Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Acqua Pia Antica Marcia.

Sede: Roma
Date di esistenza: 1865 nov. 8 -

Intestazioni:
Acqua Pia Antica Marcia, Roma, 1865 -

Altre denominazioni:
Anglo-Romana Water Company; Società Anonima dell'Acqua Marcia; Società Pia Acqua Marcia.

L'avventura dell'Acqua Pia Antica Marcia iniziò intorno alla metà dell'Ottocento quando l'ingegnere Pietro Lanciani avanzò l'ipotesi di ricondurre a Roma l'acqua detta "Marcia", sorgente nella valle dell'Aniene. Gli studi dell'ingegnere Lanciani vennero ripresi prima dall'archeologo Luigi Canina e poi dal suo allievo, l'architetto Nicola Moranti, che presentò un primo progetto realizzabile.
Tale progetto fu acquistato, nel 1865 da due cittadini inglesi, James Shepherd e Henry Fawcett.
L'8 novembre 1865 Fawcett e Shepherd ottennero, con decreto del ministro del Commercio e dei Lavori pubblici dello Stato pontificio, la concessione dell'impresa per la distribuzione dell'Acqua Marcia in Roma. La durata della concessione, che era a spese e rischio dei concessionari, veniva stabilita in anni 99 (fino all'8 novembre 1964) e in condizione di monopolio.
La prima società costituitasi il 15 novembre 1865 fu l'Anglo-Romana Water Company, con sede a Londra e capitale di maggioranza inglese.
Questa società mista si trasformerà poi in "Società Anonima dell'Acqua Marcia", con sede a Roma, ma l'azionista di maggioranza era una società anonima con sede a Liegi.
Nel 1869, in omaggio al Pontefice regnante, la società assunse la denominazione di "Società Pia Acqua Marcia"; l'inaugurazione dell'acquedotto avvenne il 10 marzo 1870.
La concessione venne riconosciuta dal governo italiano con Regio decreto del 1891.
Nel 1938, in seguito alla convenzione con l'Azienda Comunale Elettricità e Acque - Acea, le sorgenti Pertuso e Peschiera vennero trasferite a quest'ultima.
Infatti, nel 1937 l'Acea, nata nel 1909 come Azienda Elettrica Municipale (AEM) del Comune di Roma con l'obiettivo di fornire energia per l'illuminazione pubblica e privata per contrastare la società privata "Romana di elettricità", viene trasformata in azienda mista (elettrica e idrica).
Dal 1868 la Società ha svolto attività istituzionali di approvvigionamento e distribuzione di acque nelle città di Roma;nel 1964, alla scadenza della concessione, l'Acquedotto Marcio venne trasferito all'Acea. Si realizzò così l'unificazione della distribuzione delle acque con Acea come unico gestore.
Nel 1964 inizia la trasformazione della Società in finanziaria.
Dopo una lunga serie di passaggi di proprietà, nel 1994 Francesco B. Caltagirone ha rilevato, attraverso la Gedeam Investiments Group Inc, il pacchetto di maggioranza di Acqua Marcia.
Oggi, Acqua Pia Antica Marcia, quotata alla Borsa di Milano, è attiva nei settori immobiliari, dei servizi aeroportuali e in quello turistico alberghiero.


Condizione giuridica:
privato

Tipologia del soggetto produttore:
ente economico/impresa

Complessi archivistici prodotti:
Acqua Pia Antica Marcia (fondo)


Redazione e revisione:
Denittis Anna Cristina, prima redazione


icona top