Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Parrocchia di San Giovanni Battista decollato, Venezia

(Archivi storici della Chiesa di Venezia)

Sede: Santa Croce, VENEZIA
Date di esistenza: sec. XI - 1807

Intestazioni:
Parrocchia di San Giovanni Battista decollato, Venezia, sec. XI? - 1807

Altre denominazioni:
Parrocchia di San Zan degolà

La chiesa di S. Giovanni Battista decollato fu innalzata, secondo il Corner, agli inizi del secolo XI per volontà della nobile famiglia Venier. Non è dato conoscere con precisione la data di erezione della parrocchia, probabilmente ascrivibile a quello stesso secolo XI che la vide sorgere, periodo in cui la città definì le proprie strutture amministrative, religiose e civili imperniandole sui confinia - le parrocchie appunto -, officiate da un pievano o da un collegio di sacerdoti (il capitolo). Sappiamo infatti che quando - secondo il racconto fattone dalla tradizione - nel 1334 un cavaliere boemo in pellegrinaggio verso la Palestina e ricoverato in fin di vita nella abitazione di Antonio Colonna, consegnava alla chiesa intitolata al Battista un dito del santo, questa risultava già operare da decenni come chiesa parrocchiale. Con i decreti napoleonici di riorganizzazione della geografia delle parrocchie veneziane emanati nel 1807, la parrocchia fu soppressa e la chiesa chiusa al culto; successivamente riaperta divenne oratorio sacramentale dipendente dalla parrocchia di San Giacomo dell'Orio.

La chiesa, collegiata sino al 1807, era retta da un capitolo - composto da un prete, un diacono e un suddiacono -, che originariamente amministrava in maniera collegiale i beni e le rendite del beneficio parrocchiale. Con la ripartizione successiva del patrimonio comune in masse proporzionate ai titoli assunti dai canonici, vennero pure meno lo spirito di condivisione, gli obblighi di vita comunitaria e la corresponsabilità nella guida pastorale della parrocchia; la cura delle anime e l'amministrazione dei sacramenti venne affidata al solo pievano o parroco, assistito talora da un sacrista.

In origine la chiesa era affiliata alla chiesa cattedrale di San Pietro apostolo.


Bibliografia:
D.SCHIAPPOLI, P.G. CARON, Parrocchia, in Novissimo Digesto Italiano, Roma 1965, vol. XII, pp. 449-464
F. CORNER, Ecclesiae Venetae antiquis documentis nunc etiam primus editis illustratae ac in decades distributae, Venetiis 1749, vol. IV, pp. 382 e segg
F. CORNER, Notizie storiche delle chiese e dei monasteri di Venezia e di Torcello, Padova 1758 (rist. anastatica Bologna 1990), 388
G. CAPPELLETTI, Storia della Chiesa di Venezia dalla sua fondazione sino ai nostri giorni, Venezia 1851, vol. II, p. 403
G.B. GALLICCIOLLI, Delle memorie venete antiche, profane ed ecclesiastiche, Venezia 1795, vol. III, pp. 15, 19
Il Patriarcato di Venezia. Situazione al 15 ottobre 1974, a cura di G. BORTOLAN, Venezia 1974, 475-476


icona top