Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Vobbia

Sede: Vobbia (Genova)
Date di esistenza: sec. XIII inizio -

Intestazioni:
Comune di Vobbia, Vobbia (Genova), sec. XIII -, SIUSA

La zona di Vobbia, trovandosi sulla destra dello Scrivia, era di competenza dei vescovi di Tortona, che intorno al 1050 lo diedero ai marchesi di Gavi. Questi, a loro volta, cedettero il castello nel 1252 a Opizzone della Pietra che teneva il feudo di Mongiardino, in consorzio con i signori omonimi: tale data rimane la prima documentata sul castello. Da un secondo documento del 1253 si desume che la giurisdizione del Castello della Pietra si estendeva a Vobbia, Vallenzona, Arezzo, Costa di Vallenzona, Salmorra, Berga. I signori di Mongiardino-Pietra presero presto residenza stabile in Tortona. Nel 1296 Barnaba Spinola quondam Tommaso entrò in possesso di una consistente porzione del feudo; non è noto quando l'acquisizione fu completa, ma ciò dovette avvenire all'inizio del secolo XIV. Il 16 aprile 1678 parte della signoria di Mongiardino (tra cui Vobbia e Noceto) passò a Innocenzo e Girolamo Fieschi che lo ereditano dalla madre Tomasina Spinola. I Fieschi rimasero signori del luogo sino al 1797, con la costitizione della Repubblica Ligure. Con legge 18 aprile 1798, n. 77, il comune di Vobbia fu compreso nella Giurisdizione de' monti liguri occidentali (capoluogo e capocantone: La Croce); con legge organica 17 gennaio 1803, n. 24, Vobbia risulta compreso nella Giurisdizione del Lemmo (capoluogo: Novi), cantone dell'Alta Scrivia (capocantone: Savignone); nello stesso comprensorio il comune di Vobbia è registrato nella legge del 27 maggio 1803, n. 37, e nella legge del 14 maggio 1804, n. 26. Al 1815 risale l'unione al comune di Crocefieschi - sotto il quale la frazione di Vobbia è registrata da Casalis - e al 1901 la ricostituzione di Vobbia come comune, che aggregò le frazioni Alpe, Arezzo, Noceto, Salata, Vallenzona e Vobbia e iniziò l'attività amministrativa alla fine del 1902.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Vobbia (fondo)
Stato civile del Comune di Vobbia (fondo)


Bibliografia:
Ferretto Arturo, "Documenti genovesi di Novi e Valle Scrivia", I-II, Torino 1909-1910
Meriana G., Manzitti C., "Alta Valle Scrivia", Genova, 1973
Sisto A., "I feudi imperiali del Tortonese", Torino 1956
Goggi C., "Storia dei comuni e delle parrocchie della Diocesi di Tortona", Alessandria, s.d.
Goggi C., "Per la storia della diocesi di Tortona", Tortona 1963
Gabotto F., "Il Chartarium Derthoniense ed altri documenti del Comune di Tortona", Tortona 1909

Redazione e revisione:
Frassinelli Antonella, 2005/04/14, rielaborazione
Frassinelli Antonella, 2005/04/14, rielaborazione


icona top