Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Parrocchia di San Zenone martire di Terni

Sede: Terni
Date di esistenza: 1596 - , L'estremo remoto di esistenza è desunto dalla documentazione conservata.

Intestazioni:
Parrocchia di San Zenone martire di Terni, Terni, 1596 -, SIUSA

Una chiesa dedicata a San Zenone a Terni è citata nelle Rationes decimarum del 1276. Nel 1437, una bolla del 14 novembre di papa Eugenio IV afferma che l’antica nobile famiglia dei Camporeali aveva "da tempo immemorabile" il patronato sulla nomina del parroco della Chiesa di San Zenone. La documentazione rinvenuta attesta l'attività parrocchiale a partire dal 1596.
Dalla relazione della visita ad limina del 1609 sappiamo che in località Rocca San Zenone vi sono la chiesa parrocchiale dedicata a San Zenone, gli oratori di Santa Maria del Rosario, San Sebastiano, Corpus Christi e, fuori del castello, l'Oratorio di San Bartolomeo e il Convento dei frati dell'Ordine di San Pietro da Pisa.
Secondo la visita del vescovo Sebastiano Gentili del 1661, a Rocca San Zenone vi erano due chiese fuori le mura e due dentro le mura ed erano attive le confraternite del Santissimo Rosario e del Corpo di Cristo; la Parrocchia di San Zenone martire contava 130 fuochi e 468 anime.
Nella visita compiuta il 19 aprile 1818 dal vescovo Carlo Benigni si annota che da ormai un secolo la chiesa più utilizzata dalla Parrocchia per amministrare i sacramenti sia quella di San Giovanni Battista, costruita all’interno del castello dopo il 1500, mentre la Chiesa di San Zenone sia da sempre utilizzata per la tumulazione dei defunti.
Il territorio della Parrocchia di San Zenone martire era assai vasto, andando dall’imbocco della Val di Serra alla località Rivo, comprendendo tutto Colle dell'Oro.
Oggi la Chiesa di San Giovanni Battista è in abbandono, la Madonna del Rosario è stata trasformata in sala parrocchiale e San Sebastiano è stata completamente distrutta dai bombardamenti nel 1944.
La Chiesa di San Zenone è stata chiusa al culto dal 1973 e sottoposta a un primo restauro; funge oggi da chiesa cimiteriale. Già la visita pastorale di mons. Giovan Battista Dal Prà del 9 dicembre 1951 sottolineava come il centro sociale, economico e commerciale della Parrocchia non fosse più la zona di Rocca San Zenone, ma il vocabolo Trevi, concludendo che era necessario costruirvi una nuova chiesa.
Il nuovo edificio è stato aperto ai fedeli il 14 dicembre 1986. Da questo stesso anno condivide il parroco con la Parrocchia dell'Immacolata Concezione e San Carlo in Collelicino di Terni.
Nome e forma giuridica della Parrocchia attuale sono stati ufficializzati il 29 gennaio 1987 con il decreto del Ministero degli interni DGAC 13, seguente il decreto del vescovo 21 settembre 1986 prot. 65/86.


Condizione giuridica:
enti di culto

Tipologia del soggetto produttore:
ente e associazione della chiesa cattolica


Soggetti produttori:

Collegati:
Congregazione delle figlie di Maria in Rocca San Zenone
Parrocchia dell'Immacolata Concezione e San Carlo in Collelicino, 1986 -


Contesto storico istituzionale di appartenenza:
Diocesi, sec. XI -

Profili istituzionali collegati:
Parrocchia, sec. XII -

Complessi archivistici prodotti:
Parrocchia di San Zenone martire di Terni (fondo)
Parrocchia di San Zenone martire di Terni (complesso di fondi / superfondo)


Fonti:
Archivio di Stato di Terni, Archivio storico comunale di Terni, II versamento, fasc. "Beni culturali comunali, quadro delle chiese di Terni del 12 settembre 1862"
Archivio segreto vaticano, S. Congregatio Concilii, Relationes, Interamnensis, b. 402 A (in particolare, le visite Riva del 1609, Gentili 1661), b. 402 B (in particolare, la visita Benigni 1818)

Bibliografia:
Annales ecclesiastici a Christo nato ad annum 1198, Romae, ex typographia Vaticana, 1588-1607, voll. 12
Rationes decimarum italiae nei secoli XIII e XIV: Umbria, a cura di P. SELLA, voll. 2, Città del Vaticano, Biblioteca apostolica vaticana, 1952, 481
P. GRASSINI, Antiche chiese scomparse e chiese restaurate nel dopoguerra in Terni, in "Bollettino della Deputazione di storia patria per l'Umbria", 1960, vol. LVII, 59-102
F. ANGELONI, Historia di Terni, III edizione, Terni 1966
Il culto della Madonna nella storia di Terni, a cura di L. BIFANI SCONOCCHIA, Terni, Associazione Ven. Maria Cristina di Savoia, 1992, 51
F. BOCCOLINI, Parrocchie e popolazione, in AA. VV, Storia illustrata delle città dell'Umbria, a cura di R. ROSSI, Terni, a cura di M. GIORGINI, Milano, Elio Sellino Editore, 1994, vol. I, 213-224
M. LUPI, Vescovi e diocesi a Terni in età moderna attraverso le relationes ad limina, in: Istituzioni Chiesa e Cultura a Terni tra Cinquecento e Settecento, Atti del seminario, Terni 16-17 marzo 1995, a cura di T. PULCINI, Terni, Provincia di Terni-ISTES, 1997, 45-86
C. EGIZI, Organizzazione del territorio attraverso gli insediamenti religiosi, in Istituzioni Chiesa e cultura a Terni tra Cinquecento e Settecento, Atti del seminario, Terni 16-17 marzo 1995, Terni, Provincia di Terni-Istes, 1997, 87-109
G. COLASANTI, Appunti per una storia del movimento cattolico dalla liberazione al Concilio Vaticano II, in Comunità cristiana e società da Pio IX a Giovanni Paolo II nel territorio della Diocesi di Terni Narni Amelia, Atti del convegno di studi per il centenario della fondazione della Soc. Terni, Terni, 29-30 Novembre 1985, a cura di G. BOLLI, P. BORZOMATI, Terni, Nuova Editoriale Terni, 1998
W. MAZZILLI, Da Piazza Maggiore alla Rotonda dell’Obelisco. Le vie e le piazze di Terni. Saggio di toponomastica storica, Terni, 2009
AA.VV., L'Umbria. Manuali per il territorio, Terni, s.e., s.d., voll. 3-4, 562-566
D. OTTAVIANI, Chiese di Terni attuali e del passato, libro in bozza stampato dall’autore e depositato presso la Biblioteca comunale di Terni, s.d.

Redazione e revisione:
Mastroianni Fabrizio, 2009/09/07, raccolta delle informazioni
Robustelli Giovanna, 2010/05/20, prima redazione
Santolamazza Rossella, 2012/01/27, supervisione della scheda


icona top