Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Archivio storico del movimento operaio e democratico senese - ASMOS

Sede: Siena
Date di esistenza: 1988 -

Intestazioni:
Archivio storico del movimento operaio e democratico senese - ASMOS, Siena, SIUSA

L'Archivio storico del movimento operaio edemocratico senese nasce nel 1988 come associazione culturale su iniziativa di alcuni esponenti del Partito comunista Italiano, primo fra tutti Vasco Calonaci. Essa è, così lo statuto, "destinata particolarmente alla ricerca, allo studio e alla divulgazione dei materiali relativi alla storia del Movimento operaio e democratico della provincia di Siena e al confronto sui temi storici, economici, politici e culturali che li riguardano" (cfr. home-page). Se inizialmente l'intento era quello di costituire una raccolta sistematica principalmente della documentazione archivistica della Federazione PCI senese, con il tempo l'interesse dei membri dell'associazione si rivolse anche verso altre realtà. All'archivio primario, quello del PCI, si aggiunsero nel tempo diverse altre raccolte documentarie riconducibili agli interessi dell'Ente.
L'idea non era quella di creare soltanto un luogo di conservazione, ma di promuovere anche una struttura impegnata nell'analisi e nello studio dei movimenti politici e sociali promotori delle trasformazioni sociali, politiche e culturali dei nostri tempi.
Quale centro studi di storia contemporanea in esso si trova, accanto alla documentazione tradizionale (in genere scritta su carta), anche un gran numero di documenti di produzione orale e/o visiva (foto, video, nastri magnetici, CD-Rom) riconducibile non solo dalla classe dominante, ma anche alla 'gente comune' che ha caratterizzato in maniera significativa l'andare politico, sociale e culturale degli ultimi decenni.
I fondi archivistici sono i seguenti: Federazione Senese del Partito Comunista Italiano (1945-1991 con documenti acquisiti all'ACS sul fascismo e documenti anche del sec. XIX sulla mezzadria); Carte della Nuova Sinistra (1968-1990); Associazione culturale Lev Tolstoj (1950-1999); Federazione Senese del Partito Democratico della Sinistra (PDS) (1991-1998); Partito della Rifondazione Comunista (1991-1998); Vietato Astenersi (1988-1994); Vetreria Modesto Boschi Colle Val d'Elsa (1946-1955); Fondo di particolari (1920-2000); Federazione senese dei Democratici di Sinistra (in ordinamento). La maggior parte dei documenti sono inventariati e consultabili.
Lo studioso si può avvalere per le sue ricerche di una biblioteca consultabile on line insieme a tutte le biblioteche della provincia di Siena, un'emeroteca e una videoteca.
Numerose sono anche le attività culturali che si esprimono in seminari, convegni, pubblicazioni (Collana: Siena contemporanea: Quaderni dell'Asmos) e mostre, anche in collaborazione con altri enti.


Condizione giuridica:
privato (1988 - )

Tipologia del soggetto produttore:
ente di cultura, ricreativo, sportivo, turistico (1988 - )

Per saperne di più:
Archivio Storico del Movimento Operaio e Democratico Senese ASMOS

Complessi archivistici prodotti:
Archivio storico del movimento operaio e democratico senese ASMOS (fondo)


Redazione e revisione:
Affolter Barbara Maria, 2006/02/16, prima redazione


icona top