Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Olivastri

Sede: Chiusavecchia (Imperia)
Date di esistenza: sec. XIII - 1923

Intestazioni:
Comune di Olivastri, Chiusavecchia (Imperia), sec. XIII - 1923, SIUSA

Compreso nella castellania di Bestagno (una delle due circoscrizioni della "valle superiore" di Oneglia), fu possesso dei vescovi di Albenga, dai quali fu venduto, nel 1295, a Nicolò e Federico Doria, alla cui discendenza rimase fino al 1576, quando Gio. Gerolamo Doria ne fece vendita, con tutta la valle d'Oneglia, a Emanuele Filiberto di Savoia. Nel 1588 fu dato in feudo dal duca al conte Lazzaro Baratta, presidente del Senato di Torino, dal quale passò successivamente ai Negri di Sanfront (1644), agli Amoretti (1655) e, dal 1721 ai Mombelli di Moncalieri. Compreso, dal 1723, nella provincia di Oneglia, nel 1801 fu ceduto alla Repubblica Ligure; il comune nel 1804 fu soppresso ed unito ai comuni di Villaguardia e Sarola, membri del cantone di Oneglia, della Giurisdizione degli Ulivi. Il comune di Olivastri fu ricostituito nel 1815, per essere definitivamente soppresso nel 1923.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Olivastri (fondo)
Stato civile del Comune di Olivastri (fondo)


Redazione e revisione:
Frassinelli Antonella, 2005/11/26, prima redazione
Mezzani Donatella, 30/11/2010, revisione


icona top