Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Comune di Mascalucia

Sede: Mascalucia (Catania)
Date di esistenza: 1812 -

Intestazioni:
Comune di Mascalucia, Mascalucia (Catania), 1812 -, SIUSA

Mascalucia (o S. Lucia e Mascalcia) ha origini molto remote. Intorno al 324 Mascalucia era forse chiamata Massalargia dal latino Massa (villaggio) e Largia (dono), cioè data in dono dall'Imperatore Costantino alla Santa Sede. In una epistola di Papa Gregorio Magno del 590 (VII.41) ad Cyprianum fa menzione delle Masse esistenti nel territorio di Catania, citando anche il Tempio di S.Antonio Abate al Cimitero. Nel 1088, i Normanni destinarono al Vescovo di Catania un vasto territorio che comprendeva il Monte Etna con tutte le sue campagne e boschi e le "Massae". Nel 1239, la città di Catania tornata demaniale risultò priva di un demanio proprio, giacché pur continuando ad estendere la propria giurisdizione amministrativa sui Casali, non ne aveva alcuna sui loro territori. Mascalucia faceva parte di essi, come si deduce dagli Atti dei Giurati. In epoca successiva i Casali (Massae) passarono all'amministrazione civile e Giudiziaria di Catania sino al 1640. Sotto il governo del re Filippo IV, Mascalucia il 22 dicembre 1645 fu venduta a Giovanni Andrea Massa, un facoltoso di Genova. Quest'ultimo successivamente la donò a Niccolò Placido Branciforte, Principe di Leonforte e di Butera, il quale, con privilegio di re Filippo IV (4 luglio 1651), venne nominato duca di S.Lucia o Mascalucia. Questo Casale variamente chiamato Terra di Santa di Lucia o Mascalcia o Mascalucia fu insignito del titolo di Ducato. Niccolò Placido Branciforte lasciò il Casale al suo secondogenito Francesco, che da Caterina Carretto ebbe Niccolò Placido II, poi principe di Butera. Il privilegio di ducato fu prerogativa di Mascalucia sino ai primi decenni del 1800. Nel 1819 re Ferdinando I innalzò Mascalucia a Capo Circondario, mentre è datata 1840 l'annessione del piccolo Comune di Massannunziata (con R. D. del 15 maggio 1839) che diventa frazione di Mascalucia dipendendo così dalla sua amministrazione civile.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Mascalucia (fondo)
Stato civile del Comune di Mascalucia (fondo)


Bibliografia:
V. AMICO, Dizionario topografico della Sicilia, tradotto dal latino ed annotato da Gioacchino Di Marzo, II, Palermo, Tip. di Pietro Morvillo, 1856, pp. 57 - 59

Redazione e revisione:
Bellomo Caterina - direzione lavori Romano, 2006/07/05, prima redazione


icona top