Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Parrocchia di San Francesco d'Assisi di Terni

Sede: Terni
Date di esistenza: 1578 - , L'estremo remoto di esistenza è desunto dalla documentazione d'archivio.

Intestazioni:
Parrocchia di San Niccolò in viis divisis di Terni, Terni, 1578 - 1900
Parrocchia di San Niccolò in viis divisis in San Francesco di Terni, Terni, 1900 - 1987
Parrocchia di San Francesco d'Assisi di Terni, Terni, 1987 -, SIUSA

Altre denominazioni:
Parrocchia di San Niccolò in viis divisis di Terni, 1578 - 1900
Parrocchia di San Niccolò in viis divisis in San Francesco di Terni, 1900 - 1987

La Parrocchia di San Francesco d'Assisi di Terni ha assunto questa denominazione nel 1987, quando nome e forma giuridica furono ufficializzati con decreto del 29 gennaio 1987 del Ministero degli interni DGAC 13, seguente il decreto del vescovo del 21 settembre 1986, prot. 65/86.
Molto più antica è la storia sia dell'edificio sacro, sia delle parrocchie da cui ha ereditato territorio e titolo: San Cassiano (poi Marco e Cassiano) e San Niccolò in viis divisis: quest'ultima citata già nel Regesto di Farfa all’anno 1106 o 1107; entrambe nelle Rationes decimarum degli anni 1275-1280.
Il "capellanus eclesia sancti Cassiani" risulta fra gli invitati al pranzo offerto nel 1213 dal praefectus di San Cristoforo in onore di San Francesco, cui partecipò anche Rainerio, priore della Chiesa di Santa Maria Assunta, che nel 1218 ricoprì la dignità vescovile, appena ricostituita la Diocesi di Terni.
Uno dei primi atti del vescovo fu di chiamare Francesco a predicare in città, chiedendogli anche di impiantare a Terni una comunità, poi fissata nella zona di campi e orti di proprietà dei Camporeali prossima alle mura cittadine, dalla parte di San Cassiano. Nel 1259 una bolla di papa Alessandro IV indirizzata al vescovo di Terni Filippo ci suggerisce che i seguaci di Francesco abitavano alcuni locali - domos et officinas - vicino alla Chiesa di San Cassiano, che si richiedeva fosse ceduta ai francescani insieme alle case e gli orti da essa dipendenti, sul cui terreno fu possibile edificare la nuova chiesa. Questa fu costruita probabilmente fra il 1265 e il 1288 ed ampliata successivamente.
Durante questi secoli di vita francescana, la chiesa non fu mai parrocchia.
L'attività della Parrocchia di San Niccolò in viis divisis è testimoniata dalla documentazione conservata in Archivio di Stato a Terni a partire dal 1578, anno cui risalgono i primi libri dei battesimi e dei matrimoni.
Con l'unità d'Italia, in base al decreto commissariale 238 del 14 dicembre 1860, chiesa e convento divennero di proprietà comunale: i locali della sacrestia furono occupati dall'esercito piemontese; il convento fu riadattato per ospitarvi il ginnasio, l'istituto tecnico e il convitto nazionale; la chiesa fu eccezionalmente officiata per gli esercizi spirituali delle scolaresche e del convitto, ma venne poi chiusa nel 1888 per motivi di sicurezza.
Mentre venivano avanzate in consiglio comunale le proposte più estreme - dalla trasformazione della chiesa in mercato coperto alla sua distruzione - lo storico locale Luigi Lanzi, ispettore per i monumenti e per gli scavi del Mandamento di Terni nel periodo 1896-1910, si adoperò per redigere un progetto di restauro architettonico e far inserire (comunicazione del 13 dicembre 1898) la chiesa nell'elenco dei monumenti nazionali protetti e tutelati dal Regio governo dalla Giunta superiore di belle arti del Ministero della pubblica istruzione.
Si rese così necessario restaurare la chiesa, che fu riaperta il 25 marzo 1900 con un concerto di Giuseppe Cerquetelli, mentre la prima messa vi fu celebrata il 29 aprile. Nel frattempo Lanzi si adoperò anche per il trasferimento della sede parrocchiale di San Niccolò in viis divisis presso la Chiesa di San Francesco di Terni che, dal 1900, parroco don Nazzareno De Angelis, ebbe l'intitolazione di Parrocchia di San Nicolò in viis divisis in San Francesco, mantenuta fino al 1987.
Nel 1927 il vescovo Cesare Boccoleri invitò i Salesiani di don Bosco a dirigere il Convitto Umberto I di Terni; nel 1929, essi aprirono anche un oratorio nella sede della Parrocchia dando vita ad una serie di attività culturali, sportive, ricreative, musicali e religiose rivolte ai giovani.
Nel 1942, alla morte di monsignor Nazareno De Angelis, il vescovo Felice Bonomini affidò ai Salesiani anche la cura della Parrocchia.


Condizione giuridica:
enti di culto

Tipologia del soggetto produttore:
ente e associazione della chiesa cattolica


Soggetti produttori:

Collegati:
Opera salesiana don Bosco di Terni, 1942 -


Contesto storico istituzionale di appartenenza:
Diocesi, sec. XI -

Profili istituzionali collegati:
Parrocchia, sec. XII -

Complessi archivistici prodotti:
Parrocchia di San Francesco d'Assisi di Terni (fondo)
Parrocchia di San Niccolò in viis divisis in San Francesco di Terni (fondo)


Bibliografia:
Il regesto di Farfa compilato da Gregorio da Catino, a cura di I. GIORGI, U. BALZANI, Roma, Società Storia Patria Roma, 1879, vol. 5, 169
R. GRADASSI LUZI, Le XX confraternite laiche del comune di Terni, Todi, s.e., 1927
Annales Ordinis Minorum, a cura di L. WADDING, Firenze, 1931-1933, vol. 8, 171
Rationes decimarum italiae nei secoli XIII e XIV: Umbria, a cura di P. SELLA, voll. 2, Città del Vaticano, Biblioteca apostolica vaticana, 1952
P. GRASSINI, Antiche chiese scomparse e chiese restaurate nel dopoguerra in Terni, in "Bollettino della Deputazione di storia patria per l'Umbria", 1960, vol. LVII, 59-102
F. ANGELONI, Historia di Terni, III edizione, Terni 1966
C. ROMANI, Memoria di chiese ternane dopo l'Unità d'Italia. Manoscritto inedito del Can. Giovanni Chiaranti scritto nel 1886, Terni, s.e., 1992
Il culto della Madonna nella storia di Terni, a cura di L. BIFANI SCONOCCHIA, Terni, Associazione Ven. Maria Cristina di Savoia, 1992, 11-13; 85
G. BOLLI, San Francesco e i francescani, in AA. VV., Storia illustrata delle città dell'Umbria, a cura di R. ROSSI, Terni, a cura di M. GIORGINI, Elio Sellino Editore, Milano 1994, vol. I, 81-92
F. BOCCOLINI, Parrocchie e popolazione, in AA. VV, Storia illustrata delle città dell'Umbria, a cura di R. ROSSI, Terni, a cura di M. GIORGINI, Milano, Elio Sellino Editore, 1994, vol. I, 213-224
C. EGIZI, Organizzazione del territorio attraverso gli insediamenti religiosi, in Istituzioni Chiesa e cultura a Terni tra Cinquecento e Settecento, Atti del seminario, Terni 16-17 marzo 1995, Terni, Provincia di Terni-Istes, 1997, 87-109
G. COLASANTI, Appunti per una storia del movimento cattolico dalla liberazione al Concilio Vaticano II, in Comunità cristiana e società da Pio IX a Giovanni Paolo II nel territorio della Diocesi di Terni Narni Amelia, Atti del convegno di studi per il centenario della fondazione della Soc. Terni, Terni, 29-30 Novembre 1985, a cura di G. BOLLI, P. BORZOMATI, Terni, Nuova Editoriale Terni, 1998
G. BOLLI, La Chiesa di S. Pietro dei fabbri in Terni, Arrone, Thyrus, 1998, 23
G. CASSIO, San Francesco. Il Santuario di Terni, Perugia, s.e., 2005
G. CASSIO, Terni. Santuario di San Francesco d’Assisi, scheda n. 25, in A. CICCARELLI, Arte e territorio. Interventi di restauro. 4, Terni, Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, 2009, 339-356
G. CASSIO, I salesiani di Don Bosco a Terni. Dal 1927 in cammino con i giovani, Arrone, Thyrus 2009
W. MAZZILLI, Da Piazza Maggiore alla Rotonda dell’Obelisco. Le vie e le piazze di Terni. Saggio di toponomastica storica, Terni, 2009
AA.VV., L'Umbria. Manuali per il territorio, Terni, s.e., s.d., voll. 3-4, 111-120

Redazione e revisione:
Mastroianni Fabrizio, 2009/10/30, raccolta delle informazioni
Robustelli Giovanna, 2010/05/17, prima redazione
Santolamazza Rossella, 2012/01/11, supervisione della scheda


icona top