indipendenza) detterò via ai lavori e nel 1817 venne inaugurato il nuovo teatro.
Dopo una vasta attività soprattutto nel campo della prosa, nel 1947 il teatro dovette chiudere in quanto dichiarato inagibile a causa dei danni riportati da alcuni eventi bellici. Dopo svariati tentativi di recupero e richieste di finanziamento, finalmente nel 1998 il teatro completamente restaurato ha potuto riprendere la sua attività culturale.
L'Accademia dei 'Rozzi' dispone anche di una biblioteca e di un archivio, affidati entrambi per statuto ad un rozzo accademico. La biblioteca conserva, accanto a nuclei librari antichi, anche diverse pubblicazioni attuali messe a disposizione in un'apposita sala di lettura ai soci frequentatori.
L'archivio, interamente ordinato ed inventariato, ospita numerosi documenti che testimoniano la vita dei vari sodalizi susseguitasi nei secoli.

Complessi archivistici:
Accademia dei Rozzi di Siena (fondo)


Bibliografia:
M. Marcucci, N. Crevani, Accademie e istituzioni culturali in Toscana, Firenze 1988, 447-453
"L'archivio dell'Accademia [dei Rozzi]. Inventario", a cura di M. De Gregori, Siena 1999
R. Alonge, "Il Teatro dei Rozzi di Siena", Firenze 1967

Redazione e revisione:
Affolter Barbara Maria, 2006/02/16, prima redazione


icona top