Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

A

Sede: Milano
Date di esistenza: 1933 -

Intestazioni:
A, Milano, 1933 -, SIUSA

Altre denominazioni:
Anna, 1984 - 2006
Annabella, 1939 - 1984
Lei, 1933 - 1939

La rivista, settimanale, uscì il 15 luglio 1933 con il titolo "Lei". Si tratta di un femminile di 16 pagine che affronta temi quali la moda e i racconti. Primo direttore è Filippo Piazzi a cui segue Maria Ottolenghi. Nel 1939, a causa del divieto imposto da regime fascista di utilizzare questo appellativo signorile, cambia la testata in "Annabella".
Nel dopoguerra la rivista si arricchisce di quei temi che divengono presto classici nei femminili: attualità, bellezza, arredamento, cucina, consigli.
"Annabella" è una rivista di successo; nel 1965 il fatturato in pubblicità è di poco inferiore ai 4 miliardi, secondo solo al "Corriere della Sera" e a "Grazia". Molto amata è la presenza di firme di grandi confidenti e consiglieri come Brunella Gasperini che personalizzano il rapporto con le lettrici e sono veicolo delle nuove istanze culturali e sociali che si vanno affermando nell'Italia del boom economico.
Nel 1984 (?) la testata si trasforma in "Anna".
Nel 1994, sotto la direzione di Mirella Pallotti, vengono introdotte nuove sezioni dedicate alla salute, al lavoro e alla Vita pratica. Edvige Bernasconi, direttore a partire dal 1995, dà vita al supplemento mensile "Anna in cucina", che riscuote grande successo e esce fino al 2001; nell'aprile 1997 ripensa la rivista dove viene rafforzata la parte dedicata all'attualità e mutate la sezione moda e le rubriche tradizionali. La distribuzione raggiunge le 300.000 copie.
Nel 2003 la direzione viene assunta da Rosellina Salemi, che alla fine dello stesso anno opera un nuovo mutamento nella veste grafica e nella presentazione più fresca dei contenuti, dove viene valorizzata la parte di servizio.
Nel maggio del 2006 "Anna" diventa "A" e alla sua guida arriva Maria Latella affiancata dal condirettore Simona Todesco e l'art director Silvia Todesco, che con lei studiano un progetto totalmente nuovo, dove l'obiettivo è l'intrattenimento intelligente, il marcato interesse per la politica, per l'attualità italiana e internazionale, la qualità della scrittura.
Nel 2008 assume l'incarico di direttore creativo Giovanni Carrieri Russo. "A" adotta una nuova veste grafica, rafforza il rapporto con grandi fotografi internazionali, sottolinea l'immagine di rivista patinata. Dallo stesso 2008 il settimanale è presente nel web all'interno del portale Leiweb con news, servizi di moda e di bellezza e il blog di Maria Latella, presente anche su Lei Tv con la trasmissione "Scusi, lei è favorevole o contrario?".


Condizione giuridica:
privato

Tipologia del soggetto produttore:
ente economico/impresa


Soggetti produttori:

Sovraordinati:
RCS MediaGroup


Complessi archivistici prodotti:
A (serie)


Redazione e revisione:
Canella Maria, 2011/02/01, raccolta delle informazioni
Puccinelli Elena, 2011/02/01, raccolta delle informazioni
Vichi Andrea Carlo, 2011/11/04, prima redazione


icona top