Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Comitato di liberazione nazionale - CLN di Campi Bisenzio

Sede: Campi Bisenzio (Firenze)
Date di esistenza: 1944 ott. 12 - 1946

Intestazioni:
Comitato di liberazione nazionale - CLN di Campi Bisenzio, Campi Bisenzio (Firenze), 1944 - 1946, SIUSA

Subito dopo la liberazione di Campi Bisenzio, avvenuta il 2 settembre 1944, le forze popolari che hanno guidato la Resistenza si impossessano del Municipio. Viene nominato sindaco Arnoldo Nesti, personaggio storico del socialismo campigiano; la giunta comunale è formata inoltre dal vicesindaco Carlo Cerretelli e dagli assessori Amerigo Mugnaioni, Argavegno Bargioni, Ottavio Paoletti e Spartaco Conti.
Il Comitato di liberazione nazionale locale è costituito il 12 ottobre 1944 ed è formato da Leonetto Ramazzotti, Vezio Rastrelli e Francesco Del Perugia per il Partito socialista italiano di unità proletaria (PSIUP), Benito Bargioni, Ferdinando Puzzoli, Quintilio Papucci per il Partito comunista italiano (PCI), Orfeo Ballerini, Narciso Ugolini e Vincenzo Azzari per la Democrazia cristiana (DC). Presidente è Francesco Del Perugia e segretario Orfeo Ballerini. Il CLN è ratificato provvisoriamente (in attesa che siano designati anche rappresentanti del Partito d'azione e del Partito liberale italiano) dal Comitato toscano di liberazione nazionale il 28 novembre 1944, nelle persone di: Vezio Rastrelli (PSIUP), presidente; Leonetto Ramazzotti (PSIUP), Ferdinando Puzzoli (PCI), Benito Bargioni (PCI), Orfeo Ballerini (DC), Vincenzo Azzarri (DC).
Il Comitato di liberazione nazionale di Campi Bisenzio mostra una particolare attenzione per le condizioni materiali delle persone, gravemente compromesse dagli anni di guerra e dall'occupazione tedesca e aggravate dal dilagare della disoccupazione; ad esempio, sostiene la costituzione di cooperative di produzione "partigiane".
Il Comitato viene sciolto in data non precisata al momento del generale smantellamento delle organizzazioni ciellenistiche, tra l'estate e l'autunno del 1946


Soggetti produttori:

Collegati:
Comitati di liberazione nazionale - CLN. Provincia di Firenze


Profili istituzionali collegati:
Comitato di liberazione nazionale - CLN, 1943 - 1945

Complessi archivistici prodotti:
Comitato di liberazione nazionale - CLN di Campi Bisenzio (fondo)


Bibliografia:
S. Rogari, "Il CTLN ed i CLN provinciali e locali fra cospirazione e costruzione della democrazia", in "Al di qua e al di là della Linea Gotica. 1944-1945: aspetti sociali, politici e militari in Toscana e in Emilia-Romagna", a cura di L. Arbizzani, Regioni Emilia Romagna e Toscana, Bologna-Firenze, 1993, pp. 263-279.
"1943 - 1945 La liberazione in Toscana", vol. I, introduzione di Ivan Tognarini, Firenze, Giampiero Pagnini editore, 1994
P. Mencarelli, "La dialettica centro-periferia tra il CTLN e la sua rete periferica nell’area fiorentina", in "Dopo la liberazione. L’Italia nella transizione tra la guerra e la pace: temi, casi, storiografia", a cura di I. Botteri, San Zeno Naviglio (BS), Grafo, 2008, pp. 169-193.

Redazione e revisione:
Bonsanti Marta, 2011/01/27, prima redazione
Mascagni Francesco, 09/04/2015, integrazione successiva


icona top