Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Apricale

Date di esistenza: sec. XII -

Intestazioni:
Comune di Apricale, Apricale (Imperia), sec. XII -, SIUSA

Località già abitata in epoca pre-romana, nel medioevo fu dominio dei conti di Ventimiglia, ai quali si deve l'erezione, forse nel X secolo, del castello, attorno al quale venne formandosi il borgo. La prima attestazione, col nome di "Aurigallus" risale al 1092 e dal 1210 esiste una forma di organizzazione comunale, sotto consoli di nomina locale. A partire dal XIII secolo cominciò a farsi sentire la penetrazione genovese, attraverso acquisti di terre e diritti da parte di nobili cittadini, in genere creditori dei conti di Ventimiglia. Nel 1272, uno di questi, Gianella Avvocato, occupò Apricale, con l'aiuto dei guelfi e dei Grimaldi. L'anno successivo il castello fu però recuperato dai ghibellini e restituito ai conti che, nel 1276, concedevano nuovi capitoli alla comunità. Nel 1287 il paese fu acquistato da Oberto Doria che, dal 1270, era signore anche di Dolceacqua. Il nuovo signore stabilì l'unione amministrativa di Apricale con la vicina Isolabona (conservatasi sino al 1573). Da allora fece parte del marchesato di Dolceacqua e con questo, nel 1524, riconobbe la sovranità del ducato di Savoia, in virtù dell'omaggio feudale prestato in quell'anno da Bartolomeo Doria al duca Carlo III. Nel 1793 fu occupata dai Francesi che la annessero al nuovo dipartimento delle Alpi marittime, quale comune del cantone di Perinaldo nel distretto di Mentone.Con le successive riforme amministrative francesi del 1805, a seguito dell'unione della Liguria all'Impero, Apricale fu smembrata dal circondario di Nizza e compresa in quello di San Remo. Nel 1814 Apricale torna possesso del Regno di Sardegna e nel 1818 è comune del mandamento di Dolceacqua, provincia di Sanremo, divisione di Nizza (dal 1859 circondario di Sanremo, provincia di Nizza; dal 1860 provincia di Porto Maurizio).

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Apricale (fondo)
Stato civile del Comune di Apricale (fondo)


Redazione e revisione:
Frassinelli Antonella, 2006/01/09, prima redazione
Frassinelli Antonella, 2007/07/18, revisione


icona top