Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Corporate bodies » Creator - Corporate body

Confraternita della Misericordia di Perugia

Seat: Perugia
Date of live: 1570 -

Headings:
Confraternita dell'orazione e della morte di Perugia, Perugia, 1570 - sec. XIX, SIUSA
Confraternita della Misericordia di Perugia, Perugia, sec. XIX -, SIUSA

Other names:
Confraternita dell’orazione e della morte di Perugia, 1570 - sec. XIX

La Confraternita venne fondata nel 1570 da sedici perugini, ad imitazione di quella che era sorta a Roma nel 1538.
Aveva lo scopo di praticare l’opera di misericordia consistente nel “seppellire i morti”, soprattutto coloro che non erano sepolti in luogo sacro o rimanevano insepolti.
L’Arciconfraternita di Roma, con diploma del 7 maggio 1570, riconobbe ed approvò l’erezione della Confraternita perugina e, con autorizzazione del 1606, papa Paolo V la dichiarò aggregata dell’Arciconfraternita stessa.
La denominazione originaria era Confraternita dell’orazione e della morte, successivamente trasformata, in data non individuata, in Confraternita della Misericordia.
Il 17 dicembre 1570 vennero ordinate le costituzioni, composte di venti capitoli. Le norme vennero approvate nel 1618 dall’arcidiacono, dal vescovo Napoleone Comitoli e dal cardinale legato Bonifacio Bevilacqua che, nel 1601, era entrato nella Compagnia ed era stato proclamato protettore della stessa. Nel 1794 vennero riformate.
Fino alla costruzione della nuova chiesa, realizzata nel 1600 e situata in piazza Piccinino, la Confraternita ebbe sede nell’Oratorio della Maestà delle Volte. L’inaugurazione della chiesa e il transito della Confraternita avvennero il 23 novembre 1603, in occasione della processione del Santissimo Sacramento. Intervennero il cardinale Bonifacio Bevilacqua, legato di Perugia, il vescovo, il vice legato e tutta la nobiltà perugina.
Intorno al 1600 fu governatore della Confraternita Alfonso d’Este; nel 1603, venne deliberata l’intestazione della chiesa ad Ogni Santi.
Dato l’alto numero di confrati, le adunanze si tenevano nelle case dei “primi guardiani” che, essendo nobili, avevano locali adatti, oppure nelle chiese di Santa Lucia delle Volte e di Santa Maria del Popolo. Nel 1613 fu deciso di costruire dietro la chiesa un oratorio, poi dedicato al Santissimo Crocefisso, che servisse a luogo di riunione.
La Confraternita è ancora in attività.
Risulta anche in un elenco del 2007 dell'Ufficio territoriale del governo di Perugia riportante le confraternite che hanno ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica e fornito alla Soprintendenza archivistica per l'Umbria.


Legal position:
privato

Type of creator:
ente e associazione della chiesa cattolica

Historical and administrative context:
Diocesi, sec. XI -

Connected institutional profiles:
Confraternita, sec. XII -

Generated archives:
Confraternita della Misericordia di Perugia (fondo)


Bibliography:
G. CERBINI, Le Parrocchie dei Santi Lucia e Andrea con note storiche sulla Compagnia dell'Orazione e della Morte in Perugia, Perugia, 1988, 33 - 76

Editing and review:
Robustelli Giovanna, 2009/10/08, prima redazione
Santolamazza Rossella, 2012/07/18, supervisione della scheda


icona top