Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Casa di riposo Salomon e Augusto Segre di Torino

Sede: Torino
Date di esistenza: 1863 -

Intestazioni:
Casa di riposo Salomon e Augusto Segre di Torino, Torino, 1863 -, SIUSA

Altre denominazioni:
Ospizio israelitico di Torino
Casa di riposo ebraica Salomon e Augusto Segre di Torino

Eretto in Ente morale con R.D. 26/6/1863 aveva come scopi principali le cure ai poveri malati ebrei di Torino e il ricovero dei poveri vecchi ebrei di Torino o domiciliati in Torino da almeno due anni. Nei limiti dei lasciti speciali fatti all'uopo, curava e ricoverava anche gli ebrei poveri senza domicilio di soccorso a Torino e non residenti nel detto comune. In ultimo e in caso di posti vacanti, curava e ricoverava anche anziani e infermi che si trovavano in condizione di pagare una retta (determinata nei vari casi dal regolamento interno).
L'ospizio sopravvive oggi con il nome di "Casa di riposo".

Nel 1875 fino al 1894, il "Carlo Alberto" già Regio Ricovero di Mendicità di Torino, con sede in corso Casale, concesse in affitto una parte dei locali prospicienti via Maria Bricca, ma con ingresso in corso Casale, all'Ospizio Israelitico della Comunità Ebraica di Torino che fino al 1874 ebbe sede nella casa del ghetto in via Bogino n. 17, destinata ad essere abbattuta e sostituita con un edificio moderno.
Le pratiche per l'affitto dei locali per conto della Comunità ebraica di Torino furono condotte dal cavalier Alessandro Malvano, che era anche anche membro della Direzione Permanente del Regio Ricovero, e il 15 ottobre 1875 fu sottoscritto il primo contratto triennale dal professor Salomone Olper in quanto presidente dell'Ospizio Israelitico di Torino. Successivamente, si ottenne il permesso di sopraelevare di un piano il locale adibito a Ospizio.
Tutte le finestre e le porte dei locali affittati all'Ospizio e aperte verso l'interno del primo cortile erano munite di gelosie fisse per evitare ogni contatto tra gli ospiti con quelli del Regio Ricovero di Mendicità.

Condizione giuridica:
privato ( - 1989)
pubblico (1990 - )

Tipologia del soggetto produttore:
ente di assistenza e beneficenza
ente sanitario
ente e associazione di culto acattolico


Soggetti produttori:

Collegati:
Comunità ebraica di Torino
Opere pie israelitiche unificate di Torino, 1956 - 1987


Complessi archivistici prodotti:
Ospizio israelitico di Torino (serie)


Bibliografia:
Arian Levi Giorgina, Storie torinesi, in Ha Keillah, n. 2, anno XXX, aprile 2005, p. 30
Bono Luciano, Pozzato Antonio, Il "Carlo Alberto" già regio Ricovero di Mendicità. Una casa di riposo nella nostra Torino, ed. Cooperativa Borgo Po e Decoratori, 2003.
Utile la consultazione per l'Ospizio israelitico della Comunità ebraica di Torino
Le IPAB in Piemonte, Assessorato all'Assistenza della Regione Piemonte, 1980, vol. 2, p. 25

Redazione e revisione:
Artom Antonella, 2011, prima redazione
Caffaratto Daniela, 2015/02/24, supervisione della scheda


icona top