Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Carbonara al Ticino

Sede: Carbonara al Ticino (Pavia)
Date di esistenza: sec. XIV -

Intestazioni:
Comune di Carbonara al Ticino, Carbonara al Ticino (Pavia), sec. XIV -, SIUSA

Altre denominazioni:
Comune di Carbonara

Nel Medioevo Carbonara faceva parte del comitato di Lomello. La località è citata nell'elenco delle terre del contado di Pavia del 1250 come "Carbonaria", nella contea Lumellina. del 1383 il manoscritto che riporta: "Ad stratam que est a Carbonarie loco uscque ad Rocham maiorem. (...)". Manfredino Beccaria di "Gruppello", nel 1397, con testamento, lascia alle sue due figlie Orietta e Agnese la possessione di Carbonara. Nel 1446 il borgo è, invece, dei fratelli Eustachi di Pavia, per poi passare ad un ramo dei Visconti (1530), quindi a Lonati-Visconti Pietro Antonio nel 1693. Carbonara è incluso nell'elenco delle terre del principato di Pavia, censite per fini fiscali da Ambrogio Opizzone, come appartenente alla Lomellina. In seguito è retto marchesato a favore dei Della Chiesa Malaspina dellla città di Bobbio
Nella relazione del 1 novembre 1707 dell'intendente generale Fontana, incaricato di censire i comuni della Lomellina dal duca di Savoia, Carbonara conta 415 anime, i feudatari sono i marchesi fratelli Lonati Visconti, abitanti in Milano. Insieme a Carbonara è citata Villanova de Ardenghi come comune separato. Il Comune, nella compartimentazione territoriale sabauda del 1723, citato insieme a Borgo San Siro, fa parte della provincia Lomellina e dipende dalla prefettura di Mortara. Nello stabilimento delle province del 3 settenbre 1749 viene confermata l'appartenenza di Carbonara alla provincia Lomellina. Dal manifesto senatorio del 17 agosto 1750 si evince che il comune è incluso nel secondo cantone della Lomellina.. In seguito al nuovo censimento delle province del 15 settenbre 1775 Carbonara è confermata alla Lumellina.
Il primo decreto napoleonico del 1800 emanato per la Lomellina sancisce che il dipartimento dell'Agogna è diviso in 17 distretti, o circondari comunali, Garlasco è capoluogo del sesto distretto e Carbonara ne fa parte. Con il decreto del 25 Fiorile 1801 invece, considerando che per l'attivazione delle prefetture, vice-prefetture e relativi corpi amministrativi è stata stanbilita una nuova divisione dei dipartimenti e dei distretti, Carbonara è incluso nel secondo distretto di Vigevano, dipartimento dell'Agogna. Nella compartimentazione territoriale del 28 aprile 1806 ricadendo sotto il dominio napoleonico, Carbonara è nel dipartimento dell'Agogna, distretto di Vigevano, nel cantone secondo di Garlasco, come comune di terza classe unita a Limido, Sabbione e Torre de' Torti, con popolazione di 1307 abitanti
Con la compartimentazione del 7 ottobre 1814 Carbonara è capo di mandamento della provincia di Mortara. ella compartimentazione del 27 ottobre 1815 Carbonara fa parte del mandamento di Cava, nella provincia di Vigevano. Per mezzo del regio editto del 10 novembre 1818 "portante una nuova circoscrizione generale delle provincie de' regi stati di terra-ferma", Carbonara viene inserita nel mandamento di Cava, nella provincia di Lomellina. Carbonara fa parte della diocesi di Vigevano, divisione di Novara. Dipendente dal Senato Piemontese, ha gli uffici di Intendenza a Mortara, quelli di Prefettura e Ipoteca a Vigevano, quelli di Insinuazione a Garlasco e, infine, quelli di Posta a San Martino Siccomario. Conta una popolazione di 826 abitanti. Nella compartimentazione territoriale del 23 ottobre 1859, Carbonara appartiene al circondario primo di Pavia, mandamento quinto di Cava, ha una popolazione di 1381 abitanti.
In seguito all'unione temporanea delle province lombarde al regno di Sardegna, in base al compartimento territoriale stabilito con la legge 23 ottobre 1859, il comune di Carbonara al Ticino con 1.381 abitanti, retto da un consiglio di quindici membri e da una giunta di due membri, fu incluso nel mandamento V di Cava, circondario I di Pavia, provincia di Pavia. Alla costituzione nel 1861 del Regno d'Italia, il comune aveva una popolazione residente di 1.290 abitanti (Censimento 1861). Sino al 1863 il comune mantenne la denominazione di Carbonara e successivamente a tale data assunse la denominazione di Carbonara al Ticino. In base alla legge sull'ordinamento comunale del 1865 il comune veniva amministrato da un sindaco, da una giunta e da un consiglio. Nel 1867 il comune risultava incluso nel mandamento di Cava Manara, circondario di Pavia e provincia di Pavia. Popolazione residente nel comune: abitanti 1.540 (Censimento 1871); abitanti 1.587 (Censimento 1881), abitanti 1.651 (Censimento 1901); abitanti 1.700 (Censimento 1911); abitanti 1.667 (Censimento 1921). Nel 1924 il comune risultava incluso nel circondario di Pavia della provincia di Pavia. In seguito alla riforma dell'ordinamento comunale disposta nel 1926 il comune veniva amministrato da un podestà. Popolazione residente nel comune:abitanti 1.532 (Censimento 1931); abitanti 1.566 (Censimento 1936). In seguito alla riforma dell'ordinamento comunale disposta nel 1946 il comune di Carbonara al Ticino veniva amministrato da un sindaco, da una giunta e da un consiglio. Popolazione residente nel comune: abitanti 1.548 (Censimento 1951); abitanti 1.525 (Censimento 1961); abitanti 1.331 (Censimento 1971). Nel 1971 il comune di Carbonara al Ticino aveva una superficie di ettari 1.465.


Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Carbonara al Ticino (fondo)


Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/12/13, prima redazione


icona top