Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Comune di Nespolo

Sede: Nespolo (Rieti)
Date di esistenza: sec. XII -

Intestazioni:
Comune di Nespolo, Nespolo (Rieti), sec. XII circa -, SIUSA

Le prime notizie di Nespolo si hanno nel 1024 quando l'abate di Farfa, Ugo I, locò a terza generazione a Crescenzio, figlio di Rattone, i beni posseduti dal monastero nel luogo detto «Acqua di Nespolo» , ovvero due appezzamenti dell'estensione di quasi un ettaro per venti soldi e per un censo annuo di due denari. Gli interessi di Farfa nella zonna gravitarono intorno alla chiesa di S. Sebastiano a Nespolo, della quale mantene il posses­so almeno fino al 1252. Difficile individuare il momento nel quale l'insediameto sparso fu accentrato in un "castrum" fortificato; è probabile che anche in questo caso i signori di Collalto siano stati i riorganizzatori del popolamento della zona al momento della piena affermazione della loro egemo­nia nell'area, avvenuta tra XII e XIII secolo. Ogni riferimento storico a Nespolo è comunque indissociabile dalla storia della baronia di Collalto, di fondazione imperiale, istituita nel sec. XIII. La baronia appartenne ai Marsi fino ai primi del XVI secolo, quando fu ceduta ai Savelli: il testamento di Antimo Savelli del 1513 menziona come formanti la baronia di Collalto i castelli di Collegiove, Paganico, Ricetto, Nespolo, S. Lorenzo. Il passaggio dai Marsi ai Savelli comportò anche per tutta la baronia l'abbandono dell'area di influenza politico-amministrativa del Regno di Napoli, a favore di quella pontificia. A partire dal 1698 ne divenne signore Urbano Barberini ed alla sua famiglia appartenne fino ad epoca francese. Con l'istituzione della Prima Repubblica Romana la baronia venne smembrata in tre distinti comuni con amministrazione autonoma: Collalto, Nespolo e Collegiove; Nespolo fu ascritto dapprima al dipartimento del Clitunno, cantone di Castelvecchio, per passare poi al dipartimento di Roma, circondario di Rieti, cantone Canemorto (Orvinio) con gli appodiati Ricetto e S. Lorenzo.
Con la Restaurazione e la riforma del 1816 Nespolo tornò alla ricostituita baronia di Collalto, rientrando nella provincia di Sabina, delegazione di Rieti, governo distrettuale di Rieti. Nel dicembre 1817, in seguito alla rinuncia del principe Francesco Barberini ai diritti feudali divenne comunità appodiata a Collalto; nel riparto territoriale del 1831 risulta comune autonomo dipendente dal governo di Canemorto, ma successivamente dovette essere nuovamente appodiato a Collalto. Dopo l'annessione al Regno d'Italia, avvenuta nel 1860, Nespolo ottenne definitivamente la propria autonomia, fu compreso nella provincia di Perugia, dal 1923 passò alla provincia di Roma sino al 1927, anno in cui fu annesso alla neo-istituita provincia di Rieti

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Contesto storico istituzionale di appartenenza:
Stato pontificio: ordinamento territoriale delle province laziali, secc. XIV - XVIII
Stato pontificio: ordinamento territoriale delle province laziali, secc. XIV - XVIII

Profili istituzionali collegati:
Comunità laziali nel periodo francese, 1798 - 1814
Comunità (Stato della Chiesa), sec. XIV - sec. XVIII
Comunità (Stato della Chiesa), 1815 - 1870
Comune, 1859 -

Ambito territoriale:
Il territorio della provincia di Rieti (1927 - )

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Nespolo (fondo)
Stato civile del Comune di Nespolo (fondo)


Bibliografia:
AA.VV., Città e paesi del Lazio, Roma, Editrice Romana s.p.a, 1997
Grappa, C., Storia dei paesi della provincia di Rieti, Poggibonsi, Lalli, 1994
Palmegiani, F., Rieti e la regione Sabina. Storia arte, vita usi e costumi del secolare popolo sabino, Roma, Secit, 1988
Città e paesi d'Italia - Enciclopedia illustrata di tutti i comuni italiani, a cura dell' Istituto Geografico De Agostini, IV, IGDA Novara, 1969

Redazione e revisione:
Barbafieri Adriana, 2007/06/24, revisione


icona top