Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Parrocchia di San Felicissimo in Ponte Felcino

Sede: Perugia
Date di esistenza: sec. XV terzo quarto -

Intestazioni:
Parrocchia di San Felicissimo in Ponte Felcino, Perugia, sec. XIX ultimo quarto -, SIUSA
Parrocchia dei Santi Felicissimo e Giacomo in Ponte Felcino, Perugia, 1603 – sec. XIX ultimo quarto, SIUSA
Parrocchia di San Felicissimo in Ponte Felcino, Perugia, sec. XV terzo quarto - 1603, SIUSA

Altre denominazioni:
Parrocchia dei Santi Felicissimo e Giacomo in Ponte Felcino, 1603 – sec. XIX seconda metà

La frazione di Ponte Felcino si sviluppa lungo il fiume Tevere e prende il nome dal ponte che, fin dall’epoca romana, rappresentava una delle principali vie d’accesso alla città di Perugia. Il toponimo deriverebbe dalla volgarizzazione di Felcino, il nome di un giovane martire lapidato in prossimità del fiume dagli eretici ariani il 24 novembre 761 e che poi divenne in seguito il santo patrono del paese. Proprio nello stesso luogo del martirio sorse una chiesa dedicata al santo, di modeste dimensioni e di cui oggi non è rimasta traccia. Distrutta questa prima chiesa, se ne costruì una seconda, sulla collina prospiciente il paese, in una località ancora denominata Vocabolo San Felicissimo; si sa per certo che nel 1322 questa chiesa godeva di un certo prestigio, visto che in quell’anno vi fu collocata una tavola di scuola senese raffigurante una Maestà attorniata da San Felicissimo e dal vescovo San Costanzo, patrono di Perugia.
Provvista di cospicue proprietà immobiliari, la Chiesa di San Felicissimo dipendeva dal Capitolo della Cattedrale di San Lorenzo in Perugia e, solo verso la metà del XVI secolo, passò sotto la diretta amministrazione vescovile.
L’esistenza come Parrocchia è confermata per la prima volta dal catasto redatto nell’anno 1461. Dal 1603 assunse il titolo dei Santi Giacomo e Felicissimo, perché nel 1595 era stata costruita una nuova chiesa dedicata a San Giacomo che, in virtù di un decreto vescovile, divenne parrocchiale al posto di quella dedicata a San Felicissimo. La Chiesa di San Felicissimo, nel 1768, con autorizzazione del vescovo Amadei, fu addirittura demolita perché vetusta.
Il titolo dei Santi Giacomo e Felicissimo è attestato dalla documentazione almeno fino al 1881.
La chiesa attuale, che è stata costruita in sostituzione di quella distrutta da un bombardamento il 12 giugno 1944, è fatta su progetto dell’architetto Antonio Bindelli ed è stata ultimata nel 1951.

Condizione giuridica:
enti di culto

Tipologia del soggetto produttore:
ente e associazione della chiesa cattolica


Soggetti produttori:

Collegati:
Compagnia del Santissimo Rosario in Ponte Felcino
Compagnia della morte in Ponte Felcino
Pia unione di Sant'Antonio in Ponte Felcino


Profili istituzionali collegati:
Parrocchia, sec. XII -

Ambito territoriale:
Arcidiocesi di Perugia e Città della Pieve (sec. II - )

Complessi archivistici prodotti:
Parrocchia dei Santi Felicissimo e Giacomo in Ponte Felcino di Perugia (fondo)
Parrocchia di San Felicissimo in Ponte Felcino di Perugia (fondo)


Bibliografia:
G. LETI, L. TITTARELLI, Le fonti per lo studio della popolazione della Diocesi di Perugia dalla metà del XVI secolo al 1860, vol. I, Gubbio, Tipografia Oderisi Editrice, 1976 (Guida alle fonti), 179 - 180

Redazione e revisione:
Santolamazza Rossella, 2010/05/07, revisione
Sargentini Cristiana, 2009/02/28, prima redazione


icona top