Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Capitolo della cattedrale di Santa Maria Assunta di Gravina

Sede: Gravina in Puglia (Bari)
Date di esistenza: sec. XI -

Intestazioni:
Capitolo della cattedrale di Santa Maria Assunta di Gravina, Gravina in Puglia (Bari), sec. XI -, SIUSA

Notizie certe sulla costituzione del Capitolo cattedrale si hanno a partire dal 1091, quando Umfrido, conte di Gravina, concede il privilegio di riscuotere le decime su tutti i beni e i diritti di piantare, seminare, pascolare, tagliare legna, di avere il forno, il mulino, il macello; tali riscossioni sarebbero servite a ripristinare la sede vescovile ed ad assicurare i mezzi di sussistenza all'eligendo vescovo e al clero.
Nel 1564 il vescovo Angelo Pellegrino fa redigere lo statuto e i regolamento per l'attività e per la buona amministrazione dei beni del Capitolo.
Tra i canonici si nominano, inizialmente, le dignità dell'arcidiacono e dell'arciprete a cui si aggiungono, successivamente il cantore e il primicerio. Nel 1668 il vescovo Valvassorio fa eleggere il canonico penitenziere con il beneficio del Santi Mauro e Teodoro. In seguito monsignor Ferrero istituisce il canonico teologo.
Fino alla riforma statutaria il Capitolo risulta costituito da 4 dignità (arcidiacono, arciprete, cantore, primicerio), ufficiali maggiori (penitenziere, teologo), ufficiali minori (procuratore, soprastanti, razionali, puntatori, segretario, archivisti, bibliotecario, sacrista maggiore), 6 canonici seniori, canonici semplici, mansionari. Tutti i canonici, comprese le dignità, percepivano la sola prebenda, fissata, inizialmente, nel 1587 in 10 ducati.
Il Capitolo si dà un nuovo statuto nel 1960; un altro verrà redatto alcuni anni dopo, conformandolo al Codice di diritto canonico vigente, e approvato dal vescovo Tarcisio Pisani nel 1994. Viene resa elettiva la carica del presidente, che prima spettava all'arcidiacono, e viene fissata in 5 anni la durata di tutte le cariche degli ufficiali, che restano rinnovabili.

Condizione giuridica:
enti di culto

Tipologia del soggetto produttore:
ente e associazione della chiesa cattolica

Contesto storico istituzionale di appartenenza:
Diocesi, sec. XI -

Profili istituzionali collegati:
Capitolo cattedrale, sec. IX -

Complessi archivistici prodotti:
Diocesi di Altamura - Gravina - Acquaviva delle Fonti. Archivio diocesano di Gravina. Pergamene (fondo)


Bibliografia:
'Bibliografia-fonti su Gravina', in 'Note di aggiornamento e notizie storiche sulla città di Gravina di D. Nardone', a cura di F. RAGUSO e M. D'AGOSTINO, Modugno, 1990.
'Guida agli archivi capitolari d'Italia', a cura di S. PALESE et al., Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Strumenti, CXLVI, vol. I, Napoli, Tip. Russo, 2000., 179-186

Redazione e revisione:
Mincuzzi Antonella - supervisore Rita Silvestri, 2017, prima redazione


icona top