Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Scuola del Santissimo Sacramento in Parrocchia di Sant'Eustachio Stae di Venezia

(Archivi storici della Chiesa di Venezia)

Sede: Venezia
Date di esistenza: 1511 - 1810

Intestazioni:
Scuola del Santissimo Sacramento in Parrocchia di Sant'Eustachio Stae, Venezia, 1511 - 1810

Altre denominazioni:
Confraternita del Santissimo in Parrocchia di Sant'Eustachio di Venezia

La scuola del Santissimo Sacramento - o del Venerabile - in Sant'Eustachio (vulgo San Stae) viene fondata il 16 febbraio 1510. Dalla 'mariegola' impostata nel 1558 e preziosamente miniata si traggono le informazioni sugli eventi più significativi della vita del pio sodalizio. Fra essi la convenzione con il capitolo parrocchiale, il 9 febbraio 1511, che accorda l'uso dell'altare del Santissimo, posto vicino alla sacrestia, e approva la celebrazione di una messa cantata ogni prima domenica del mese e la ricorrenza della festa solenne la prima domenica dopo il Corpus Domini. Fra i compiti della confraternita il pagamento dell'olio per la lampada perenne sull'altare del Santissimo.
Demolita e riedificata nel 1678 la chiesa di San Stae, la scuola del Santissimo continua a disporre dell'altare maggiore e partecipa alle spese per la sua decorazione. I confratelli commissionano a Giuseppe Angeli (1709-1798), allievo del Piazzetta, due tele rappresentanti episodi tratti dall'antico testamento che alludono all'eucaristica: "Il sacrificio di Melchisedech" e "La caduta della manna": nelle dame settecentesche ai lati della scena sono rappresentate probabilmente alcune consorelle. Sul soffitto del presbiterio è posta una tela ovale raffigurante "Le virtù e due confratelli della scuola del Santissimo", datata 1708, opera di Bartolomeo Letterini, già attribuita a Sebastiano Ricci. Nel 1707 i Provveditori di Comun avevano decretato fossero riconsegnati alla scuola tre vecchi quadri presi in consegna dal capitolo: essi vengono ricollocati sul nuovo altare assieme alle insegne della confraternita, che ottiene pure l'uso di un locale dove conservare i propri arredi.
Pur essendo le scuole del Santissimo mantenute in vita dai decreti napoleonici di indemaniazione e soppressione generale delle confraternite del 1806-1807 (D.R.I. 25 aprile 1806 e 26 maggio 1807), la confraternita del Santissimo in Sant'Eustachio si estingue in concomitanza con la concentrazione nel 1810 della parrocchia di Sant'Eustachio in quella di San Cassiano.

Complessi archivistici prodotti:
Scuola del Santissimo Sacramento in Parrocchia di San Stae di Venezia (fondo)


Fonti:
Archivio di Stato di Venezia, Provveditori di Comun, reg. R, cc. 77–97
Parrocchia di San Giacomo dall'Orio di Venezia, Scuola del Santissimo Sacramento in Parrocchia di San Stae di Venezia

Bibliografia:
G. BARBIERO, Le confraternite del Santissimo Sacramento prima del 1539, Treviso 1941, 199
S. TRAMONTIN, S. Stae. La chiesa e la parrocchia, Venezia 1961, 39-40, 52, 57
G. VIO, Le scuole piccole nella Venezia dei dogi. Note d’archivio per la storia delle confraternite veneziane, Vicenza 2004, 765


icona top