Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Accademia di costume e di moda

Sede: Roma
Date di esistenza: 1964 -

Intestazioni:
Accademia di costume e di moda, Roma, 1964 -, SIUSA

L'Accademia di costume e di moda è un ente morale (riconosciuto con DPR 11 luglio 1970, n. 620) con sede a Roma, a valenza internazionale, che ha come missione primaria la formazione culturale e professionale dei giovani nel campo dello stilismo di moda, dello stilismo del gioiello e dell'oggettistica, del costume teatrale e cinematografico, della scenografia, della comunicazione e del giornalismo di moda, nonché l'inserimento degli stessi nel mondo del lavoro. L'Accademia viene fondata nel 1964 da Rosana Pistolese, stilista, costumista e docente (in Storia del Costume e della Moda dal 1962 all'Università di Stato di California e poi al New York Institute of Technology), Ottavio Spadaro, regista teatrale e televisivo, Dario Cecchi, pittore, scenografo e scrittore, e Nello Ponente, storico dell'arte, su interessamento dell'Ente Moda, per emanazione del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (Decreto Ministeriale n. 26645/CF/1964) e col patrocinio del Comune di Roma. I primi docenti sono Rosana Pistolese (Storia del Costume, Tessuto e Moda), Nello Ponente (Storia dell'Arte), Dario Cecchi (Tecniche del Costume), Achille Fiocco (Storia del Teatro), Ercole Brini (Illustrazione).
Il primo corso biennale di Costume e Moda partì con circa 60 allievi. Nel 1969 viene istituito il Premio Irene Brin, mentre nel 1974 il Corso di Costume e Moda diventa triennale. Nel 1979 l'Accademia si trasferisce a Piazza Farnese e il corso diventa quadriennale. Negli anni il numero degli allievi è cresciuto fino a 250-300.
Negli anni '90 si affianca una seconda sede in Via di Torre Argentina dove si svolge la prima sfilata "Final work" di fine corso. Da luglio 1993 la sede dell'Accademia è ubicata in Via della Rondinella. Punto di riferimento culturale e professionali per la diffusione del Made in Italy, l'Accademia dalla sua nascita offre una fervida attività culturale mediante conferenze, dibattiti, mostre e rappresentazioni teatrali e proficue collaborazioni con scuole ed enti italiani ed esteri.
Nel corso degli anni si sono avvicendati in seminari, conferenze o lezioni personaggi e personalità come: Emilio Schuberth, Susanna Agnelli, Pierre Cardin, Alberto Consiglio, Chiara Boni, Marta Marzotto, Beppe Modenese, Raffaella Curiel, Gianni Bulgari, Paola Fendi, Micol Fontana, Vittorio Sgarbi, Isabella Rossellini Antonio Marras e Mario Boselli. Numerosi stilisti, costumisti, disegnatori tessili, disegnatori di gioielli e oggettistica, scenografi e grafici pubblicitari, diplomati dall'Accademia si sono affermati professionalmente sia in Italia che all'estero e dovunque hanno raggiunto brillanti risultati, tra questi: Maurizio Galante, Isabella Rossellini, Marella Ferrera, Gianna Gissi, Francesca Sartori, Frida Giannini, Tommaso Aquilano, Albino D'Amato.
Presidente: Fiamma Lanzara
Responsabile Marketing: Lupo Lanzara
Vice presidente: Liliana Tudini
Direttore didattico: Clara Tosi Pamphili


Condizione giuridica:
privato

Tipologia del soggetto produttore:
ente di istruzione e ricerca

Per saperne di più:
Accademia di Costume e di Moda

Complessi archivistici prodotti:
Accademia di costume e di moda (complesso di fondi / superfondo)


Bibliografia:
AA.VV., Venticinque anni di Accademia, Accademia di Costume e di Moda 1964 / 1989, Roma, 1989
Dizionario della Moda 2004, a cura di G. Vergani, Milano, Baldini Castoldi Dalai Editore, 2003, 9.
B. Giordani Aragno, Renè Gruau e la Dolce Vita. Appunti e note di un soggiorno romano, in, Gruau e la moda. Illustrare il '900, a cura di E. Tosi Brandi, Rimini, Silvana Editoriale, 2008, 89-103.

Redazione e revisione:
Trivisano Maria Natalina, prima redazione


icona top