Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Corporate bodies » Creator - Corporate body

Curia vescovile di Giovinazzo

Seat: Giovinazzo (Bari)
Date of live: sec. XI -

Headings:
Curia vescovile di Giovinazzo, Giovinazzo (Bari), sec. XI -, SIUSA

La diocesi di Giovinazzo affonda le sue radici nel sec. XI. Sono noti, infatti, diversi vescovi vissuti in questo secolo, il primo dei quali Grimoaldo, attestato nel 1034.
La cattedrale, costruita in epoca normanna, tra il 1150 ed il 1180, venne consacrata nel 1283, all'epoca del vescovo Giovanni II.
Nei secoli XI-XII in territorio giovinazzese si insediarono i benedettini (che fondarono prima del 1075 il monastero di Santa Maria di Corsignano e prima del 1078 quello di San Giovanni Battista), i francescani, le clarisse e gli eremiti agostiniani.
Il vescovo spagnolo Juan Antolínez Brecianos de la Rivera (1549-1574) introdusse per primo in diocesi i decreti di riforma del concilio di Trento, attraverso la celebrazione di un sinodo diocesano nel 1566.
Antichi erano i conflitti di giurisdizione tra vescovi di Giovinazzo e arcipreti di Terlizzi. Nel 1749 venne eretta la diocesi di Terlizzi, con la bolla 'Unigenitus Dei Filius' di papa Benedetto XIV, ricavandone il territorio dalla diocesi di Giovinazzo, a cui fu unita 'aeque principaliter' il 24 aprile 1752. Le due diocesi erano suffraganee dell'arcidiocesi di Bari e comprendevano unicamente le due città, sedi delle uniche parrocchie diocesane.
Con la bolla 'De utiliori' di papa Pio VII, nel 1818 venne disposta la soppressione delle diocesi di Giovinazzo e di Terlizzi annettendo i loro territori a quello della diocesi di Molfetta. Il vescovo di Giovinazzo e Terlizzi, Domenico Antonio Cimaglia, fu trasferito alla sede di Molfetta.
Su istanza del re Ferdinando II delle Due Sicilie, il 4 marzo 1836 papa Gregorio XVI con la bolla 'Aeterni Patris' provvide a ristabilire le sedi diocesane di Giovinazzo e Terlizzi, unendole entrambe 'aeque principaliter' alla sede di Molfetta e rendendole immediatamente soggette alla Santa Sede.

Legal position:
enti di culto

Type of creator:
ente e associazione della chiesa cattolica

Historical and administrative context:
Diocesi, sec. XI -

Connected institutional profiles:
Curia vescovile, sec. XII -

Generated archives:
Diocesi di Molfetta - Ruvo - Giovinazzo - Terlizzi. Archivio diocesano di Giovinazzo. Pergamene (fondo)


Bibliography:
F. ROSCINI, 'Storia della sede vescovile di Giovinazzo', Bari, 1964.
'Cronotassi, iconografia e araldica dell'episcopato pugliese', a cura della REGIONE PUGLIA, Unione regionale dei centri di ricerche storiche artistiche archeologiche e speleologiche di Puglia, Bari, Levante, 1986.

Editing and review:
Mincuzzi Antonella - supervisore Rita Silvestri, 2017, prima redazione


icona top