Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Parrocchia di S. Zenone in Monte Olimpino di Como

Sede: Como
Date di esistenza: 1654 - 1989

Intestazioni:
Parrocchia di S. Zenone in Monte Olimpino, Como, 654 -, SIUSA

Parrocchia della diocesi di Como. Nella seconda metà del XVII secolo, il vescovo Lazzaro Carafino, desiderando che i numerosi possessi del soppresso convento dei crociferi tornassero a incremento spirituale della popolazione comasca, propose alla Sacra Congregazione dei cardinali in Roma di erigere in parrocchie le chiese di San Zenone di Monte Olimpino, allora filiare della parrocchia di San Salvatore di Como, Santa Cecilia di Camnago, Sant'Andrea di Brunate; i cardinali e il papa accolsero la proposta e, con rescritto 2 settembre 1653, autorizzarono il vescovo Carafino a mandarla a effetto. La parrocchia di San Zenone fu eretta dal vescovo Lazzaro Carafino con istromento rogato dal notaio Angelo Magatti il 7 marzo 1654, con territorio smembrato da San Salvatore di Como. Nel 1768, durante la visita del vescovo Giambattista Mugiasca nella pieve di Zezio, nella chiesa parrocchiale di San Zenone, erano istituite la confraternita del Santissimo Sacramento; la compagnia del Sacro Cuore di Gesù; la compagnia del Rosario. Il numero dei parrocchiani era di 460 di cui 270 comunicati. Entro i confini della parrocchia di Monte Olimpino esistevano la chiesa filiare dei Santi Giacomo e Filippo in Quercino; le chiese od oratori dell'Immacolata Concezione in Quercino; Beata Vergine Maria in Cardina, di Domenico Nessi; San Gaetano in Cardano Inferiore, dei padri teatini; Sant'Abbondio in Cardano Superiore, di proprietà Boggiari; Immacolata Vergine Maria in Mognano, di proprietà Stoppani; l'oratorio privato dei padri somaschi in Bosci. La parrocchia era di libera collazione. Nello stato di tutte le chiese parrocchiali della città e diocesi di Como spedito dal vescovo Mugiasca al governo di Milano nel 1773, i redditi del parroco risultavano derivare da beni stabiliti per lire 711.10; da emolumenti di stola per lire 160. Nel 1781, secondo la nota specifica delle esenzioni prediali a favore delle parrocchie dello stato di Milano, la parrocchia di San Zenone possedeva fondi per 333.15 pertiche; il numero delle anime, conteggiato tra la Pasqua del 1779 e quella del 1780, era di 497. Nel 1788 la parrocchia di San Zenone risultava compresa nei Corpi Santi della città di Como. Verso la fine del XVIII secolo la parrocchia di San Zenone di Monte Olimpino, citata come "vicaria in cura animarum", risultava compresa nella pieve della cattedrale, volgarmente detta di Zezio. Secondo quanto si desume dal confronto con la "nuova divisione dei distretti compresi nel Regno d'Italia e spettanti alla diocesi di Como per le scuole normali" compilata nel 1816, la parrocchia di Monte Olimpino risultava elencata tra le parrocchie della pieve di Zezio. Nel 1894, anno della visita pastorale del vescovo Andrea Ferrari nella pieve e vicariato di Zezio, la rendita netta del beneficio parrocchiale di San Zenone assommava a lire 1072.01; esisteva inoltre un beneficio coadiutorale di lire 630. Entro i confini della parrocchia di Monte Olimpino esistevano gli oratori della Santissima Immacolata in Cardina, Sant'Abbondio in Cardano, Santi apostoli Giacomo e Filippo in Quercino, Maria Vergine Assunta in Carnosino. La giurisdizione della parrocchia si estendeva sulle frazioni di Carnosino, Torlegno, Cardano, Cardina al Mirabello, Quercino, Brugeda, Pontechiasso, Monte Olimpino, Paluda, Moltrisio, Roncato. Nella chiesa parrocchiale erano istituite la confraternita maschile del Santissimo Sacramento; la confraternita femminile del Santissimo Sacramento, ricostituita intorno al 1870 dal vicario Callisto Grandi. Il numero dei parrocchiani era di 1479. La parrocchia era di nomina vescovile. Nel 1900, anno della visita pastorale del vescovo Teodoro Valfré di Bonzo nella pieve e vicariato di Zezio, la rendita netta del beneficio parrocchiale assommava a lire 1664.46; esisteva inoltre un beneficio vicariale. I parrocchiani erano 1561, compresi gli abitanti delle frazioni di Paluda, Interlegno, Carnasino Moltrisio, Colombara, Umbria, Cava, Cardano, Cardina Mirabello, Pontechiasso, Brogeda, Quercino, Sagnino, Monte, Soldo. Nel territorio parrocchiale esistevano la chiesa dell'Immacolata in Cardina, già di diritto della famiglia Nessi e all'epoca della curia vescovile; gli oratori dei Santi Giacomo e Filippo in Quercino, di diritto dei conti Reina; Vergine Assunta in Carnasino, di diritto dei conti Coopmans; Sant'Abbondio in Cardano, di diritto della famiglia Maderni. Nella chiesa parrocchiale erano erette la confraternita maschile del Santissimo Sacramento e la confraternita femminile del Santissimo Rosario. La parrocchia era di nomina vescovile. Con decreto 29 maggio 1905 la parrocchia di Monte Olimpino venne separata dalla pieve di Zezio e aggregata alle parrocchie suburbane di Como. Dal 1938 la parrocchia di San Zenone di Monte Olimpino è stata compresa nel vicariato occidentale di Como, fino al decreto 29 gennaio 1968, in seguito al quale fu assegnata alla zona pastorale I di Como e al vicariato di Como; con decreto 10 aprile 1984 è stata inclusa nel vicariato B di Como centro.

Notizie tratte da: "Civita, Le istituzione storiche del territorio lombardo, le istituzioni ecclesiastiche - XIII - XX secolo, Diocesi di Milano", Regione Lombardia, Culture, Identità ed Autonomie della Lombardia, Università degli Studi di Pavia, Dipartimento di scienze storiche e geografiche "Carlo M. Cipolla", Arcidiocesi di Milano, Archivio storico diocesano, Milano, marzo 2002.

Condizione giuridica:
enti di culto

Profili istituzionali collegati:
Parrocchia, sec. XII -

Complessi archivistici prodotti:
Parrocchia di S. Zenone in Monte Olimpino di Como (fondo)


Bibliografia:
Beniamino Fargnoli, I monumenti religiosi comaschi. Romanico - gotico - rinascimentale, Milano, Accademia di Bella Arti "Aldo Galli", 1995
Saverio Xeres, Una fede, una storia: fatti e personaggi della Chiesa di Como illustrati nel tempo, [Como], Editoriale lombarda, [1986]

Redazione e revisione:
Doneda Cristina, 2005/03/17, prima redazione


icona top