Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Comune di Oria

Sede: Oria (Brindisi)
Date di esistenza: 1806 -

Intestazioni:
Comune di Oria, Oria (Brindisi), 1806 -, SIUSA

In seguito all'emanazione del "Decreto per le nuove circoscrizioni delle quattordici provincie del Regno di Napoli" del 4 maggio 1811 n. 922 , il Comune di Oria fu definito capoluogo di circondario ed assegnato al distretto di Mesagne, all'interno della provincia di Terra d'Otranto, avente per capitale Lecce.
Nel 1813, l'art. 3 del "Decreto per la formazione di un quarto distretto nella provincia di Terra d'Otranto" del 21 aprile 1813 n. 1697 , dispose che "il distretto di Mesagne prenderà da ora il nome di distretto di Brindisi, avendo questa città per capoluogo": in questa nuova suddivisione amministrativa , il comune di Oria conservò lo stato di capoluogo di circondario e fu incluso nel distretto di Brindisi.
In quanto capoluogo di circondario, ospitò la sede del giudice regio e le carceri circondariali.
Con la Legge 20 marzo 1865 n. 2248, resa esecutiva con il Regio Decreto 8 giugno 1865 n. 2321, fu modificata la denominazione dei distretti in circondari e dei circondari in mandamenti: Oria fu confermata capoluogo di mandamento, all'interno del circondario di Brindisi.
Nel 1927 il Comune fu annesso alla provincia di Brindisi, istituita con il regio Decreto legge del 2 gennaio 1927 n. 1.
In riferimento alle condizioni demografiche, Oria nel 1806 era composta da 4852 abitanti e perciò classificata comune di seconda classe, ai sensi del decreto dell'1 maggio 1816 n. 360; tra il 1841 ed il 1861, variando periodicamente il numero della popolazione residente, il Comune oscillò tra prima e seconda classe [L. A. LUCCHI, "Il comune di Oria: linee di storia istituzionale", in "La parola ... alle carte", a cura di E. VANTAGGIATO, Oria (Br), Italgrafica edizioni, 2006, pag. 105]; nel 1931 raggiunse i 10546 abitanti.
Relativamente all'ordinamento amministrativo provinciale, il comune oritano fu sottoposto alla vigilanza dell'Intendenza della provincia di Terra d'Otranto e, con poteri più circoscritti, della Sottointendenza del distretto di Mesagne (dal 1806 al 1813), e del distretto di Brindisi (dal 1813); dal 1927 l'attività di controllo fu esercitata dalla Prefettura di Brindisi.


Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Contesto storico istituzionale di appartenenza:
Regno di Napoli: ordinamento territoriale, 1806 - 1815

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -
Comune (Regno delle due Sicilie), 1816 - 1860
Comune (Regno di Napoli), 1806 - 1815

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Oria (fondo)
Stato civile del Comune di Oria (fondo)


Bibliografia:
"La parola ... alle carte. Fonti per la memoria della città. L'archivio storico del comune di Oria", Catalogo della mostra documentaria a cura di E. VANTAGGIATO, Oria (Br), Italgrafica edizioni, 2006.
A. CORRADO, "Oria. Territorio, ambienti e paesaggi", Oria, Italgrafica Edizioni, 1989.
A. M. ANDRIANI - E. CARONE - A. MICELLI, "Regesti delle deliberazioni decurionali (1841-1861)", In «Quaderni risorgimentali», a cura del Comitato brindisino dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano, Oria, 1990.
"Guida all'Archivio storico del comune di Oria", Oria, Italgrafica edizioni, 2004.
"Atti del 9° Convegno dei comuni messapici, peuceti e dauni (Oria, 24-25 novembre 1984)", Bari, Società Storia Patria Bari, 1989.
"Oria nei suoi aspetti più notevoli", Fasano, Schena, 1955.

Redazione e revisione:
Caldarola Alessandro - direzione lavori Eugenia Vantaggiato, 2006/04, prima redazione
Mincuzzi Antonella - supervisore Rita Silvestri, 2015/09/03, supervisione della scheda


icona top