Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Progetti aderenti al SIUSA

img
icona Ecclesiae Venetae Archivi storici delle chiese venete

img
icona Inquisizione Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Comune di Bolano

Sede: Bolano (La Spezia)
Date di esistenza: sec. XII -

Intestazioni:
Comune di Bolano, Bolano (La Spezia), sec. XII -, SIUSA

Feudo dei vescovi di Luni passò, sul finire del XIII secolo, ai Malaspina, il cui dominio fu loro riconosciuto, nel 1355, da un diploma dell'imperatore Carlo IV. I rapporti tra i feudatari e i Bolanesi furono però sempre assai turbolenti e caratterizzati da continue rivolte; sul finire del XIV secolo i Malaspina dovettero accettare la supremazia di Gian Galeazzo Visconti, investito dell'autorità di vicario imperiale di Lunigiana; la superiorità viscontea divenne vero e proprio dominio nel 1398, quando quasi tutti i Malaspina, ribellatisi, vennero spossessati dei loro castelli. Alla morte di Gian Galeazzo, Bolano e altre terre furono ereditate dal suo figlio naturale Gabriele Visconti, signore di Pisa, ma nel 1408 i Bolanesi fecero dedizione al re di Francia, allora signore di Genova. Bolanorestò sotto il dominio genovese fino al 1436 quando i Malaspinna se ne impadronirono. Negli anni seguenti essi strinsero rapporti di aderenza con il duca di Milano che dal 1475 ne ebbe il governo effettivo, durante la minore età del marchese Antonio III. Bolano ritornò ai Malaspina nel 1494, cui lo tolsero momentaneamente, nel 1512 i Genovesi. Nel 1525 il duca Francesco II Sforza lo tolse però ad Antonio Malaspina, sciogliendo i Bolanesi da ogni vincolo vassallatico nei confronti del loro signore e questi ne approfittarono per darsi, lo stesso anni, al Banco di S. Giorgio. I Malaspina protestarono e ne nacque un contenzioso che fu apparentemente concluso nel 1540, quando una sentenza del Senato di Milano ne ordinò la restituzione agli abntichi feudatari. Il Banco, tuttavia, rifiutò di cedere e così Bolano passò, nel 1561, alla Repubblica di Genova, la quale nel 1586 rilevò dai Malaspina tutti i loro diritti. Divenne allora sede di podestaria, dipendente dal Commissario di Sarzana finchè, intorno al 1744, venne riunita (con Ponzano, già precedentemente compresa) alla podestaria di S. Stefano. Nel 1798, con la riforma amministrativa operata dalla Repubblica Ligure, fu capo-cantone e giudicatura di pace di II classe della Giurisdizione della Lunigiana (Sarzana); dal 1803 fu parte del cantone di Sarzana, allora unito alla Giurisdizione del Golfo di Venere (La Spezia). Sotto l'impero francese restò unita a Sarzana, nel dipartimento degli Appennini e nel 1818, con la riforma amministrativa sarda, fu compresa in quel mandamento, sottoposto alla provincia di Levante (La Spezia).

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
ente pubblico territoriale

Contesto storico istituzionale di appartenenza:
Repubblica Ligure: ordinamento territoriale

Profili istituzionali collegati:
Comune, 1859 -

Complessi archivistici prodotti:
Comune di Bolano (fondo)
Stato civile del Comune di Bolano (fondo)


Redazione e revisione:
Frassinelli Antonella, 2005/11/23, rielaborazione
Frassinelli Antonella, 2007/07/10, revisione


icona top