Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Comunità di Alteta

Sede: Montegiorgio (Fermo)
Date di esistenza: sec. XIII - 1860

Intestazioni:
Comunità di Alteta, Montegiorgio (Fermo), sec. XIII circa - 1860, SIUSA

Alteta era uno dei castelli, fra cui Cerreto, Francavilla, Magliano di Tenna, Montesampietrangeli, Monteverde, Rapagnano, su cui Montegiorgio aveva giurisdizione, riconfermata dal Rettore della Marca, Rinaldo, duca di Spoleto, nei primi decenni del secolo XIII (1229). Si trattava di un'appartenenza di breve durata perchè Montegiorgio tornò ad essere sottoposto a Fermo con il rinnovo dei patti del 1293, che prevedeva la restituzione a Fermo del castello di Alteta. Quest'ultimo venne ocupato nel 1413 dai Malatesta, mandati nelle Marche dal papa Gregorio XII per combattere il Migliorati, signore di Fermo, nominato dall'antipapa Giovanni XXIII Rettore della Marca. Per impedire il ritorno di Carlo Malatesta nella Marca, il Migliorati si alleò con Ancona e Camerino e riconquistò tutti i castelli perduti, tra cui quello di Alteta.
Nel periodo del Regno d'Italia napoleonico, Alteta fu uno dei Comuni che dipendevano da Montegiorgio, capoluogo di cantone, all'interno del Dipartimento del Tronto. All'atto della Restaurazione pontificia, Alteta era appodiato di Montegiorgio, sede di un governatore, nel distretto di Fermo, all'interno della Delegazione apostolica di Fermo. Con il riparto territoriale del 1835, Alteta aveva come appodiato Cerreto e dipendeva dal governo di Montegiorgio. In base alla statistica numerativa della popolazione dello Stato pontificio del 1857, Alteta aveva come suo appodiato Cerreto, all'interno della provincia di Fermo.

Con l'Unità d'Italia entrò a far parte della provincia di Ascoli Piceno, circondario II di Fermo, mandamento III di Montegiorgio. Con decreto reale in data 4 aprile 1869, il Comune di Alteta venne soppresso ed aggregato a Montegiorgio. Parecchi anni dopo, gli abitanti di Alteta ottennero la ricostituzione della loro autonomia comunale, con decreto reale del 30 luglio 1896. Fu, allora, Montegiorgio a ricorrere al Consiglio di Stato ed un nuovo decreto reale, dell'8 aprile 1900, decideva l'aggregazione definitiva di Alteta a Montegiorgio.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale


Soggetti produttori:

Successori:
Comune di Montegiorgio


Profili istituzionali collegati:
Comunità (Stato della Chiesa), 1815 - 1870
Comunità (Stato della Chiesa), sec. XIV - sec. XVIII

Complessi archivistici prodotti:
Comunità di Alteta (fondo)


Fonti:
"Statistica numerativa delle popolazioni di tutti i comuni e appodiati dello Stato pontificio ordinate secondo i Governi e le Provincie a cui appartengono", Roma, 1857
Raccolta delle leggi e disposizioni di pubblica amministrazione nello Stato pontificio, vol. VI, Roma, 1835
Riparto dei governi e delle comunità dello Stato pontificio con i loro rispettivi appodiati, Roma, 1817

Redazione e revisione:
Papi Tatiana, 2006/04/26, prima redazione


icona top