Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Opera pia israelitica Colonna e Finzi di Torino

Sede: Torino
Date di esistenza: 1894 - 1987

Intestazioni:
Opera pia israelitica Colonna e Finzi di Torino, Torino, 1894 - 1987, SIUSA

Altre denominazioni:
Opera pia ebraica Colonna e Finzi di Torino

L'Opera fu eretta in Ente morale con R.D. 30/12/1894 aveva per scopo l'istruzione religiosa, morale e civile dei bambini ebrei di entrambi i sessi mediante scuole infantili ed elementari dall'età di tre anni in su; provvedeva inoltre ai pasti dei bambini nei giorni scolastici.
L'opera pia si occupò quasi esclusivamente della gestione di un istituto scolastico: il Collegio Israelitico Colonna e Finzi, a tutt'oggi esistente, fino ad essere addirittura identificata (nella memoria degli iscritti, ma anche nelle carte) con esso.

Nate fra il 1863 e il 1922 con vari scopi assistenziali le Opere pie israelitiche collegate alla comunità di Torino erano otto: l'Ospizio israelitico, la Confraternita israelitica di Beneficenza, la Confraternita israelitica di Misericordia funebre, l'Opera pia israelitica Abramo e Stella Fubini Coniugi Treves, la Pia società femminile israelitica Nina Sacerdote Fubini, l'Orfanotrofio ed Educatorio Israelitico Enrichetta Sacerdote, l'Opera pia israelitica Colonna e Finzi e la Fondazione israelitica Coniugi Ottolenghi. Tali opere pie furono rette in base alla Legge Rattazzi del 1857 (cfr. introduzione) fino al 1901, quando il Consiglio di Stato, con parere del 7 agosto, stabilì che venissero disciplinate in base alla legge 17 luglio 1890 n. 6972 sulle istituzioni pubbliche di beneficenza.
Le opere pie furono giuridicamente e amministrativamente autonome le une dalle altre soltanto fino al 1956. Nel 1956 infatti, ad istanza del Commissario prefettizio delle Opere pie (Enrico Malvano), un D.P.R. sanciva il raggruppamento di tutte le opere pie torinesi sotto un'unica amministrazione e approvava il nuovo regolamento organico per il governo delle medesime (pubblicato il 30 settembre 1955 e approvato con una modifica il 15 luglio 1956). Il regolamento, composto di 16 articoli, era sottoscritto dallo stesso Enrico Malvano, dal segretario Moise Foa con visto del Ministro dell'Interno Fernando Tambroni. Prevedeva che le otto istituzioni raggruppate continuassero a svolgere i loro compiti secondo i singoli statuti, conservassero la loro personalità giuridica e i patrimoni separati, gestiti dal Consiglio di Amministrazione.
Le "Opere pie israelitiche" di Torino furono soppresse, insieme a molti altri enti ebraici civilmente riconosciuti, con l'entrata in vigore della legge di approvazione dell'intesa tra la Repubblica Italiana e l'Unione della Comunità Israelitiche Italiane del 27 febbraio 1987 (Legge dell'8 marzo 1989, art. 23).
La scuola Colonna e Finzi e l'ospizio, divenuto "casa di riposo", proseguono la loro attività con altra veste giuridica


Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente di assistenza e beneficenza
ente e associazione di culto acattolico


Soggetti produttori:

Collegati:
Comunità ebraica di Torino
Opere pie israelitiche unificate di Torino, 1956 - 1987
Scuola per l'infanzia paritaria ebraica Colonna e Finzi di Torino
Scuola primaria paritaria ebraica Colonna e Finzi di Torino


Per saperne di più:
Dal sito della rivista ebraica "Ha Keillah" per la scuola ebraica di Torino

Complessi archivistici prodotti:
Amministrazione congiunta scuole materna, elementare e media (sub-fondo / sezione)
Opera pia israelitica Colonna e Finzi di Torino (serie)
Registri scolastici (serie)
Scuola elementare israelitica di Torino (sottoserie)
Scuola materna israelitica di Torino (sottoserie)
Scuola media israelitica di Torino (sub-fondo / sezione)


Bibliografia:
Le IPAB in Piemonte, Assessorato all'Assistenza della Regione Piemonte, 1980, vol. 2, p. 24

Redazione e revisione:
Artom Antonella, 2011/07/24, prima redazione
Caffaratto Daniela, 2013/12/10, supervisione della scheda


icona top