Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Corporate bodies » Creator - Corporate body

Curia vescovile di Bisceglie

Seat: Bisceglie (Barletta-Andria-Trani)
Date of live: sec. XI -

Headings:
Curia vescovile di Bisceglie, Bisceglie (Barletta-Andria-Trani), sec. XI -, SIUSA

L'erezione della sede episcopale biscegliese risale con tutta probabilità al XI secolo. Nel 1068, sotto il pontificato di Alessandro II, occupò la sede biscegliese il vescovo Giovanni. Negli anni successivi, dagli atti di concessione delle chiese di S. Adoeno (nel 1074), di S. Matteo e di S. Nicolò di Porta Ensita (1099), è documentata tra l'altro l'esistenza del Capitolo cattedrale; tuttavia, la sua struttura organizzativa ormai compiuta induce a retrodatarne l'istituzione, inducendo a ritenere attendibile la nascita della città-chiesa intorno alla seconda metà dell'XI secolo. Anche in seguito gli sconvolgimenti portati dalla Rivoluzione francese nel Regno di Napoli, la sede vescovile biscegliese restò vacante per nove anni, dal 1783 al 1792. In quell'anno fu affidata a monsignor Salvatore Pulica, nobile barlettano, abate e generale dei Celestini, che fu consacrato il 9 aprile. Il vescovo Pulica, che morì nel 1800, fu l'ultimo presule di Bisceglie. Dal 1800 al 1818 Bisceglie fu sede vacante e fu governata dal vicario capitolare canonico Giulio Larrone Bardi. Nel 1818, in seguito al concordato di Terracina tra papa Pio VII e re Ferdinando di Borbone, la bolla pontificia De utiliori dominicae vinae del 27 giugno pose Bisceglie sotto la perpetua amministrazione degli arcivescovi tranesi, sancendo inoltre l'unione delle chiese di Canne e Nazareth all'arcidiocesi di Trani.Il primo amministratore della chiesa biscegliese fu l'arcivescovo Luigi Maria Pirelli, chierico regolare teatino. Alla sua morte (1820) la reggenza fu assunta dal vicario capitolare, canonico don Pietro Consiglio, fino al 21 aprile 1822. In quella data il vicario capitolare passò le consegne a monsignor Gaetano De Franci, che fu amministratore della chiesa biscegliese fino al 26 giugno 1847, giorno della sua morte. Attualmente Bisceglie fa parte dell'arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, che comprende anche i comuni di Corato, Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli. Dal 20 ottobre 1980 è sede suffraganea di Bari. (F.A. Bernardi, M. Fiermonte, M. Preziosa, A. Straziota, Archivio storico diocesano di Bisceglie, Fondo Curia vescovile, Inventario informatizzato, 2007)

Legal position:
enti di culto (sec. XI - )

Type of creator:
ente e associazione della chiesa cattolica (sec. XI - )

Historical and administrative context:
Diocesi, sec. XI -

Connected institutional profiles:
Curia vescovile, sec. XII -

Generated archives:
Curia vescovile di Bisceglie (fondo)
Majellaro Saverio (collezione / raccolta)


Bibliography:
'Cronotassi, iconografia e araldica dell'episcopato pugliese', a cura della REGIONE PUGLIA, Unione regionale dei centri di ricerche storiche artistiche archeologiche e speleologiche di Puglia, Bari, Levante, 1986.

Editing and review:
Latrofa Pasqua Vita - direzione lavori Carla Palma, 2008/07/03, prima redazione


icona top