Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Carpasio

Sede: Carpasio (Imperia)
Date di esistenza: 1792 -

Intestazioni:
Comune di Carpasio, Carpasio (Imperia), 1792 post -, SIUSA

Antico possesso dei vescovi di Albenga, già dalla metà del XII secolo, Carpasio, come gli altri centri della valle del Maro, cadde sotto l'influenza dei conti di Ventimiglia, i quali, dapprima investiti delle decime episcopali, finirono col divenire signori del territorio. Costituì in seguito, con Lucinasco e Prelà, una signoria autonoma, retta in regime di condominio da un ramo della famiglia dei conti di Ventimiglia, dal 1250 legati con patti di aderenza e accomandigia al comune di Genova. Nel 1455 il conte Gaspare vendette a Onorato Lascaris, conte di Tenda, i suoi possessi della valle del Maro, tra i quali Carpasio; a quasti succedette il figlio Gio Antonio e, alla sua morte, la figlia di questi, Anna, moglie di Renato Filiberto di Savoia, conte di Sommariva, figlio dei duca di Bresse. Essa, nel 1536, dovette alienare il feudo ad Ansaldo Grimaldi, ricco banchiere, riuscendo però a rientrarne in possesso sei anni dopo. Nel 1575 la nipote Renata, moglie del duca di Mayenne, vendette i diritti su Tenda, Maro e Prelà al duca Emanuele Filiberto di Savoia che comprese la valle del Maro nella provincia di Oneglia. Nel 1590 la duchessa Caterina d'Austria, a nome del figlio Carlo Emanuele I, ne diede investitura a Gio Gerolamo Doria, marchese di Ciriè. In seguito rimase a questo ramo dei Doria fino alla soppressione del regime feudale. Nel 1802 fu ceduto alla repubblica ligure, divenendo sede di cantone. Con l'unione della Liguria alla Francia, fu inserito nel dipartimento di Montenotte, nel circondario di Porto Maurizio. Nel 1814 tornò al Regno di Sardegna e fu compreso nella provincia di Oneglia, della divisione di Nizza.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale


Soggetti produttori:

Collegati:
Ente comunale di assistenza - ECA di Carpasio


Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Carpasio (fondo)
Stato civile del Comune di Carpasio (fondo)


Redazione e revisione:
Bovani Iolanda, 2005/08/22, prima redazione
Bovani Iolanda, 2010/09/12, rielaborazione


icona top