Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Comune di Fiume Veneto

Sede: Fiume Veneto (Pordenone)
Date di esistenza: sec. XVIII ultimo quarto -

Intestazioni:
Comune di Fiume Veneto, Fiume Veneto (Pordenone), sec. XVIII -, SIUSA

Fiume Veneto, anticamente era divisa in due parti: una, a destra del fiume Fiume, era soggetta al Capitano Cesareo di Pordenone, rappresentante della Casa d'Austria, l'altra era invece soggetta all'abbazia di Sesto. Nel 1248 l'abbazia, oberata dai debiti, vendette il suo possedimento ai Signori di Prata. Nei secoli seguenti i due centri entrarono a far parte dei dominii della Serenissima venendo coinvolti in tutte le guerre combattute in territorio friulano. Con la caduta della Repubblica di Venezia e l'istituzione del Regno d'Italia napoleonico, i due Comuni di Fiume di Qua e Fiume di Là, furono aggregati al Dipartimento del Tagliamento, Distretto e Cantone di Spilimbergo, come Comuni di III classe. Con la nascita del Regno Lombardo-Veneto i due Comuni vennero aggregati sotto il nome di Fiume, che divenne Comune di III classe e fu inserito nella Provincia del Friuli, Distretto di Pordenone. Nel 1819 al Comune venne concesso il Consiglio Comunale, senza "ufficio proprio" al posto del Convocato Generale degli Estimati. Nel 1866 venne annesso al Regno d'Italia.
Attualmente fa parte della Provincia e del Mandamento di Pordenone assieme alle frazioni di Bannia, Cimpello, Pescincanna e Praturlone.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune preunitario (Friuli), sec. XII fine - 1866, (Venezia Giulia), sec. XIII - 1918
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Fiume Veneto (fondo)
Stato civile del Comune di Fiume Veneto (fondo)


Fonti:
Decreto che unisce al Regno d'Italia gli Stati Veneti, e crea in essa dodici Ducati Gran Feudi dell'Impero Francese, 1806, marzo 30, n. 34

Bibliografia:
M.S. GIAMPICCOLI, Notizie del Parlamento e delle Giurisdizioni della Patria del Friuli, Belluno, s.e., 1781
M.S. GIAMPICCOLI, Notizie storiche geografiche intorno la provincia del Friuli, Belluno, s.e., 1782
Decreto sulla divisione dei nuovi Dipartimenti ex Veneti, n. 283 del 22 dicembre 1807, in "Bollettino delle Leggi del Regno d'Italia", s.e., 1807
Compartimento Territoriale delle Provincie Venete, Notificazione n. 122 del 30 novembre 1815, in "Collezione di Leggi e Regolamenti dell'Imperial Regio Governo delle Provincie Venete", Venezia, per Francesco Andreola, 1815
Repristino delle amministrazioni municipali n. 47 del 10 maggio 1815, in "Collezione di Leggi e Regolamenti pubblicati dall'Imperial Regio Governo delle Provincie Venete", Venezia, per Francesco Andreola, 1815
Circolare alle delegazioni coll'individuazione dei Comuni che aver dovranno Consigli Comunali, e di quelli cui competeranno i Convocati con le relative discipline e tabella, n. 96, 14 luglio 1819, in "Collezione di Leggi e Regolamenti dell'Imperial Regio Governo delle Provincie Venete", Venezia, per Francesco Andreola, 1819
Nuovo compartimento territoriale delle Provincie Venete n. 80 del 26 giugno 1846, in "Raccolta degli atti dei Governi di Milano e di Venezia e delle disposizioni generali emanate dalle diverse autorità in oggetti sia amministrativi che giudiziari", Milano, Imperiale regia stamperia, 1846
Legge per l'esecuzione del Trattato di pace tra l'Italia e l'Austria, n. 3665 del 25 aprile 1867, in "Raccolta Ufficiale delle Leggi e dei Decreti del Regno d'Italia", 18, Torino, Stamperia Reale, 1867
P. PASCHINI, Storia del Friuli, Udine, Arti grafiche friulane, 1954
Enciclopedia monografica del Friuli Venezia Giulia, Udine, Arti Grafiche Friulane, 1971
Il Friuli Venezia Giulia paese per paese, Firenze, Bonechi, 1985

Redazione e revisione:
Mauro Maria Elena, 2005/11/14, revisione
Trapani Francesca, 2004/12/04, prima redazione


icona top