Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Verona

Sede: Verona
Date di esistenza: 1811 -

Intestazioni:
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Verona, Verona, 1811 -, SIUSA

Altre denominazioni:
Camera di commercio e d'industria di Verona, 1850 - 1868
Camera di commercio, arti e manifatture di Verona, 1811 - 1848

Si fa risalire al XII secolo l'origine delle corporazioni di mestiere a Verona; tra il 1210 e il 1213 si costituì la Domus mercatorum (Casa dei mercanti), considerata da molti studiosi l'antesignana dell'istituto camerale, che sarebbe sorto in continuità con essa. Sulla base della legge 26 agosto 1802 della Repubblica napoleonica d'Italia, la Casa dei mercanti fu trasformata in Camera primaria di commercio e uniformata a quelle volute dall'ordinamento napoleonico, con attribuzioni politico-amministrative e giudiziarie (tribunale mercantile al pari di Venezia). Questa riforma si applicò ai territori a destra dell'Adige, mentre in quelli sulla riva sinistra del fiume, soggetti agli austriaci, la Casa dei mercanti continuò a sussistere fino al 1805, quando tutto il territorio venne riunificato sotto il dominio napoleonico.
Con due decreti del Regno d'Italia (13 giugno e 7 novemnre 1806) vennero ripristinati in alcune città i tribunali di commercio e le Camere persero la funzione giurisdizionale. A Verona la competenza sugli affari mercantili passò, invece, nell'ottobre 1807 al tribunale ordinario. Con decreto 27 giugno 1811, Napoleone istituì nuovamente le Camere di commercio, arti e manifatture con funzioni consultive e gestionali; la competenza della Camera veronese era limitata alla sola città. Il sistema napoleonico rimase in vigore anche dopo la Restaurazione, fino a quando le leggi 3 ottobre 1848 e 18 marzo 1850 riformarono il sistema con l'istituzione nell'Impero d'Austria delle Camere di commercio e d'industria che avevano funzioni consultive e arbitrali e la cui competenza si estendeva al territorio della delegazione provinciale. Dopo l'annessione del Veneto al regno d'Italia nel 1866, la Camera venne riorganizzata attraverso l'applicazione del regio decreto 1 marzo 1868, n. 4274.


Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente funzionale territoriale

Profili istituzionali collegati:
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, 1862 - 1926, 1944 -

Complessi archivistici prodotti:
Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Verona (fondo)


Bibliografia:
UNIONE ITALIANA DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA, Guida agli archivi storici delle Camere di commercio italiane, a cura di E. BIDISCHINI e L. MUSCI, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1996. (Pubblicazioni degli Archivi di Stato. Strumenti, CXXVII), 130-131 (Guida agli archivi storici delle Camere di commercio)
B. VASSALINI - E. REBONATO, La Casa dei mercanti di Verona: suoi ordini e sue vicende, Verona, Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Verona, 1979
B. VASSALINI, Uno sguardo all'opera della Camera di commercio di Verona dallo scoppio della guerra europea a tutto il 1915, Verona, Stabilimento tipografico M. Bettinelli e C., 1916

Redazione e revisione:
Pavan Laura, 2014/11/28, prima redazione


icona top